Tag

,

Mysterica

Mysterica è una collana da edicola della casa editrice Piemme dedicata a romanzi thriller con forti componenti misteriche se non addirittura paranormali. Sono ristampe in edizione economica di titoli già editi dalla casa, ed alcuni sono a forte sospetto di “italiani sotto copertura”.
«Misteri, antichi segreti e oscure verità»: questo il lancio della collana, in edicola con due romanzi ogni due mesi al prezzo di 6,50 euro.

Elenco delle uscite
La data fra parentesi quadre si riferisce all’uscita in edicola,
mentre la trama è presa dalla quarta di copertina

1. Il testamento di Gesù (The Testament, 2006), di Eric Van Lustbader [luglio 2010] Traduzione di Lia Volpatti
Braverman – Bravo per gli amici – Shaw ha sempre saputo che suo padre aveva dei segreti. Da piccolo, gli faceva risolvere strani enigmi e crittografie e, una volta cresciuto, lo lasciava spesso da solo, scomparendo per lunghi periodi. Ma è solo quando Dexter Shaw muore in una misteriosa esplosione che Bravo scopre l’enormità del segreto del padre, membro da anni dell’Ordine degli Gnostici Osservanti, una setta fondata dai seguaci di San Francesco d’Assisi e ritenuta estinta secoli prima. Per più di ottocento anni, l’Ordine ha tenuto celato una preziosa reliquia in grado di scuotere fin dalle fondamenta la cristianità: un frammento del testamento attribuito a Gesù Cristo in persona. Dexter era l’ultimo Custode del documento e, prima di morire, lo ha nascosto in un luogo segreto. Ora spetta a Bravo, studioso medioevale e criptologo, raccogliere l’eredità paterna seguendo gli indizi lasciati per lui. Ad accompagnarlo c’è Jenny, una Guardiana dell’Ordine che ha il compito di proteggerlo. Un’impresa ardua, perché Bravo scopre in fretta che molti sarebbero disposti a tutto, anche a mentire e a uccidere, pur di impossessarsi del frammento. Un’altra società segreta, i Cavalieri di San Clemente, originariamente fondata e sostenuta dal papato, insegue il reperto fi n dai tempi delle crociate. Bravo è l’ultimo ostacolo che separa i Cavalieri dal loro obiettivo, e non si fermeranno davanti a niente e a nessuno pur di raggiungerlo.

2. I maestri oscuri (The Owl Killers, 2009), di Karen Maitland [luglio 2010] Traduzione di Annalisa Crea
Inghilterra, 1321. Il gufo è stato gettato sulla soglia di casa sua, morto; gli occhi sbarrati sembrano accusarlo. Giles conosce il significato di quel macabro dono, sa che è ben più di un avvertimento: i Maestri Oscuri stanno per venire a prenderlo, per assalirlo nella foresta o nel suo letto. Lo puniranno per i suoi peccati.Dopo qualche settimana di terrore, infatti, un gruppo di uomini con i mantelli scuri lo accerchia, i visi nascosti da maschere da gufo. Lo agguantano, lo feriscono e lo portano via, per sempre. Giles viene sacrificato agli dei, il giorno della fiera del primo maggio, perché non è stato in grado di resistere alle tentazioni.Nessuno nel villaggio ha mai osato opporsi agli atroci soprusi perpetrati dall’antica setta. Da qualche anno, però, è giunto dal nord della Francia un gruppo di donne, le seguaci di Marta, con l’intento di stabilirsi a Ulewic e di portarvi un messaggio di pace. Sono loro le prime a sollevarsi in difesa dei deboli.Quando i Maestri si accorgono dell’influenza che le straniere cominciano ad avere sulla gente, capiscono che quelle che erano sembrate delle innocue religiose potrebbero trasformarsi in una minaccia al loro potere. C’è un unico modo per eliminarle: farle diventare agli occhi del popolo l’incarnazione di ciò che più teme. Saranno accusate di essere delle streghe, di aver ucciso gli animali e distrutto i raccolti, uniche ricchezze dei contadini, di aver portato il più terribile dei mali: la peste. E forse neppure la sacra reliquia che nascondono sarà in grado di proteggerle dall’ira funesta degli Oscuri.

3. La cospirazione del Graal (The Grail Conspiracy, 2005), di Lynn Sholes & Joe Moore [settembre 2010] Traduzione di Alessandra Roccato
«Tu sei l’unica». Sono queste le ultime parole che un archeologo in fin di vita rivolge a Cotten Stone, giovane e brillante reporter. Disposta a tutto pur di assicurarsi uno scoop, Cotten si è recata in missione in Iraq, a caccia di una storia da Premio Pulitzer. Così, quando l’archeologo le consegna una piccola scatola di legno antico pronunciando queste parole e poco dopo muore, la ragazza capisce di essere sulla pista giusta. Con l’aiuto di John Tyler, un prete studioso della Bibbia, ex allievo dell’archeologo scomparso, riesce ad aprire la scatola. All’interno si cela la scoperta più importante degli ultimi duemila anni, capace di scuotere fin dalle fondamenta l’intero mondo cattolico: il Santo Graal.

4. L’ultimo papa ([tit. orig. non specificato], 2009), di Michael Travis [probabile pseudonimo di italiano] [settembre 2010]
Con il prossimo papa, tra molte tribolazioni, Santa Romana Chiesa cesserà di esistere. Questo dice la cosiddetta “profezia dei papi” del vescovo medievale Malachia, che ha predetto con inquietante precisione la successione di tutti i pontefici della storia, fino all’ultimo.Il giornalista tedesco Konrad Polidori non ha mai sentito parlare di Malachia quando arriva a Ischia per seguire un convegno di alchimisti. Deve scrivere un articolo sull’intervento di un famoso egittologo ed esoterista, Albert Kurzweil, che ha promesso sconvolgenti rivelazioni. Rivelazioni che non arriveranno mai, perché l’uomo viene barbaramente ucciso alla vigilia del suo discorso. È proprio Polidori a trovare il cadavere, e a imbattersi nel taccuino del professore, che contiene molto più di quel che sembra.Kurzweil sapeva che la sua vita era in pericolo, per questo aveva disseminato i suoi appunti di messaggi in codice che Polidori, grande esperto di enigmistica, riesce a decifrare.Insieme a Chiara, la fotografa che collabora con lui, Konrad si imbatte così nel segreto meglio custodito dal Vaticano, un segreto che attraversa i secoli e che unisce l’antico Libro dei morti, la misteriosa Cappella Sansevero a Napoli e l’Inquisizione. E, soprattutto, il vescovo Malachia. La sua profezia sta per compiersi, la fine dei giorni si avvicina. E c’è chi è disposto a tutto per evitarlo.

5. Il progetto Atreus (The Mask of Atreus, 2006), di Andrew James Hartley [novembre 2010] Traduzione di Roberta Maresca
Atlanta, ai giorni nostri: tutto sembra tranquillo nel museo di storia naturale; nessuno potrebbe immaginare che nelle sue sale si è appena consumato un omicidio. E un furto da milioni e milioni di dollari. È Deborah Miller, curatrice del museo, a scoprire il corpo. Nella stanza segreta dietro alla libreria giace in una pozza di sangue il cadavere di Richard Dixon, fondatore del museo. Il suo corpo è coperto da tagli simili a svastiche, le braccia sono spalancate come in croce. Accanto a lui, una collezione di preziosi reperti archeologici risalenti all’antica Grecia. Ma il più importante di tutti -un’antica maschera funeraria -è stato rubato. AI suo posto un foglio su cui è scritta una sola parola, Atreus. Dai pochi indizi a sua disposizione, Deborah capisce che la chiave di tutto è in quella maschera: solo ritrovandola potrà scoprire la verità. Sfidando l’indifferenza e il disinteresse della polizia, parte per Atene, sulle tracce di uno dei più famosi scavi del mondo. Qui scopre che dietro la maschera si cela una delle più importanti scoperte archeologiche mai fatte dai tempi di Schliemann: lo scheletro perfettamente conservato di un eroe che si credeva esistesse solo nel mito. Ma non solo. Dietro quel corpo si nasconde un mistero molto più recente e pericoloso, che risale alla seconda guerra mondiale. E qualcuno è disposto a tutto pur di impossessarsi di quel corpo, qualcuno che ha già ucciso e non esiterà a farlo ancora…

6. I guardiani del tempo (2009), di Giorgio Baietti [novembre 2010]
Quando, al termine di una conferenza, Federico Burzio, noto esperto dei misteri di Rennes-le-Château, riceve un manoscritto da uno sconosciuto, non sa ancora che quelle poche pagine daranno il via a una pericolosa catena di aggressioni e di morti.Dopo aver letto le prime righe, Burzio si rende conto di essere di fronte a una nuova incredibile interpretazione delle teorie che dalla fine dell’Ottocento si sono create intorno alla figura di Bérenger Saunière, parroco di Rennes-le-Château, e al fantomatico tesoro del luogo.Decide allora di approfondire, ma scopre ben presto che l’indirizzo riportato sullo scritto è falso, così come il nome dell’autore, Aldo Marguta, che non è altro che l’anagramma delle parole “Tour Magdala”, simbolo dell’antica città francese.Pochi giorni dopo, ecco arrivare una lettera altrettanto misteriosa, in cui un antiquario sostiene di aver decifrato un codice che, traslato su una mappa, conduce proprio alla chiesa di Santa Maria Maddalena di Rennes-le-Château. Quando però Federico prova a mettersi in contatto con l’uomo, scopre che ha da poco perso la vita in un incidente che non ha nulla di casuale. Ma Burzio non è l’unico a interessarsi ai due scritti: una setta fondata due secoli prima, la Confraternita dei Vincenti, è sulle sue tracce ed è disposta a tutto pur di fermarlo.Seguendo le indicazioni della mappa, dovrà spostarsi da Parigi alla Normandia e al nord Italia, fino a tornare ancora una volta nel luogo che ha studiato per anni, e che ora potrebbe costargli la vita.

7. L’icona (The Icon, 2005), di Neil Olson [gennaio 2011] Traduzione di Alfredo Colitto
Grecia, 1944. La battaglia tra le forze della resistenza e i nazisti infuria nel villaggio di Katarini. Nella cripta della chiesa, avvolta dalle fiamme, non v’è più traccia della sacra icona raffigurante la Vergine Maria. Di fronte all’altare giace il corpo ormai privo di vita di padre Mikalis, le mani protese in un ultimo tentativo di metterla in salvo. Ma è stato tutto inutile. L’icona è scomparsa: al suo posto rimangono solo fumo e cenere. New York, 2006. Matthew Spear, studioso del Metropolitan Museum of Art, deve stimare il valore della collezione che Ana Kessler ha ereditato dal nonno, vecchio banchiere svizzero. Varcata la soglia della cappella che ospita la collezione, rimane senza parole: l’icona di Katarini è lì, davanti ai suoi occhi.

8. I fratelli oscuri (Le frère de sang, 2007), di Éric Giacometti & Jacques Ravenne [gennaio 2011] Traduzione di Paola Lanterna
Marzo 1355. Nicolas Flamel, oscuro copista di Parigi, per vie macabre e tortuose entra in possesso di un libro antico, le cui origini risalgono alla notte dei tempi. È il misterioso Libro di Adamo, custode, secondo la leggenda, di preziose formule, tra cui quella dell’oro perfetto. Nel suo laboratorio a Champ de Mars, Flamel dà corso alla sua ossessione, ma i suoi esperimenti sono avvolti da un alone di mistero. L’unica certezza è che il Libro di Adamo scompare nel nulla.Secoli dopo, ai giorni nostri, due omicidi infrangono la sacralità della sede dell’obbedienza massonica di Parigi. Le vittime sono state uccise con una spada secondo un crudele rituale. L’assassino si definisce un “fratello di sangue”, in massoneria corrispondente al grado della vendetta, uno dei più alti.Antoine Marcas, commissario di polizia massone, deve far luce sulla vicenda, seguendo un esile indizio, una frase che racchiude un enigma: La lama segue la fiaccola della perfezione.Passo dopo passo, l’indagine condurrà Marcas a New York, nei sotterranei della Statua della Libertà, monumento impregnato di simboli e rimandi massonici. Ma la ricerca lo porterà anche lontano nel tempo, all’anno 1355, e a un personaggio, Nicolas Flamel, passato alla storia come l’unico alchimista ad aver ottenuto la pietra filosofale e ad averne tramandato la formula.Marcas si accorgerà sulla sua pelle che la sete d’oro non si estingue mai. Molti, oltre al fratello di sangue, sono sulle tracce di quella formula, e sono disposti a tutto pur di averla. Molti che, pur avendo giurato fedeltà alla Ragione, sono pronti a uccidere per una miscela magica e pochi granelli di polvere gialla.

9. La Bibbia del diavolo (Die Teufelsbibel, 2009) di Richard Dübell [marzo 2011] Traduzione di Helen Verardo
Boemia, 1572. In un convento in rovina, il piccolo Andrej, di soli sette anni, assiste impotente a un efferato bagno di sangue. Un monaco impazzito si scaglia come una furia su un gruppo di donne e bambini lì rifugiatisi. Unico superstite del massacro, Andrej riesce a fuggire e porta con sé un segreto: la scoperta che in quel monastero è conservato un enorme manoscritto il cui nome è sinonimo di rovina. La “Bibbia del Diavolo”.Quattrocento anni prima, per espiare una colpa, un frate si era fatto murare vivo in una cella con l’intenzione di compiere in quell’isolamento un’impresa immane: trascrivere tutta la saggezza del mondo in un’unica opera. Resosi conto che non sarebbe riuscito a completarla prima di morire, aveva chiesto aiuto al demonio, il quale aveva portato a termine la stesura ma ne aveva distorto il contenuto. Se quel sapere corrotto fosse finito nelle mani sbagliate, sarebbe stata una catastrofe: l’inizio del dominio del Maligno.Ecco perché, da allora, sette custodi – sette monaci benedettini – tengono nascosto quel codice e sono pronti a uccidere pur di proteggere la Cristianità dalla perdizione che deriverebbe dalla divulgazione del testo. Ma ora che un semplice bambino sa, suo malgrado, che non si tratta di pura leggenda, perché il libro esiste davvero, il segreto è di nuovo in pericolo.Da quel momento, il destino di Andrej sarà inscindibilmente legato a quello di coloro che bramano il manoscritto e il suo potere, chi per il bene, chi per il male. Inquisitori e alchimisti, papi e imperatori: personaggi oscuri e potenti della terra, accomunati dalla ricerca del libro che potrebbe stravolgere le sorti del mondo.

10. Il sangue dello scorpione (2006), di Massimo Marcotullio [marzo 2011]
Dall’osservatorio sul tetto del Collegio Romano, notte dopo notte padre Athanasius Kircher scruta il cielo. A chi la sa leggere, la volta celeste svela segreti e capovolgimenti che sfuggono all’occhio profano. E quando vede delinearsi, dopo quarant’anni, una rara configurazione astrale, il gesuita non ha dubbi: eventi funesti stanno per abbattersi su Roma, in quell’anno che già porta in sé il segno del male, il 1666. L’era dello Scorpione è tornata. Di lì a poco una serie di barbari omicidi sconvolge la città. Le vittime sono tutte gesuiti, tutti decapitati, e lasciati sconciamente con le gambe scoperte. Dietro i delitti sembra celarsi la mano di uno spietato e temibile sicario, lo Scorpione. Nessuno lo ha mai visto, nessuno sa chi sia. Nessuno tranne Giovanni Battista Sacchi, detto il Fulminacci, irascibile e squattrinato pittore, che senza saperlo lo ha ritratto sul luogo del primo omicidio. Da questo momento, la sua vita è in pericolo e, per salvarsi, dovrà gettarsi in una caccia senza respiro all’assassino e scoprire il movente degli omicidi. Aiutato dall’affascinante Beatrice, cartomante e indovina, da padre Kircher, che anni prima aveva assistito ai primi delitti dello Scorpione, dal vescovo de Simara, Fulminacci dovrà affrontare agguati e processi inquisitoriali, duelli e inseguimenti per le vie e i palazzi di una Roma barocca e inquietante. E il quadro che si delinea assume dimensioni sempre più vaste, fino a varcare i confini d’Italia e a coinvolgere uomini in tonaca e teste coronate…

11. Il circolo di Cambridge (El Noveno Círculo, 2006), di Fernando S. Llobera [maggio 2011] Traduzione di Leopoldo Carra
Madrid, Venerdì Santo. Alle tre di mattina la città è deserta. Le luci del casinò illuminano i volti degli ultimi giocatori diretti verso casa. Un uomo cammina nervosamente verso la propria auto. Pensa ai soldi persi al tavolo da gioco, alla fortuna che non lo aiuta mai. Sente un rumore, forse dei passi. Un colpo secco con un oggetto pesante, poi è soltanto silenzio. Quando i poliziotti giungono sul posto, accanto al cadavere sfigurato c’è solo un biglietto con parole oscure. Ma le morti misteriose non finiscono qui. Pochi giorni prima, il corpo senza vita di una prostituta è stato ritrovato accanto al cadavere di un piccolo storno e un uomo noto per la sua vita dissoluta è morto avvelenato, con la gola trafitta da un punteruolo. Accanto a loro, altri due biglietti. Stesso stile, stessi dotti versi cifrati. Tocca al professor Sebastiao Silveira, antropologo dell’Università di Londra con legami nella polizia, fare luce sul caso mentre il numero di morti sale rapidamente e la città si tinge di sangue. Insieme a una giovane detective e ai membri del circolo “Gli amici di Cambridge”, un’associazione fondata anni prima dal padre e da alcuni amici filosofi con l’hobby di sciogliere antichi enigmi, Silveira scoprirà che le citazioni contenute nei messaggi si ricollegano tutte a un’unica opera: l’Inferno di Dante. Una mente folle sta riproducendo le punizioni inferte ai peccatori nei gironi danteschi.

12. La profezia dell’Arca ([tit. orig. non specificato], 2008?), di Michael Crane [probabile pseudonimo di italiano] [maggio 2011]
Sarà il profeta a rompere il sigillo, nel giorno che secondo il calendario copto segna l’inizio del nuovo millennio. E lui solo potrà svelare al mondo il contenuto dell’Arca dell’Alleanza. Questo è scritto nel Kebra Nagast, il Libro della Gloria dei Re, il testo sacro della religione etiope. Ma più d’uno teme quel momento, ormai prossimo. Perché ciò che l’Arca cela e protegge può mettere a repentaglio il potere di molti, sulla terra e perfino in cielo. E quindi la verità deve morire, a costo di distruggere l’Arca, a costo di uccidere il profeta, a qualunque costo. All’oscuro di tutto questo, Mary Campion arriva in Etiopia al seguito di una ONG. Giovane avvocato, passionale e idealista, ha lasciato l’America per specializzarsi in adozioni internazionali. Il giorno dell’Epifania copta, ad Aksum, Mary si imbatte in Jack Miles. L’uomo, arrivato dall’Inghilterra per conto di una multinazionale, è in fuga da un mare di guai. Presto i due si ritroveranno coinvolti in un intrigo che affonda le sue radici nell’alba dei tempi, nelle grotte degli Esseni della comunità di Qumran, nei documenti segreti dei cavalieri Templari, nelle oscure stanze del Vaticano, e che arriva a loro per vie complesse e pericolose.

13. La signora della notte (2009), di Luigi Spagnol [luglio 2011]
È un incidente di macchina del tutto casuale a mettere in contatto Pietro Rodano, boss mafioso, con Alvise Prosdocimi, docente di storia delle religioni, ed è la ricerca di Chiara, la giovane figlia di Rodano, a unirli in un’avventura mozzafiato che si snoda tra Europa e Medio Oriente. Impossibile trovare due persone più diverse, ma il professore è terrorizzato e disposto a tutto pur di sparire dalla circolazione. Qualche giorno prima, infatti, mentre era a cena da un collega, tre incappucciati sono penetrati nell’appartamento e hanno rapito il padrone di casa che è stato poi trovato inchiodato a un portone con una spada cruciforme. Alvise non ha alcun dubbio sul significato dell’arma: è quella con cui i franchi-giudici, all’epoca di Carlo Magno, colpivano nell’ombra, eliminando chiunque fosse sospettato di eresia.Rodano, dal canto suo, non desidera altro che trovare la figlia, sparita ormai da giorni, e la compagnia di un uomo rispettabile come il professore gli è di grande aiuto. La caccia alla ragazza scomparsa li porta sulle tracce di una setta che risale agli inizi del Diciottesimo secolo. La setta, fondata da Jacob Frank, sosteneva che solo attraverso il peccato l’uomo avrebbe avuto la rivelazione del vero Dio; i suoi scopi attuali, però, hanno perso qualsiasi intendimento mistico e mirano soltanto al controllo dell’ordine mondiale.Cercando di dipanare la fitta rete dei suoi adepti, i due amici si metteranno in pericolo di vita, ma troveranno al loro fianco il più impensabile degli alleati.Da Lubecca a Roma, da Gibilterra a Beirut, un thriller ricco di colpi di scena che trasporta il lettore in un universo oscuro le cui radici affondano nella storia.

14. Il teatro delle ossa (The Kingdom of Bones, 2007), di Stephen Gallagher [luglio 2011] Traduzione di Marco Zonetti
Inghilterra, 1888. Una serie di orribili delitti sta insanguinando le Midlands quando una soffiata attira l’attenzione degli investigatori sulla compagnia teatrale di Edmund Whitlock, impegnata in una tournée nei teatri di provincia: le date del cartellone coincidono con quelle dei macabri ritrovamenti di ragazzini seviziati. L’attenzione della polizia si concentra su Tom Sayers, impresario della compagnia con un passato di pugile drammaticamente interrotto. L’uomo è innocente, ma viene incastrato e arrestato. Riesce però a evadere e, una volta in fuga, si rivolge in cerca di aiuto all’amico Bram Stoker, il creatore di Dracula, anch’egli direttore di un importante teatro londinese.Insieme indagano sui misteriosi delitti e, grazie ai legami di Stoker con il mondo dell’esoterismo e dell’occulto, intraprendono una sorta di viaggio misterico che li porta fino alla figura immortale dell’Errante, maestro diabolico che si incarna in chi è disposto ad accoglierlo votandosi alla dannazione. Quando Sayers capisce che anche Louise, la giovane attrice di cui è profondamente innamorato, è in grave pericolo, decide di immolarsi per la salvezza della ragazza. Inseguito a sua volta dall’infaticabile ispettore Sebastian Becker, sprofonderà insieme a Louise in una spirale di degradazione, passando dal Vecchio al Nuovo Continente, tra le quinte di teatri sempre più infimi e i baracconi delle fiere, fino all’unica possibilità di redenzione: un baratto che ha come pegno l’anima.

15. La congiura Casanova (Conjuration Casanova, 2006), di Éric Giacometti & Jacques Ravenne [settembre 2011] Traduzione di Paola Lanterna
A Parigi, al termine di un’asta infuocata, un manoscritto inedito di Giacomo Casanova viene venduto per una cifra astronomica a un anonimo compratore. Sono pagine perdute delle Memorie del grande seduttore, ma nessuno sa con esattezza che cosa contengano. Intanto in Sicilia, a Cefalù, vengono trovati nove corpi carbonizzati, cinque uomini e quattro donne. Pare siano stati uccisi in un rito sacrificale da Dioniso, il guru della setta di cui facevano parte. Solo una donna, Anaïs, è riuscita a fuggire e ha fatto perdere le sue tracce. Quando nella capitale francese il ministro della Cultura traccia col proprio sangue una stella sul muro della sua camera prima di sprofondare nella pazzia, le strade del commissario massone Antoine Marcas, di Anaïs e di Casanova si intrecciano. Perché la stella è una carta dei tarocchi di Thot, ideati alla fine dell’Ottocento da Aleister Crowley, discussa figura di massone e satanista. Ed è a Crowley, la Grande Bestia come si faceva chiamare, che si rifà Dioniso. E Crowley a sua volta era un ammiratore di Casanova. Che cosa può aver nascosto di così prezioso in quelle pagine il veneziano, noto massone di alto grado e appassionato esoterista, da spingere persone a uccidere, o a impazzire? Marcas stavolta scoprirà a suo rischio che il connubio amore e morte è molto più di un luogo comune.

16. Il fabbricante del fuoco (2007), di Massimo Marcotullio [settembre 2011]
Nel 674 d.C. una micidiale arma salvò Bisanzio dall’assedio dei musulmani, un fuoco che, una volta appiccato, né acqua né sabbia potevano spegnere. La sua formula era nota solo all’imperatore e a pochi artigiani, vincolati al segreto pena la morte. Era custodita tanto gelosamente che nel corso dei secoli andò perduta e non se ne trovò più traccia. Mille anni dopo, c’è qualcuno disposto a tutto pur di ritrovare quella formula. È Hettin, l’agha di Algeri. Con quell’arma il suo potere in patria non avrebbe rivali. Ma le sue mire si spingono ben oltre, verso Occidente. Orde di fanatici si stanno raccogliendo nel deserto pronte all’azione. Un oscuro spagnolo di nome Montego, un rinnegato come ce ne erano molti nelle caotiche città turche del Seicento, lo aiuta nella ricerca. Finita nell’harem di Hettin e poi in quello dell’agha di Costantinopoli dopo essere stata catturata dai pirati, l’intrepida Beatrice scopre per caso il segreto e ne comprende il pericolo per la cristianità. Insieme al pittore Fulminacci, il suo amato che per liberarla muove mari e monti, si ritroverà catapultata nel cuore del regno della Mezzaluna. Già fuggiti da Roma per sottrarsi alle grinfie dell’Inquisizione, Beatrice e Fulminacci affronteranno gli intrighi di nuove ed esotiche corti, inseguimenti nel deserto e mille altre peripezie per evitare che i cospiratori si impossessino del micidiale fuoco.

17. Il quarto segreto ([tit. orig. non specificato], 2008?), di Joseph Thornborn [probabile pseudonimo di italiano] [novembre 2011]
Coimbra. In una stanza illuminata dalla luce fioca di una lampada, suor Lucia, l’ultima testimone dell’apparizione di Fatima, attende che la morte le regali finalmente la quiete. Ma prima di abbandonarsi al suo abbraccio, ha un ultimo compito: affidare alla consorella che le è accanto il segreto che ha custodito nel cuore per tutti questi anni. Un segreto tremendo e potente che va oltre le tre profezie rese pubbliche e che la Chiesa è disposta a tutto pur di mantenere celato. Perché è in gioco il destino dell’umanità intera.Quando John Costa, giornalista della «Reuters» inviato al Vaticano, inizia a intuirne la portata, decide di partire alla volta di Coimbra e tentare di fare luce sulla vicenda. Qui le sue indagini si incrociano con le scoperte di una giovane ricercatrice inglese, Kate Duncan, che, dopo essere riuscita a isolare un temibile virus, è stata inspiegabilmente allontanata dal suo laboratorio e derubata di tutti i suoi file. Kate e John scopriranno che la soluzione dei due enigmi è un’unica, sconcertante verità, e che coloro che ne tessono le fila si nascondono dietro un’impenetrabile facciata di rispettabilità.

18. L’apprendista fiammingo (Die Farbe Blau, 2005) di Jörg Kastner [novembre 2011] Traduzione di Pier Paolo Battistelli e Silvana Nolli
1584: Guglielmo d’Orange, governatore generale dei Paesi Bassi, viene assassinato da un giovane cattolico. Catturato e torturato senza pietà dalle guardie, poco prima di morire, il ragazzo lancia una maledizione destinata a perseguitare per almeno un secolo gli abitanti di quelle terre. 1669: in una cella di Amsterdam un prigioniero viene trovato morto. Accanto a lui, un quadro in cui predomina un intenso colore blu, a quei tempi temuto da tutti perché ritenuto il colore del diavolo. Quando, poco dopo, il misterioso quadro scompare nel nulla e l’uomo che ne era entrato in possesso muore, il pittore Cornelis Suythof, amico della vittima, decide di investigare.

– Ultimi post simili:

Annunci