Tag

,

Delitti_LagunaTorna Letizia Triches con un nuovo “Giallo Italiano” targato “Nuova Narrativa Newton” (Newton Compton): in questi giorni in libreria, I delitti della laguna.

La scheda di Uruk:

693. I delitti della laguna (2016) di Letizia Triches [14 luglio 2016]

La trama:

Febbraio 1990. Giuliano Neri, restauratore fiorentino, arriva a Venezia per lavorare sui dipinti della collezione di Alvise Volpato, un noto psichiatra con la passione per la pittura. Questo è il motivo ufficiale. Quello reale, invece, è l’indagine condotta da Chantal Chiusano: alle orecchie del commissario è giunta l’eco della fama di Neri nel risolvere casi complicati. E quello che ha tra le mani è senza dubbio complicato: Otis Moore, un magnetico bluesman afroamericano, soprannominato “il Moro di Cannaregio”, si era trasferito in città di ritorno dal Vietnam ma, soggiogato dalla laguna, non era mai riuscito a ripartire. E ora è morto. Scavando nella vita di Otis, il commissario è spinto ben presto a indagare sulla criminalità legata al mondo dell’arte. Forse il musicista non era estraneo a certi affari illeciti. Così come non lo erano le famiglie dei Favero, dei Volpato e dei Luni, tutte legate in qualche modo alla band di Moore. Proprio quando Chantal e Giuliano pensano di aver trovato una via per risolvere il caso, ecco che le acque restituiscono il corpo seminudo e straziato di una donna…

L’incipit:

Al tramonto di una rigida giornata di febbraio, Otis Moore si introdusse furtivamente nel deposito della più grande casa d’aste di Venezia. Nessuno fece caso al Moro di Cannaregio, come lo chiamavano in tanti per via della sua pelle nera. Quando era approdato nella Laguna, era certo che ci sarebbe rimasto per pochi giorni e invece si trovava ancora lì, prigioniero da quindici anni di una città che sapeva acchiapparlo meglio di una femmina.
Le donne erano la sua passione. Lo attraeva il modo in cui accarezzavano lo spazio con il corpo. Più della forma o del colore dei loro occhi per lui contava lo sguardo. Per questo non riusciva a togliersela dalla testa e doveva rivederla, prima che gliela portassero via
.

L’autrice:

Letizia Triches è nata e vive a Roma. Docente e storico dell’arte, ha pubblicato numerosi saggi sulle riviste «Prometeo» e «Cahiers d’art». Autrice di vari racconti e romanzi di genere giallo-noir, ha vinto la prima edizione del Premio Chiara, sezione inediti, ed è stata semi-finalista al Premio Scerbanenco. La Newton Compton ha pubblicato Il giallo di Ponte Vecchio, Quel brutto delitto di Campo de’ Fiori e I delitti della laguna.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci