Tag

, , , ,

1487 - SAS L'oro di Al-QaedaLibro salvato dalla Spazzatura Segretissima, che è seguita alla Grande Spazzatura (cliccate sui link se volete conoscere due grandi storia di misobiblìa, “odio per i libri”), un numero della collana “Segretissimo” (Mondadori).

La scheda di Uruk:

1487. SAS: l’oro di Al-Qaeda [SAS 151] SERIE ORO (L’or d’Al-Qaida, 2003) di Gérard de Villiers [gennaio 2004] Traduzione di Mario Morelli

La trama:

La CIA ha catturato uno dei corrieri di Al-Qaeda che avevano il compito di contrabbandare a Dubai l’oro salvato dalla disfatta afghana. Per non finire a Guantanamo, l’uomo accetta di portare a termine l’operazione per intrappolare i suoi mandanti. Ma i terroristi sono più astuti di lui e hanno progettato per il traditore una fine crudele quanto costosa: soffocherà con la bocca piena d’oro liquido. SAS però sta in guardia e, con l’aiuto dei suoi collaboratori più fidati (e mortali), si mette sulle tracce di un ricco commerciante indiano trapiantato a Dubai, che potrebbe conoscere molte cose…

L’incipit:

Abdul Zyad azionò l’apertura elettrica del cancello del suo diwan, la casa che serve da garçonnière nei paesi arabi, dopo essersi accertato, sullo schermo di controllo, dell’identità del suo visitatore. L’emirato di Dubai era uno dei luoghi più sicuri al mondo, ma era sempre meglio essere prudenti, soprattutto quando si era uno degli uomini più ricchi del paese. La prudenza non era mai troppa nemmeno in quel quartiere elegante di Jumeirah, composto di case nuove e di piccoli edifici graziosi, all’ovest del Creek, il braccio di mare che divide in due Dubai, pattugliato giorno e notte dalle Mercedes verdastre della polizia.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci