Tag

Bibliografia di Gordon Russell, pseudonimo collettivo usato da Vanna de Angelis e Dario Battaglia per alcuni romanzi storici pubblicati da Piemme.

Serie “Il Gladiatore”:

Gordon Russell - Il grande gladiatore1. Il grande gladiatore – Piemme [2004]; “Codice Mistero” (La Biblioteca di Repubblica) n. 8 [2005]; MiniPocket [2006]; Bestseller n. 24 [2007]; Bestseller n. 128 [2008]; ristampato il 31 maggio 2016 con il titolo La spada e la gloria
– TRAMA:
Valerio conosceva le erbe, le pozioni, i rimedi della natura. Aveva amato una giovane sacerdotessa germanica e studiato per essere medico, perché quella era la sua vocazione. Suo fratello, Antonio Primo, detto “becco di gallina”, impetuoso generale al comando della legione Galbiana, aveva sgominato una tribù di barbari ribelli in Pannonia, ma a lui le armi facevano orrore. Il fato, però, aveva per lui programmi diversi da quelli che si era scelto.
Ora, negli anni insanguinati della guerra civile, la sua libertà è stata venduta a un lanista di Tolosa, come quella di centinaia di giovani da trasformare in schiavi. O in gladiatori. Il suo bracciale è diventato una catena. Una prigione la sua casa. Non ha più niente di ciò che aveva, ma la sorte di suo fratello e perfino quella di Roma sono nelle sue mani. Mentre una guerra ignobile sconvolge la valle del Po e avanza come un fiume in piena verso la capitale dell’Impero, deve imparare un’arte che non conosceva e impugnare una lama non più per guarire ma per uccidere. Deve scoprire una forza che aveva ripudiato. Adesso ha un altro nome e un altro destino. Adesso, deve combattere.

Gordon Russell - La notte del gladiatore2. La notte del gladiatore – Piemme [2005]; MiniPocket [2006]; Bestseller [2009]
– TRAMA:
Credeva di essersi lasciato alle spalle per sempre i giorni dell’arena, della folla urlante, dei gladiatori costretti a combattere come animali da spettacolo. Credeva di aver saldato il suo conto con il destino. Ma il giorno in cui il suo mondo di pace viene distrutto e i suoi compagni uccisi, comprende che alla violenza non si sfugge. Da quel giorno Valerio abbandona la sua bisaccia da medico e la spada diventa la sua unica compagna. Non è solo la voce della vendetta che lo guida. Anche il richiamo di un simbolo, un oggetto che dona invincibilità a chi lo possiede: l’aquila della legione Augusta, scomparsa nella foresta di Teutoburgo nei giorni nefasti della disfatta e mai più ritrovata.
Qualcosa lega Valerio a quell’insegna, un presagio, un mandato del fato. Per trovarla dovrà affrontare pericoli e nemici e seguire il filo della profezia fino alle terre d’oltremare, a ridosso delle mura di Gerusalemme assediata dall’esercito di Roma. Solo allora, una volta portata a termine la sua missione, potrà finalmente riconquistare il bene più prezioso: la libertà.

Gordon Russell - I giorni del Colosseo3. I giorni del Colosseo – Piemme [2007]; ORO [2008]
– TRAMA:
È stato costretto a nascondersi tra le tribù ancora libere della Colchide. Costretto a diventare bandito per sfuggire a chi vuole la sua morte e quella di suo figlio. Costretto a combattere e razziare, un’ombra, un animale selvaggio, forse solo una leggenda. Valerio il medico, il gladiatore, l’uomo che sa come ridare la vita e come toglierla, ora è il ribelle che odia i romani e che Domiziano, il crudele figlio dell’imperatore, brama di vedere morto.
In quegli stessi anni, violenti e tormentati, suo fratello Antonio Primo è a Roma per sovrintendere i lavori della più grandiosa opera che l’impero abbia mai immaginato: l’Anfiteatro Flavio, il futuro Colosseo, un gigantesco cantiere che coinvolge migliaia di maestranze, materiali, macchine, impianti idraulici, la costruzione prodigio che richiama visitatori da ogni angolo d’Europa. Solo il carisma di Antonio, ha sentenziato Vespasiano, può guidare quell’esercito di uomini alla realizzazione di una simile impresa.
Poi verranno i giochi, le feste, i mortali combattimenti di uomini e fiere, i cento giorni memorabili della trionfale inaugurazione.
Imperatori si avvicenderanno. Eserciti si scontreranno. E due fratelli si ritroveranno: Valerio il ribelle e il comandante Antonio Primo, due soldati che credono nell’onore, impegnati su fronti opposti.

Altri romanzi:

Gordon Russell - La congiura di PompeiLa congiura di Pompei – Piemme [2008]
– TRAMA:
È il 5 febbraio del 62 d.C. quando a Pompei il celebre gladiatore Pirrus viene assassinato. In migliaia, attoniti, straziati, lo scorgono accasciarsi nell’arena, dopo l’ultimo trionfo, inspiegabilmente riverso nella sabbia e nel sangue. La notizia non fa in tempo a scuotere gli animi che un violentissimo terremoto sconvolge la città.
Ma troppi sono gli interessi di Roma sul territorio per permettere che Pompei si trasformi in un cumulo di macerie. Per questo, su decisione del Senato, la città viene ricostruita con grandi sforzi. Le vie si riempiono di botteghe, ville maestose sorgono, abbellite da straordinari affreschi, il clima mite favorisce i vigneti e le villeggiature. E in pochi anni Pompei diviene ancor più centro di lusso sfrenato e di corruzione.
Ma c’è chi sembra opporsi alla deriva dei costumi: un gruppo di uomini, una fratria, legati alle antiche tradizioni e fieri oppositori della decadenza portata dal Senato. Tra loro, il pittore Glauco, chiamato a dipingere gli affreschi che lo renderanno immortale, l’edile Scauro e Vibio Popidio, che presiede a una famosa palestra atletica e gladiatoria.
Quando alcuni membri della fratria vengono prima condannati all’arena e poi assassinati, come Pirrus molti anni prima, Glauco decide di lottare per smascherare i colpevoli. Intanto il clima in città si sta accendendo per la campagna elettorale del 79 d.C., e la terra non smette di tremare.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci