Tag

, , ,

MattHelm_SilenziatoreBancarelle fortunatissime mi fruttano lo splendido primo numero della collana “I Rapidi“, «i fuoriserie Mondadori del romanzo d’azione».
Il romanzo era già apparso nella mondadoriana “Segretissimo” con un altro titolo, Doppio gioco, ristampato nel 1980 ne “I Capolavori di Segretissimo“.
Da questo romanzo il film omonimo del 1966 di Phil Karlson, con Dean Martin, arrivato in Italia il 10 aprile 1966, poco dopo questo romanzo.
La copertina è curata dal mitico Ferenc Pintér.

Ecco la scheda di Uruk:
1. Matt Helm il silenziatore [Matt Helm 4] (The Silencers, 1962) di Donald Hamilton [marzo 1966] Traduzione di Carmen Descovich

matt helm silencersEcco la trama:

Chi è Matt Helm, l’eroe dei romanzi di Donald Hamilton, che Dean Martin ha reso celebre nel film Matt Helm il silenziatore? Un avventuriero dalla donna facile, un agente del servizio segreto che spara a vista? Nella casistica dei detectives, da Sherlock Holmes a Bond, da Poirot a Maigret, Matt Helm è il più imprevedibile appunto perché eroe dell’antiretorica, uomo medio tutt’altro che ispirato da una «missione». Sorpreso dall’assurdo personaggio che si nasconde dietro il nome di «Cow-boy», reagisce tranquillamente, quasi con cautela, addirittura con distacco. Ma nell’intrico della vicenda, scatta una molla e Matt Helm si trasforma, oppone l’astuzia all’astuzia, la violenza alla violenza, non risparmia colpi, anzi. La novità del personaggio creato da Donald Hamilton sta essenzialmente in questa progressione della tensione interna, in questa colonnina di mercurio dell’umana partecipazione che da valori bassi, quasi anonimi, sale ai vertici del dramma.

Matt Helm Silenziatore [1966-04-10]E, per finire, l’incipit:

Incappai nella prima tormenta della stagione sui monti a est di Albuquerque, nel Nuovo Messico. Giunto infine sull’altipiano, mentre isolati fiocchi di neve si scioglievano sul parabrezza dell’autocarro, voltai in direzione sud e mi fermai per la colazione nella cittadina di Carrizozo. La muraglia di nuvole grige mi inseguiva, ma lì, a una quota più bassa, non riusciva a produrre altro che pioggia.
Pioveva ancora quando scesi ad Alamogordo per prendere il caffè pomeridiano con una fetta di torta, in un locale che si chiama Caffè Atomico. Tutto ad Alamogordo è nucleare oppure atomico. Si direbbe che gli abitanti siano molto fieri del fatto che la prima bomba fu fatta esplodere nelle vicinanze. Può darsi che ciò sia davvero un privilegio. Per conto mio, l’unico privilegio cui aspiro è di vedere, vivo e vegeto, l’ultima bomba atomica.

Donald Hamilton è nato in Svezia nel 1916. A otto anni si trasferi negli Stati Uniti. Death of a Citizen (Matt Helm Missione privata) ebbe in America un enorme successo e suggerì all’autore una serie di racconti imperniati sullo stesso personaggio. Hamilton vive ora a Santa Fe, nel Nuovo Messico. [biografia del 1966!]

L.

Annunci