Tag

Ammazzate_AngelTrovato su bancarella questo vecchio numero della collana mensile “Western” della milanese Editoriale Selecta, curata da Gabriele Tamburini.
Questo è il secondo romanzo che Frederick H. Christian (pseudonimo del britannico Frederick Nolan) dedica al suo personaggio Frank Angel, che tornerà per una decina di titoli contrassegnati da una particolarità: il loro titolo vede sempre un verbo seguito da “Angel”. Find Angel (trovate Angel), Hang Angel (impiccate Angel) e così via.

Già dal 1974 la milanese Studiopress aveva iniziato a presentare le avventure di Frank Angel, che però risultano come “già pubblicate” all’interno di questo libro della Selecta, facendo ipotizzare che le due case non fossero concorrenti. Dopo il 1975, comunque, il personaggio e l’autore scompaiono dai cataloghi italiani.

La scheda di Uruk:

4. Ammazzate Angel [Frank Angel 2] (Kill Angel, 1973) di Frederick H. Christian [luglio 1975] Traduzione di Emma Stucchi

La trama:

Kill_AngelYancey Blantine e la sua masnada di ribelli avevano raso al suolo una città e ucciso tutti i suoi abitanti, poi erano corsi a nascondersi nel loro rifugio in Messico. Il Procuratore Generale degli Stati Uniti voleva Blantine vivo. Ad ogni costo. Sapeva chi poteva farlo: Frank Angel. Sapeva anche ciò che Angel avrebbe dovuto affrontare. E per tutto il selvaggio e deserto territorio dei Blantine, la parola d’ordine era stata: AMMAZZATE ANGEL!

E, per finire, l’incipit:

— Nessuno deve toccare la mia pistola — sibilò l’uomo accanto al banco. Gould scosse la testa: malgrado le continue esperienze, c’era sempre qualcuno che doveva imparare la lezione a proprie spese. Lasciò che questo pensiero gli entrasse e uscisse dalla mente senza produrre la minima emozione. Quei tipi non lo irritavano né lo disgustavano più come un tempo. Aveva superato tutto questo, ormai.
— Ci pensi bene — disse soltanto. Non c’era minaccia, nella sua voce; il tono, anzi, era stanco, come se lui avesse voluto dare un semplice consiglio non richiesto. Ma non ci fu un solo uomo, nel saloon, che fraintese il suo atteggiamento indifferente. Molti di loro avevano visto Gould in azione, e sapevano esattamente quanto tale atteggiamento fosse ingannevole. I cittadini anziani di quell’inferno di frontiera che era Stockwood non si erano sbagliati quando avevano scelto Dick Gould come sceriffo per la loro città.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci