Tag

, , , ,

2883Libro salvato dalla Grande Spazzatura (cliccate sul link se volete conoscere una grande storia di misobiblìa, “odio per i libri”), un numero della collana “Il Giallo Mondadori“.
L’immagine di copertina è firmata da Carlo Jacono.

La scheda di Uruk:

2883. L’ultimo dovere (Into the Web, 2004) di Thomas H. Cook [15 settembre 2005] Traduzione di Mauro Boncompagni

La trama:

Into the WebKingdom County, West Virginia, estate 1984. Dopo venticinque anni Roy Slater torna nella sua città natale. Senza nostalgia: da lì Roy ha sempre voluto fuggire, e ancor di più dopo quel lontano pomeriggio di neve che cambiò ogni cosa, in una scia di sangue che coinvolse e uccise suo fratello Archie. Ora è tornato solo per compiere il suo ultimo dovere di figlio, accudendo il padre morente, poi potrà finalmente liberarsi dai vecchi incubi. Ma non è così facile saldare il proprio debito se il marchio è quello di un’eredità sanguinosa. Uno strano omicidio nella contea costringe Roy a fare i conti una volta per tutte con un passato che lo tiene ancora nella sua ragnatela: con il potente ex sceriffo Wallace Porterfield e il figlio Lonnie, con suo padre, con la memoria di suo fratello Archie. E con il suo primo e unico amore, Lila Cutler.

L’incipit:

Non c’è storia più vecchia del ritorno del nativo, e io ho sempre creduto che se Adamo verso la mezz’età fosse tornato nell’Eden per fare ancora due passi nel giardino distrutto, forse avrebbe provato una curiosa nostalgia per la sua caduta. Eppure, io non provavo nessuna nostalgia per Kingdom County. In effetti, dopo averla lasciata, non avrei mai immaginato che sarei tornato di nuovo a vivere là, e a rivedere lo sguardo sospettoso negli occhi dello sceriffo Porterfield tutte le volte che lo incontravo per le strade di Kingdom City.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci