Tag

, , , , , , , ,

CG1326Oggi è il turno di ripescare l’antologia “Le memorie di Sherlock Holmes” come sono apparse nel numero 1326 della collana I Classici del Giallo Mondadori.

La scheda di Uruk:

1326: Le memorie di Sherlock Holmes (The Memoirs of Sherlock Holmes, 1894) di sir Arthur Conan Doyle [9 luglio 2013] Traduzione di Maria Gallone
Barbaglio d’argento (Silver Blaze, da “The Strand”, dicembre 1892)
La faccia gialla (The Adventure of the Yellow Face, da “The Strand”, febbraio 1893)
L’impiegato dell’agente di cambio (The Adventure of the Stockbroker’s Clerk, da “The Strand”, marzo 1893)
Il Gloria Scott (The Adventure of the «Gloria Scott», da “The Strand”, aprile 1893)
Il cerimoniale dei Musgrave (The Adventure of the Musgrave Ritual, da “The Strand”, maggio 1893)
I Signori di Reigate (The Adventure of the Reigate Squire, da “The Strand”, giugno 1893)
L’uomo deforme (The Adventure of the Crooked Man, luglio 1893)
Il paziente fisso (The Adventure of the Resident Patient, da “The Strand”, agosto 1893)
L’interprete greco (The Adventure of the Greek Interpreter, da “The Strand”, settembre 1893)
Il patto navale (The Adventure of the Naval Treaty, da “The Strand”, ottobre-novembre 1893)
Il problema finale (The Final Problem, da “The Strand”, dicembre 1893)

La trama:

In un antico cerimoniale, collegato alla scomparsa di due domestici, si cela il segreto della casata dei Musgrave. Un enigmatico messaggio provoca una morte improvvisa: quali terribili eventi evoca il nome del brigantino Gloria Scott ? In una tenuta di Reigate, nel Surrey, un semplice frammento di carta è forse l’indizio chiave per spiegare uno strano furto e anche un omicidio. Un uomo è ossessionato dal sospetto che la moglie gli nasconda qualcosa d’inconfessabile. Un trattato navale top secret viene sottratto a un funzionario del Foreign Office. Dalla sparizione di un cavallo da corsa al misterioso ingaggio notturno di un interprete greco, in attesa dello scontro finale con il diabolico professor Moriarty presso la cascata del Reichenbach in Svizzera, Sherlock Holmes torna con le armi della logica in prima linea contro il delitto.

L’incipit del primo racconto:

— Caro Watson, temo che dovrò andare — disse Holmes, un mattino che sedevamo insieme a colazione.
— Andare? E dove?
— Nel Dartmoor… a King’s Pyland.
La cosa non mi sorprese. Mi meravigliavo anzi che Holmes non fosse coinvolto in quel caso straordinario, che era diventato l’argomento principale delle conversazioni di tutta l’Inghilterra. Per un’intera giornata il mio compagno era rimasto a misurare la stanza con i suoi lunghi passi, il mento affondato nel petto e le sopracciglia aggrottate, seguitando a caricare di tabacco fortissimo la sua inseparabile pipa, e completamente sordo alle mie domande e alle mie osservazioni.

L.

– Ultimi post simili: