Tag

, , ,

KalkisVecchio numero de “I Classici del Giallo Mondadori” regalato da un amico, insieme ad altri volumi, per liberarsi casa: tutto materiale per gli Archivi!
Ricordo che la copertina è illustrata da Oliviero Berni.

La scheda di Uruk:

282. L’affare Kalkis (The Greek Coffin Mystery, 1932) di Ellery Queen [15 novembre 1977] Traduzione di Cesare Giardini

La trama:

GreekCoffin«Per un attimo, tutti rimasero in silenzio, poi l’incantesimo si spezzò improvvisamente. La figura incappucciata lanciò un grido soffocato che non aveva niente d’umano. Si raccolse come una pantera che sta per spiccare un balzo, trasse rapidamente una pistola automatica, e il dramma cominciò. La cupa figura, fissando uno sguardo felino su Ellery, lo distinse tra le altre sagome raggruppate vicino alla porta. Un dito premette il grilletto della pistola…»
Queste sono le ultime battute di una «sinfonia delittuosa» composta con perfetto crescendo drammatico da Manfred B. Lee e Frederic Dannay, i due «maghi» del Giallo riuniti sotto lo pseudonimo di Ellery Queen. La vicenda, che inizia con la morte improvvisa di un ricco collezionista d’arte di New York, procede complessa, con un ritmo sempre più incalzante, e mette a dura prova l’acume dell’infallibile Ellery, prima che egli riesca a smascherare un diabolico assassino.

L’incipit:

L’“Affare Kalkis” cominciò con una nota cupa. Cominciò, e questo era singolarmente in accordo con quello che doveva venire dopo, con la morte d’un vecchio.

L.

– Ultimi post dei “Classici”:

– Ultimi post del “Giallo”:

Annunci