Tag

, , , , , ,

misteroAltra chicca dalle seconde bancarelle del 2014, anche se purtroppo in un’edizione poco pregiata. “I racconti del terrore e del mistero”, celebre antologia di Sir Arthur Conan Doyle nell’edizione Oscar Gialli n. 42, seconda ristampa del marzo 1986. Visto però che vorrei completare la schedatura di questa collana della Mondadori, cade a fagiuolo!

La scheda di Uruk:

I racconti del terrore e del mistero (The Conan Doyle Stories, 1929) di Sir Arthur Conan Doyle – “Opere di Sir Arthur Conan Doyle”, Mondadori (luglio 1965), traduzione di Paola Forti
I racconti del terrore:
L’imbuto di cuoio (The Leather Funnel, da “McClure’s”, novembre 1902)
Il caso di Lady Sannox (The Case of Lady Sannox, da “The Idler”, novembre 1893)
Il terrore del Blue John Gap (The Terror of Blue John Gap, da “The Strand”, agosto 1910)
Il gatto brasiliano (The Brazilian Cat, da “The Strand”, dicembre 1898)
I racconti del mistero:
Il treno scomparso (The Lost Special, da “The Strand”, agosto 1898)
L’uomo dagli orologi (The Man with the Watches, da “The Strand”, luglio 1898)
Il dottore nero (The Black Doctor, da “The Strand”, ottobre 1898)
La stanza degli incubi (The Nightmare Room, da “The Strand”, dicembre 1921)
Lo specchio d’argento (The Silver Mirror, da “The Strand”, agosto 1908)

La trama:

Riuscirà lo spettatore di questo dramma a svelare il mistero dello specchio d’argento? Riusciranno gli altri personaggi a spezzare la catena di terrore e di orrori che li accerchia senza posa? Magiche reincarnazioni, visione occulte, crimini misteriosi che nessun detective a risolvere popolano le pagine dei “Racconti del terrore e del mistero”, nei quali Conan Doyle, abbandonata per un momento la detection scientifica di Sherlock Holmes, lascia scorrere liberamente la vena fantastica e fa sfoggio della sua straordinaria abilità di raccontare.

L’incipit:

«Ho avuto una vita che per varietà romanzesca potrebbe, credo, essere difficilmente superata. Ho conosciuto che cosa significhi essere povero, e ho goduto di una discreta agiatezza. Ho vissuto ogni forma di esperienza umana. Ho conosciuto molti degli uomini più insigni del mio tempo… Ho assistito a tre guerre: la sudanese, la sudafricana e la tedesca… La mia vita è costellata d’avventure d’ogni genere…»

A parlare è Conan Doyle in persona, dall’introduzione firmata da E.A.

L.

– Ultimi post simili: