Tag

, , ,

CG1015Libro salvato dalla Grande Spazzatura (cliccate sul link se volete conoscere una grande storia di misobiblìa, “odio per i libri”), un numero della collana “I Classici del Giallo Mondadori” (Mondadori).
L’immagine di copertina è firmata dal mitico Carlo Jacono.

La scheda di Uruk:

1015. Breve ritorno (Brief Return, 1939) di Mignon G. Eberhart [24 giugno 2004] Traduttore sconosciuto

La trama:

Brief ReturnBasil Hoult, un ricco industriale, è morto in un incidente aereo, ma nessuno ha pianto la sua scomparsa, né la moglie Alice, tiranneggiata dal marito e che si è subito risposata, né gli altri membri della famiglia o i suoi dipendenti. Dopo un anno, però, Basil ricompare. Incredibilmente è riuscito a salvarsi, ma non vuole spiegare dove sia stato per tutto quel tempo. La sua ricomparsa crea più dolore e sgomento della falsa notizia della sua morte, e qualcuno decide di farlo di nuovo sparire. Questa volta, per sempre.

L’incipit:

CG0021I segni premonitori furono vari, come sempre in questi casi. Nulla d’importante si annuncia mai con un solo segno premonitore. Però nella mia memoria l’inizio della cosa risale a quando il cane attraversò silenziosamente il prato, come un’ombra nera che si staglia contro il terreno imbiancato dalla luce lunare.
Era la sera del 7 luglio. Una sera torrida che seguiva una giornata torrida, ma che, del resto, non aveva nulla d’insolito. Senonché, quel giorno, il cane di Basil si era mostrato irrequieto.
Quella mattina Jane ritornò dalla sua consueta ispezione ai giardini e alle serre e mi parlò del cane.

L’autrice:

Mignon G. Eberhart è nata a Lincoln, nel Nebraska, nel 1899 ed è scomparsa nel 1996. Nel 1929 ha scritto il suo primo giallo, La stanza n. 18, la cui protagonista, Sarah Keate, sarà l’eroina di una lunghissima serie. Ha vinto lo Scotland Yard Prize nel 1931 e il Grand Master nel 1971.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci