Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

FlashMondadori

Collana edita dalla Mondadori, curata da Marco Tropea e con Laura Grimaldi come direttore responsabile.
Con un totale di venti uscite settimanali, nel 1982 ha portato nelle edicole romanzi di azione, spionaggio, thriller e noir che non hanno conosciuto altre edizioni italiane, rimanendo tutti esemplari unici. Ha contribuito a far conoscere in Italia (seppur brevemente) alcuni personaggi d’azione molto amati all’estero: con la sola esclusione del personaggio dell’Executioner – che diviene L’Esecutore nella collana Segretissimo – nessuno di questi eroi è mai più apparso in pubblicazioni italiane.
La collana attinge in buona parte al bacino di titoli e autori della contemporanea Men of Action, serie di libri editi dalla Warner Books dedicati a storie forti d’azione con protagonisti “duri”.

«L’estate vede il debutto di una nuova collana – scrive Lia Volpatti su Il Giallo Mondadori del giugno 1982 – e potrebbe essere definita “Harmony for Men”, perché degli Harmony ha il formato e lo spessore. […] Di marca americana, i protagonisti sono i classici riparatori di torti, che agiscono per conto di agenzie segrete e combattono il crimine organizzato. […] I “Flash” sono romanzi di non più di 150 pagine e costeranno 1.500 lire cad. L’editore è Mondadori. Gli ingredienti sono azione, spionaggio, avventura. Sono libri di veloce, facile, scorrevole lettura. Sono, in sostanza, dei telefilm stampati».

Gli autori

Quasi tutti i nomi degli autori della collana sono pseudonimi: a volte a partire da un nome reale, a volte inventati. Le grandi case editrici (come la Warner Books in questo caso) commissionavano decine e decine di romanzi all’anno, che gli scrittori “titolari” non potevano umanamente gestire. L’uso di ghostwriter e di pseudonimi collettivi era usanza costante e regolare, e non sempre è facile risalire agli autori originali.
Gli autori della collana sono quasi tutti inediti in Italia.

Lionel Derrick, pseudonimo collettivo utilizzato da Chet Cunningham e Mark Roberts per i 53 romanzi dedicati al personaggio del Penetrator, dal 1973 al 1984. Cunningham è un prolificissimo autore di romanzi d’azione che ha firmato anche alcune storie di Mack Bolan l’Esecutore (qui chiamato Executioner). Al di là dei due romanzi in questa collana, l’autore è inedito in Italia.

Dane Hartman, pseudonimo usato da Ric Meyers e Leslie Alan Horvitz per firmare, fra il 1981 e il 1983, 12 avventure di “Dirty” Harry, che doveva essere il personaggio principale della collana “Men of Action” della Warner Books. (Da notare che le iniziali del personaggio e dello pseudonimo scelto sono identiche: D.H., D.H.) La maggior parte delle storie sono firmate da Ric Meyers, prolificissimo romanziere nonché saggista di cinema (anche marziale), che ha firmato anche storie per Mack Bolan, l’Executioner.

Serge Jacquemard, autore francese di polizieschi: non si sa molto di più! In Italia sono apparsi 5 suoi romanzi su Segretissimo, ma dall’inizio degli anni Ottanta l’autore è scomparso dall’editoria nostrana.

Brad Latham, misterioso pseudonimo utilizzato esclusivamente per i cinque romanzi dedicati al personaggio di Bill Lockwood, detto The Hook. Al di là dei due romanzi in questa collana, l’autore è inedito in Italia.

Warren Murphy, nato giornalista dopo aver partecipato alla Guerra di Corea si dà alla politica. «Quando tutti quelli con cui lavoravo sono finiti in galera – ha detto, – ho capito che Dio mi avvertiva che dovevo cambiare lavoro». Inizia così le carriere parallele di insegnante di scrittura creativa al college e romanziere di action. Oltre un gran numero di romanzi, ha firmato insieme a Richard Ben Sapir un centinaio di libri di Remo Williams, detto Destroyer, prima di lasciare ad altri la firma di una collana che ha superato i 150 numeri. (Fra i ghostwriter della collana c’è anche Ric Meyers, che scrisse gran parte dei romanzi di “Dirty” Harry.) Quasi del tutto inedito in Italia, oltre ai romanzi presenti in questa collana Murphy appare in Segretissimo con Russia Connection (n. 1272) e come co-autore del thriller Re per sempre (Longanesi 1992).

Don Pendleton, veterano della Seconda guerra mondiale nonché acclamato padre dell’action adventure, ha un difetto: è deceduto nel 1995! Visto che i suoi personaggi non potevano morire con lui, si è deciso di provvedere a questo difetto mantenendo vivo il suo nome fino ad oggi tramite un esercito di ghostwriter. Della sua sterminata bibliografia, sono giunti in Italia solo i romanzi con protagonista Mack Bolan, detto Executioner (o l’Esecutore, una volta passato a Segretissimo): una collana attiva tutt’oggi con più di 400 titoli, quasi nessuno scritto dal titolare. Quello presente in questa collana, il primo della serie, è l’unico scritto da Pendleton ad arrivare in Italia ed è l’unico suo romanzo tradotto in generale nella nostra lingua.

Buck Sanders, pseudonimo collettivo utilizzato da Thomas Adcock e Jeffrey Frentzen per 5 romanzi con protagonista l’agente Ben Slayton, detto T-Man. L’unico presente in collana è scritto da Adcock, noto in Italia anche per il suo Il colore della follia, Il Giallo Mondadori n. 2631 (1999). Come Buck Sanders non esistono da noi altri titoli.

Daniel T. Streib, giornalista, fotografo e ufficiale nella Guerra di Corea, diventa in seguito prolifico autore di narrativa di ogni genere – partecipando anche alla serie di Nick Carter – firmando come Dan Streib 14 romanzi, tra il 1980 e il 1981, con il personaggio di Hawk e 9 con la squadra Counter Force. Di quest’ultima serie fanno parte due Segretissimo dello stesso autore, per il resto inedito in Italia.

FLASH e cinema

Dal primo episodio del “Destroyer” (n. 2 in collana) nel 1985 è stato tratto il film Il mio nome è Remo Williams (Remo Williams. The Adventure Begins) di Guy Hamilton. Doveva essere il primo di una serie, ma non se ne fece più nulla. Il personaggio ritorna nel film televisivo Remo Williams (1988) e poi scompare dagli schermi. Al contrario conosce una fortuna letteraria di ampie proporzioni in patria.
La serie “Brigata antigang” (Flic de choc) è edita in patria dalle Éditions Fleuve Noir. Dal terzo episodio (n. 14 in collana) nel 1983 Jean-Pierre Desagnat ha tratto il film Flics de choc. Alcuni personaggi tornano nel 1994 con il film televisivo Flics de choc. Le dernier baroud di Henri Helman.

Il personaggio di “Dirty” Harry Callahan nasce dal grande successo cinematografico di quello che in Italia è meglio conosciuto come l’ispettore Callaghan. (Rimane un mistero la comparsa della “g” del cognome nel doppiaggio italiano dei film.) Le avventure letterarie proseguono idealmente quelle filmiche, e in alcuni casi vi si riallacciano con situazioni e personaggi. Questi romanzi nacquero dal fatto che Clint Eastwood era in quel momento più che deciso a non interpretare più il personaggio al cinema, così la Warner cercò di sfruttare su carta “Dirty” Harry. Una clausola del contratto che i ghostwriter firmarono prevedeva che qualsiasi cosa da loro scritta poteva essere usata da Clint in qualsiasi modo egli volesse. Una volta tornato ad imbracciare la sua Magnum. 45, la serie di libri fu chiusa.

LE USCITE IN EDICOLA

1. [Hawk 1] Il crociato della morte (The Deadly Crusader, 1980), di Dan Streib [19 giugno 1982] Traduzione di Guido Zurlino
Sostiene che i guai non se li cerca, ma che i guai cercano lui. Non è del tutto vero. Michael Hawk non si scansa certo di fronte al pericolo: ci si butta a capofitto. È spericolato, e anche ficcanaso. Appena uscito da una brutta avventura, ricomincia daccapo. Mar Nero, Turchia, isole della Grecia. Lungo una rotta che dovrebbe essere di tutto riposo, semina vento e raccoglie tempesta. Ma raccoglie anche a piene mani donne e quattrini.

2. [Destroyer 1] Arriva il Distruttore (Created, the Destroyer, 1971), di Warren Murphy [26 giugno 1982] Traduzione di Grazia Alineri
Condannato a morte per un crimine che non ha commesso, Remo Williams viene risuscitato e riprogrammato. Non come un normale essere umano, ma come una fredda e precisa macchina di morte, creata per distruggere allo scopo di difendere. Remo diventa il Destroyer, l’arma superefficiente che non esiste, alle dipendenze del CURE, l’agenzia supersegreta che non esiste. E assieme al leggendario Chiun, il più enigmatico guerriero mai prodotto dall’Oriente, fa tremare il mondo del crimine organizzato. È una nuova epoca nella lotta dell’uomo contro le forze del male. È l’ora del Destroyer.

3. [Brigata antigang 1] La banda dei sex-shop (Gangs chinois sur Paris, 1981), di Serge Jacquemard [3 luglio 1982] Traduzione di Alberto Farina
Azione rapida, brutale, efficace, incursioni da commando, scazzottature, tiri folgoranti e millimetrati: questi gli imperativi del gruppo IV della Brigata antigang. Giubbotti antiproiettile, due pistole a testa, colpo in canna, il commissario Beauclair e il suo aiuto Audray, l’aristocratica russa Wanda Rumanoff, il pied-noir Scordia e l’ex parà F.T.N. sanno centrare un fiammifero da cento metri. Questa volta il loro bersaglio è una banda di racketteurs asiatiques, il clan dei saigonesi, che taglieggia i sex-shop di Parigi. Ma che ci fanno all’improvviso in questa storia gli americani e i cento ostaggi bloccati sulle scale mobili del Centro Beaubourg?

4. [Penetrator 1] Bersaglio H (The Target is H, 1973), di Lionel Derrick [10 luglio 1982] Traduzione di Piero Anselmi
È alto e snello, di una razza esplosiva: parte gallese, parte pellerossa. Esperto in karaté, aikido e perfino nel tiro con l’arco, rappresenta un nuovo tipo di guerriero, senza gradi e senza uniforme. Si chiama Mark Hardin. Impegnato a difendere la legge anche contro la stessa legge, scende in campo per combattere la Big H, la grande H: l’eroina. È l’inizio di una lunga serie di guerre personali e solitarie.

5. [Hawk 2] L’ammazza-sette (Mind Twisters, 1980), di Dan Streib [17 luglio 1982] Traduzione di Guido Zurlino
Il crociato della morte desidera solo scialacquare le sue ricchezze. Donne e yachts, donne e jets privati… e ancora donne. Ma un’orda di fanatici religiosi, nel Minnesota, blocca i suoi progetti. E allora, all’improvviso, Hawk parte per Hong Kong sottobraccio a una rossa. Per punire, per reprimere, per liquidare.

6. [Destroyer 2] Anonima cervelli (Death Check, 1972), di Warren Murphy [24 luglio 1982] Traduzione di Grazia Alineri
Un gruppo di scienziati e di intellettuali. Un progetto di ricerca super-super. Il primo più il secondo: il controllo del genere umano. Un’agenzia che non esiste. Un agente che non esiste… il Destroyer. La prima più il secondo: una lotta all’ultimo sangue contro il piano diabolico di chi ha pensato troppo. Si salvi chi può.

7. [Brigata antigang 2] Violenza stradale (R.N. 86 Reine du viol, 1980), di Serge Jacquemard [31 luglio 1982] Traduzione di Alberto Farina
Sulle strade di Francia si muore ogni giorno, ma sulla statale RN 86 si muore ammazzati. Tra il 30 giugno e il 9 agosto dodici omicidi e sei stupri. Sei donne, sei turiste imprudenti che hanno passato la notte dentro la loro auto, parcheggiata in una piazzola alla mercè del Grande Stupratore. Bisogna fermare il massacro. Il commissario Jacques Beauclair e i membri del gruppo IV della Brigata antigang hanno teso allo Stupratore una trappola machiavellica. Ci cadrà? Il Grande Stupratore della RN 86 è un duro, non c’è dubbio. Ma tanto meglio! Sarà una preda d’eccezione per dei poliziotti d’eccezione.

8. [Penetrator 2] Mister Azione (Blood on the Strip, 1973), di Lionel Derrick [7 agosto 1982] Traduzione di Pietro Anselmi
Lo chiamano Penetrator. Ha sangue cheyenne nelle vene e non ha mai dimenticato il suo passato. Conosce tutti gli aspetti della vita e sa che spesso la vita è male. Ed è il male a portare il Penetrator a Las Vegas. Una città nata dalla corruzione e nutrita dall’avidità. Una città dove non è tutto oro quello che luccica: potrebbe essere il bagliore di una lama destinata al cuore del Penetrator.

9. [Dirty Harry 1] Duello di Magnum (Duel for Cannons, 1982), di Dane Hartman [14 agosto 1982] Traduzione di Gianni Montanari
“Dirty” Harry Callahan avanza a colpi di pistola dalle strade malfamate di San Francisco agli insidiosi vicoli di San Antonio. Bersaglio: un boss del crimine che tiene in pugno l’intera città, inclusi i poliziotti. Harry è solo. Tra lui e la morte non c’è niente, tranne la sua Magnum .44 e la sua capacità di sferrare colpi bassi. Che carogna, questo Harry!

10. [Destroyer 4] Una dose da cavallo (Mafia Fix, 1972), di Warren Murphy [21 agosto 1982] Traduzione di Grazia Alineri
La torta è grossa. Quindicimila dollari alla fetta. Una torta bianca, bianca, bianca. Come “neve”. E altrettanto pura. Ma questo è niente, rispetto alla torta che sta per arrivare. Ne è interessato il New Jersey. Ne è interessata la Casa Bianca. Ne sono interessate le Nazioni Unite. E, naturalmente, la Mafia. OK, ne è interessato anche il Destroyer. Sarà una grande, splendida, pantagruelica abbuffata.

11. [The Hook 1] Ugola d’oro (The Gilded Canary, 1981), di Brad Latham [28 agosto 1982] Traduzione di Antonio Veronesi
Bill Lockwood, investigatore sempre in pista. Lo chiamano Hook, l’Uncino, perché tira cazzotti come un professionista. Indossa abiti di gran taglio e una Colt .38. Nei ruggenti anni Trenta fa sentire spesso il suo ruggito. E lei è bionda, levigata, affusolata, e anche ricca. Le è sparito un patrimonio in gioielli, e così incontra Hook… Intanto, sui marciapiedi di New York qualcuno aspetta di agganciare l’Uncino.

12. [Hawk 3] Elettro-Hawk (The Power Barons, 1980), di Dan Streib [4 settembre 1982] Traduzione di Guido Zurlino
Chi tocca i fili muore. Un avvertimento superato, ora che l’America sia per essere messa in ginocchio da una grossa crisi energetica. Una crisi alimentata da sabotaggi a impianti nucleari e da incendi a raffinerie. Ma esiste un potenziale energetico ancor più alto: Michael Hawk, il crociato della morte… Chi tocca Hawk muore!

13. [Penetrator 3] Nido di vip (Capitol Hell, 1974), di Lionel Derrick [18 settembre 1982] Traduzione di Piero Anselmi
Chi ha mandato due metri sotto terra l’addetto stampa della Casa Bianca, grande amico del Penetrator? Fiutando le tracce, Mark Hardin arriva a un circolo molto esclusivo, frequentato dalla migliore società. Cosi esclusivo che gli intrusi non vengono accompagnati alla porta, ma ammazzati. Ma anche questo sarebbe niente, per il Penetrator se non ci si mettessero di mezzo un gran pezzo di bionda, e la polizia.

14. [Brigata antigang 3] Un balletto rosa shocking (Pièges pour fugueuses, 1981), di Serge Jacquemard [25 settembre 1982] Traduzione di Alberto Farina
La Francia intera è sbigottita. Nel corso di una trasmissione televisiva Sylvie e Marie-Christine, due ragazze scappate di casa, testimoniano la terrificante realtà della tratta delle minorenni. Ma Marie-Christine viene assassinata, e poco dopo anche Sylvie… Un killer professionista agisce nell’ombra. Il commissario Beauclair e i membri del gruppo IV della Brigata antigang devono bloccare gli schiavisti del sesso. Ma è duro risalire la pista, prima dell’esplosione finale!

15. [Dirty Harry 2] Morte sui docks (Death on the Docks, 1981), di Dane Hartman [2 ottobre 1982] Traduzione di Gianni Montanari
Qualcuno più carogna di Callahan c’è, su questo mondo. Il capo dei sindacati portuali Matt Braxton, per esempio: il peggiore boss dei moli, dalla California ai Caraibi. È abbastanza corrotto da arruffianarsi la mala, abbastanza ricco da permettersi molti santi in paradiso, abbastanza spietato da ammazzare chi si mette in mezzo. Ma adesso è Harry la Carogna a sbarrargli la strada, e non ha intenzione di spostarsi nemmeno di un millimetro.

16. [The Hook 2] L’affare Northstar (Sight Unseen, 1981), di Brad Latham [9 ottobre 1982] Traduzione di Antonio Veronesi
La scienziata dai capelli rossi è un sacco carina quando si toglie gli occhiali. Ed è ancor più carina quando si toglie tutto il resto… Siamo sinceri, se lo meriterebbe proprio il premio Nobel, a letto. Peccato doverla punire! Peccato che la sappia troppo lunga sulla catastrofe che incombe. Hook, il Gancio, non può fare a meno di tuffarsi in quest’affare. Si chiama Bill Lockwood, investigatore per le assicurazioni. Fuma Camel e usa una Colt .38. E non può soffrire un certo Adolf H. con le sue manie di dominare il mondo.

17. [Hawk 4] I predatori (The Predators, 1980), di Dan Streib [16 ottobre 1982] Traduzione di #
Spossato dall’ultima avventura, Hawk cerca un paradiso dove poter tirare il fiato… e restare vivo. Una crociera nei Caraibi, per esempio. Ma per Michael non c’è pace neanche in alto mare. A togliergli il sonno ci pensano una bella donna, la sua giovanissima figlia e un assassino sadico.

18. [Executioner 1] Guerra alla guerra (War Against the Mafia!, 1969), di Don Pendleton [23 ottobre 1982] Traduzione di Marco e Dida Paggi
Nessuno ha mai osato sfidare i re del crimine. L’Executioner non solo li sfida, ma li uccide, li mutila, li smonta pezzo a pezzo. Questo non è un libro gradevole, non è per i deboli di cuore o per i delicati di stomaco. È un libro da uomini!

19. [Destroyer 5] Il signore dei terremoti (Dr. Quake, 1972), di Warren Murphy [30 ottobre 1982] Traduzione di Grazia Alineri
Il signore dei terremoti ha inventato un meccanismo folle che provoca e controlla le scosse telluriche. A Remo Williams il compito di impedire che la terra tremi. Non si interferisce con Madre Natura, se non ci si vuol trovare contro uno dei suoi migliori prodotti: il Destroyer.

20. [T-Man 1] Il pericolo è alle porte (A Clear and Present Danger, 1981), di Buck Sanders [6 novembre] Traduzione di Antonio Veronesi
È ambizioso, è giovane, è sicuro di sé. Ama le donne, i motori e l’avventura. Aspetta solo la buona occasione. È Ben Slayton, il T-Man, il Treasury-man, l’asso del dipartimento del Tesoro. Quando i senatori americani cominciano a cadere come birilli, Ben trova finalmente pane per i suoi denti. E sarà Ben contro The Wolf, il legionario pazzo che sfida gli Stati Uniti.

Biblioteca FLASH

Nell’ottobre del 1982 viene pubblicato un supplemento alla collana Cerchiorosso. I libri dell’avventura dal titolo “Biblioteca dell’avventura”, curato da Tropea e Grimaldi: in copertina campeggia la scritta FLASH. Biblioteca Harry Shulz. Quello che segue è l’unico romanzo di questa collana di cui si abbia notizia:

Il sesto uomo (La maffia à Paris, 1974) di Serge Jacquemard – ottobre
Quando il Sindacato del Crimine ti chiama, è meglio rispondere. E se ti affida una missione, è meglio portarla a termine al più presto, a perfezione. Anche se non è un incarico da poco, come quello affidato a Harry Shulz: eliminare sei personaggi scomodi, coinvolti nel traffico della droga. Harry è un vecchio sicario, con il pelo sullo stomaco e il fegato a prova di bomba e di bourbon. Ma ammazzare sei gangster non è un gioco da ragazzi; bisogna indagare, organizzare, tessere sottili trame. E l’errore è sempre in agguato: capita di valutare male il nemico, e ancor peggio di considerare amico chi non lo è. Ogni sbaglio è un cadavere, nella girandola d’azione che coinvolge Harry Shulz. Un cadavere che può essere il tuo o quello della tua splendida amica.

Annunci