Tag

, , , , , , , ,

Special76Nuovo numero della collana “Il Giallo Mondadori Speciali“, a cura di Mauro Boncompagni: da questo luglio in edicola, Le indagini di Scotland Yard.

La scheda di Uruk:

76. Le indagini di Scotland Yard a cura di Mauro Boncompagni [luglio 2015]
Scandalo a High Chimneys (Scandal at High Chimneys, 1959) di John Dickson Carr – Traduzione di A.M. Francavilla
Il mese di Gideon [Gideon 4] (Gideon’s Month, 1958) di J.J. Marric (pseudonimo di John Creasey) – Traduzione di Dina Corrada Uccelli
Il poliziotto innamorato [John G. Reeder] (apparso originariamente come The Strange Case of the Night Watchman su “The Grand Magazine”, 1924, ristampato poi come The Poetical Policeman nell’antologia “The Mind of Mr. J.G. Reeder”, 1925) di Edgar Wallace – Traduzione di Giuseppina Taddei

La trama:

Scandal High ChimneysJohn Dickson Carr, Scandalo a High Chimneys
Un celebre avvocato scopre di aver fatto condannare a morte anni prima una donna innocente. Ora vorrebbe rivelare un segreto che gli pesa sulla coscienza, ma un misterioso assassino lo mette a tacere per sempre. Toccherà all’ex ispettore Whicher diradare le nebbie che avvolgono la residenza di High Chimneys, nel cuore dell’Inghilterra vittoriana.
J.J. Marric, Il mese di Gideon
L’omicidio di un famigerato malvivente, la scomparsa di una bambina, la fine tragica di una giovane sposa, i delitti di un’emula di Barbablù pronta a mietere l’ennesima vittima… È un maggio di ordinaria follia per George Gideon, comandante di un dipartimento investigativo dello Yard, impegnato a fermare la spirale di violenza prima che Londra affondi nel sangue.
Edgar Wallace, Il poliziotto innamorato
La camera blindata di una banca viene svaligiata e il guardiano notturno ucciso. C’è un colpevole perfetto: il direttore della filiale, arrestato mentre si prepara a lasciare la città, ha precedenti per appropriazione indebita. Troppo perfetto per il signor Reeder, l’unico in grado di collegare un poliziotto romantico, un mazzo di fiori e un ferro di cavallo per risolvere il caso.

Dall’Introduzione di Mauro Boncompagni:

Gideon_MOnthSe non sapessimo che esiste veramente, potremmo pensare che Scotland Yard sia una delle invenzioni più geniali degli autori di romanzi polizieschi. Già il nome ha un’eufonia che lascia sognare, e la carrellata dei successi storici dei detective (veri o fittizi) che hanno operato all’interno di quella sede prestigiosa è tale da lasciare a bocca aperta. Tutto cominciò nel 1829, quando per volontà di sir Robert Peel, allora ministro dell’Interno, nacque la polizia metropolitana londinese situata a Whitehall Place, a poca distanza da Trafalgar Square. L’ingresso sul retro, usato dai poliziotti di grado inferiore, si apriva su Great Scotland Yard, e così, a poco a poco, gli stessi detective cominciarono a riferirsi al loro quartier generale chiamandolo Scotland Yard o, più semplicemente, “the Yard”. Nel 1878 nacque poi il Criminal Investigation Department, detto più semplicemente cid, una squadra speciale dedita all’indagine sui casi di omicidio che sopravvive ancora oggi e che, forse, rappresenta la declinazione più riuscita e popolarmente riconoscibile delle attività di Scotland Yard.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci