Tag

, , , ,

CG0348Su una bancarella fortunata trovo questo vecchio numero de “I Classici del Giallo Mondadori“, all’epoca della direzione di Oreste del Buono, che presenta un classico del grande James Hadley Chase.
L’illustrazione di copertina è di Oliviero Berni.

La scheda di Uruk:

348. Meglio morto che vivo (Safer Dead, o Dead Ringer, 1954) di James Hadley Chase [27 maggio 1980] Traduzione di Bruno Just Lazzari

La trama:

Non doveva essere difficile trovare Fay Benson, la cantante del “Florian”, un equivoco night club a sud-est di San Francisco. L’ultima volta che era stata vista, indossava il costume di scena e il cappello a cilindro! Eppure dopo parecchi mesi dalla scomparsa, la polizia non era ancora riuscita a scoprire se fosse viva o morta. Così quando Chet Sladen cominciò a indagare per conto proprio sul caso Benson non si aspettava di trovare granché. Invece scoprì che due persone collegate con Fay erano state assassinate e una terza era stata gravemente ferita per aver divulgato vitali informazioni. Chet sapeva che continuare a indagare era pericoloso, ma non immaginava fino a che punto potesse esserlo…

L’incipit:

Edwin Fayette, redattore capo della rivista “Crime Facts”, è seduto nel suo lussuoso ufficio, con un sigaro fra i denti, e negli occhi un lampo piuttosto privo di benevolenza.
— Sedetevi — dice con un gesto d’impazienza. — Su che cosa state lavorando, in questo momento, voi due?
Mi raggomitolo nella poltrona più comoda della stanza, mentre Bernie Low si siede il più lontano possibile da Fayette e incomincia a rosicchiarsi le unghie.
Bernie e io collaboriamo da due anni a “Crime Facts”, rivista poliziesca mensile la cui tiratura supera quella di tutti i suoi concorrenti. Sono io a pensare e Bernie a scrivere. Questa combinazione ci conviene perfettamente a tutti e due. Io non ho mai potuto racimolare abbastanza energia per esporre le mie idee sulla carta; quanto a Bernie, non ha mai avuto idee.
Ex sceneggiatore di Hollywood, Bernie è corto di gambe, grassoccio e piuttosto imponente. Ha la testa come un mappamondo, una fronte possente, e i suoi grossi occhiali di tartaruga gli danno l’aria da intellettuale più di quanto lo sia in realtà. Un giorno mi ha confidato che deve alla forma del suo cranio il fatto di essere rimasto così a lungo nel cinema.

L’autore:

James Hadley Chase è nato a Londra nel 1906. Spirito indipendente, se ne andò di casa giovanissimo, guadagnandosi da vivere vendendo enciclopedie casa per casa. Nel 1939 scrisse Niente orchidee per Miss Blandish che riscosse un immediato successo. È tuttora il suo romanzo più venduto nel mondo. Da allora, ha dato alle stampe circa cento romanzi, quasi tutti ambientati in America.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci