Cooke_HolmesEcco cosa ci aspetta a marzo nelle edicole firmato Mondadori.

Il Giallo Mondadori n. 3125: Lacrime innocenti di Rhys Bowen
Guai in vista per Molly Murphy, invitata con lo sposo, capitano della polizia di New York, a trascorrere la luna di miele nella tenuta di Brian Hannan, che intende sottoporre al poliziotto un problema che lo assilla, ma viene trovato morto ai piedi di una scogliera. È caduto, dicono i familiari: un tragico incidente. È stato spinto, pensa Molly, costretta dalle circostanze a vestire nuovamente i panni della detective privata. Del resto già all’arrivo era stata accolta da un presagio nefasto: fra i lampi, aveva scorto dietro una finestra il volto di una bambina che rideva. Peccato che la bambina risulti defunta qualche anno prima…

Il Giallo Mondadori n. 3126: Le colpe dei figli di Enrico Luceri
Napoli, un terreno desolato di periferia. Uomini in tuta bianca si muovono all’interno della zona isolata dal nastro. Un lenzuolo candido ricopre il cadavere carbonizzato di una donna di quarantatré anni, medico presso la ASL del quartiere. Il commissario Antonio Buonocore osserva. E il brivido che gli corre lungo la schiena è la migliore introduzione a una catena di omicidi le cui vittime, prive di apparenti legami tra loro, vengono stordite e bruciate vive dopo essere state convinte a seguire il loro assassino. In una corsa contro il tempo starà a lui evitare che la serie infernale prosegua all’infinito.

Sherlock Mondadori n. 7: Sherlock Holmes e la congiura dell’oppio di Jason Cooke
Difficile dedicarsi all’apicoltura, per uno che si chiama Sherlock Holmes. C’è sempre un nuovo caso di vitale importanza a distoglierlo dal suo volontario ritiro nel Sussex. Questa volta è il fratello Mycroft, per conto del governo, a richiedere la sua consulenza per decifrare enigmatiche intrusioni avvenute nelle residenze di sir Edward Muster, uomo d’affari di origini tedesche con interessi nel settore farmaceutico. La questione è delicata e occorre muoversi con la massima cautela. Corre l’anno 1912, e i rapporti già tesi fra Impero germanico e Regno Unito sono complicati dal conflitto sulla messa al bando del commercio dell’oppio, che danneggerebbe gravemente l’economia britannica. Ecco la ragione dell’improvviso arrivo a Londra del celebre investigatore: proporre al vecchio amico e biografo ufficiale di riportare in servizio la collaudata coppia. Più che prevedibile la risposta del dottor Watson, prontissimo ad affiancarlo in un’indagine pericolosa nello scenario di un’Europa sull’orlo dell’abisso.

I Classici del Giallo Mondadori n. 1366: La statuetta di terracotta di R. Austin Freeman
Strani fatti accadono al medico James Oldfield nell’esercizio della professione. Prima il misterioso ritrovamento, mentre è di ritorno da una visita, di un poliziotto in fin di vita in un bosco. Poi, l’ancor più misteriosa malattia che affligge un paziente, un ceramista specializzato nella creazione di arcaici oggetti di terracotta. I suoi sintomi lasciano temere un avvelenamento da arsenico, e le analisi lo confermano. A intuirlo, con l’abituale acume, è il maestro di Oldfield, il dottor Thorndyke, consultato in proposito. Ma nemmeno il geniale criminologo potrebbe prefigurare gli sviluppi successivi…

I Classici del Giallo Mondadori n. 1367: Perry Mason e il siero della verità di Erle Stanley Gardner
Nadine ha problemi psichici. Si è rivolta a uno specialista e, durante una seduta sotto l’effetto del siero della verità, ha confessato di aver avvelenato suo zio. La sconcertante rivelazione è stata registrata dal dottor Denair, che consulta Perry Mason sul da farsi. Le dichiarazioni della paziente sono tutelate dal segreto professionale, ma contengono una notizia di reato, che come tale dev’essere denunciato alla polizia. Il guaio è che la storia del delitto potrebbe essere un’allucinazione provocata dal pentothal. Sarebbe allora più prudente svolgere ulteriori indagini, e chi meglio dell’insigne legale saprebbe incaricarsene?

Segretissimo n. 1621: Il Professionista: Il cerchio nero di Stephen Gunn (Stefano Di Marino)
Per Chance Renard la scelta è impossibile. Uccidere il suo amico Bruno Genovese o condannare la Bimba, insostituibile e amatissima compagna di avventure. Così il Professionista affronta la più drammatica delle sue missioni. Chi è la talpa nella Divisione sicurezza europea? Genovese lo sa, ma è sparito per seguire una pista. E Chance deve ritrovarlo prima che accada l’irreparabile. In un mondo sconvolto da una nuova e più insidiosa Guerra Fredda non ci si può fidare di nessuno. Tutti possono essere al soldo del progetto Loki, un’organizzazione di spie votata a riportare l’orologio indietro di trent’anni. Tra la Croazia, Vienna, Berlino, le spiagge di Corfù e i vicoli di Lubecca, Chance chiama in campo la squadra al completo. La soluzione è una sola. Scoprire la verità. Anche se la verità, letteralmente, uccide.

Segretissimo SAS n. 2: SAS contro la CIA di Gérard de Villiers
A Teheran i responsabili locali della CIA starebbero tramando per assassinare lo Shah e rimpiazzarlo con un fantoccio. L’operazione è così segreta che nemmeno il presidente degli Stati Uniti ne è stato informato, ma i sovietici, scoperta l’esistenza del piano, minacciano di considerarlo un atto di aggressione e di essere pronti a invadere l’Iran. Una storia talmente incredibile da meritare un approfondimento. Forse si tratta di una manovra di Mosca. O forse una scheggia fuori controllo dell’Agenzia sta realmente per scatenare l’irreparabile? Non è facile discernere verità e inganni nel Grande Gioco mediorientale, a meno di inviare sul terreno un agente in grado di farlo. Malko Linge? Indovinato. Tra oscure macchinazioni e bellezze persiane, è lo scenario ideale per il Principe delle Spie.

L.

Annunci