Tag

, , , , ,

SAS200ita1Dopo 50 anni di successo inarrestabile, arriva in Italia l’ultima opera firmata dal compianto Gérard de Villiers con protagonista il celebre SAS Malko Linke, il Principe delle Spie: cosa accadrà ora al personaggio? Verrà continuato da un ghostwriter – come alcuni pensano già avvenga da anni – oppure morirà con il suo creatore? Rimaniamo in attesa…
Con un numero speciale estivo apposito, “Segretissimo SAS” (Mondadori) presenta a luglio l’atteso numero 200.

Ecco la scheda di Uruk:

1. La vendetta del Cremlino [SAS 200] (La vengeance du Kremlin, 2013) di Gérard de Villiers [luglio-agosto 2015] Traduzione di Sandro Ossola

SAS200aEcco la quarta di copertina:

Boris Berezovskij, oligarca in esilio in Gran Bretagna, è morto suicida. Almeno, questo vorrebbe dare a intendere chi ne ha organizzato la dipartita. Ma per molti si è trattato di una messinscena. A quanto pare, al di là dell’ex Cortina di Ferro gli eredi del KGB non hanno dimenticato i vecchi metodi… E poi, perché tanta fretta di chiudere l’inchiesta ufficiale? La CIA spedisce Malko Linge a indagare, in cerca di prove che dimostrino il coinvolgimento delle autorità russe nello sporco affare. Non è che l’inizio di una sotterranea guerra d’intelligence combattuta tutti contro tutti, dove tra legami inconfessabili è impossibile discernere il confine sottile che corre fra lealtà e tradimento. Da Londra a Mosca passando per Tel Aviv, in un’immensa partita a scacchi che vede in campo anche MI5 e Mossad, toccherà al Principe delle Spie condurre una caccia spietata per sventare i piani del Cremlino.

SAS200Ecco l’incipit:

Rem Stalievič Tolkachev aveva le lacrime agli occhi per l’emozione.
Quasi incredulo, rilesse per la terza volta l’ukase di Vladimir Vladimirovič Putin che un piantone aveva appena recapitato nel piccolo ufficio del Korpus 14, nell’ala sud del Cremlino. Il presidente della Federazione Russa ordinava la creazione di un’unità speciale in seno al GRU, il Servizio di intelligence militare, con l’incarico di risolvere le “situazioni sensibili”, eliminando chiunque fosse considerato “una minaccia per gli interessi nazionali”. I suoi membri avrebbero goduto di una totale libertà d’azione in territorio straniero, anche in assenza di un pronunciamento ufficiale delle autorità.
Era la resurrezione dello SMERSH, che svolgeva quelle stesse funzioni ai tempi dell’Unione Sovietica.

Nato a Parigi nel 1929 da una famiglia di militari con ascendenze aristocratiche, Gérard de Villiers inizia la carriera come giornalista, dopo essersi laureato in Scienze politiche. Nel 1965 scrive il primo romanzo con protagonista SAS, Sua Altezza Serenissima Malko Linge: SAS a Istanbul. Seguiranno 200 avventure di SAS, e De Villiers introdurrà nella spy story elementi di sesso e di violenza prima sconosciuti. L’autore è scomparso nel 2013.

L.

Annunci