Tag

, , ,

apocrifi_sherlock_27Il ventisettesimo numero della collana “Il Giallo Mondadori Sherlock”, la prima al mondo a far rivivere ogni mese le gesta del celebre detective, presenta questo novembre Sherlock Holmes: il marchio del terrore di Kieran Lyne.

La scheda di Uruk:

27. Sherlock Holmes: il marchio del terrore (The Last Confession of Sherlock Holmes, 2014) di Kieran Lyne [novembre 2016] Traduzione di Marco Bertoli

La trama:

Corre l’anno 1891, e l’epico scontro fra Sherlock Holmes e il professor Moriarty è al suo tragico epilogo. Presso la cascata del Reichenbach, in Svizzera, dopo un’ultima lotta sull’orlo del precipizio nessuna traccia rimane dei due acerrimi nemici. Agli occhi di uno sgomento dottor Watson, il re degli investigatori e il Napoleone del crimine hanno con ogni evidenza perso la vita nelle acque tumultuose del fiume. È Irene Adler, sua degna avversaria, la prima a scoprire che Holmes è invece uscito vincitore dal duello finale e agisce in incognito sul Continente. Ma il ritorno del segugio in Baker Street è solo questione di tempo, perché una minaccia creduta estinta risorge sprofondando tutta Londra nel più cupo degli incubi. Una lettera inviata ai giornali annuncia nuovi delitti a nome di Jack lo Squartatore. Il guanto di sfida è lanciato, e solo il titolare di una mente superiore potrà raccoglierlo. Ricostruendo tassello dopo tassello una verità che supera qualsiasi immaginazione.

L’incipit della Premessa:

È con un peso sul cuore che stringo fra le dita la penna per mettere su carta quella che sarà la prima e, a tutti gli effetti, l’ultima confessione di Sherlock Holmes. Si tratta di una rivelazione di natura così sconvolgente, e dalle ricadute pubbliche così imbarazzanti, che dover tracciare il ruolo pur minimo che vi ho avuto è per me ragione di non trascurabile affanno. Per anni ho lottato con la mia coscienza, ho per così dire danzato con i demoni della mia mente: ritrovarmi tenuto alla riservatezza più completa su uno dei misteri più inquietanti che questo paese abbia mai conosciuto è stato un cimento atroce.

L’incipit del testo:

Nell’anno 1891 la capitale dell’Impero britannico si trovava avvolta e soffocata dalle nubi ribollenti di una guerra civile. La minaccia incombeva su Londra da anni, simile a un aracnide ripugnante che, lento e meticoloso, si faccia strada verso la sua preda. Per le vie erano disseminate le vittime della violenza, la corruzione contaminava l’acqua, a ogni passo della vita civile si constatava come le sue stesse basi fossero fradice e marcescenti. L’Impero si stava disfacendo proprio al suo centro vitale. Eppure, e la cosa ha dell’incredibile, a riguardo non veniva presa nessuna misura: il governo faceva finta di niente, le autorità di polizia non sapevano come agire. Sherlock Holmes, invece, conobbe proprio allora l’apogeo della sua carriera.
In quell’anno così cruciale, raramente Holmes venne a chiedere la mia assistenza, benché l’avessi accompagnato in molte precedenti indagini. A quell’epoca avevo già abbandonato il celibato e, insieme, il mio alloggio in Baker Street; mi ero stabilito a Kensington con mia moglie Mary e avevo aperto uno studio medico. La nostra vita era agiata e serena, in contrasto nettissimo con le situazioni estreme che erano state la norma quando abitavo al 221B. Non avevo tuttavia smesso di sfogliare le pagine di cronaca nera dei giornali, in cerca di fatti inquietanti o straordinari. Ora, come molti lettori forse ricorderanno, i primi mesi di quell’anno furono caratterizzati da diversi efferati omicidi.

Extra:

Il volume è impreziosito da un saggio firmato da Luigi Pachì, direttore di SherlockMagazine: Sherlock Holmes, il barone nero e gli attentati di Londra del 1890.
«Il romanzo proposto in questo volume è opera di un autore molto giovane. Kieran Lyne è infatti nato nel 1991 a Ipswich, in Inghilterra. Nel 2009 ha frequentato il Royal Northern Music College e, successivamente, la University of East Anglia. La laurea in discipline storiche e la sua avidità di lettore si sono fuse assieme a partire proprio dal 2009 e lo hanno portato a scoprire le gioie della scrittura. Come molti giovani autori, Lyne ha iniziato a ideare racconti per puro piacere personale, fino a quando non gli è balenata l’idea che sta alla base di questo suo esordio sherlockiano.
Ha quindi deciso di non studiare per ottenere un master, ma di dedicarsi a questa avventura holmesiana, diventando così nel settembre 2014 il più giovane scrittore a ottenere la certificazione dell’Arthur Conan Doyle Estate.
»

L.

– Ultimi post simili:

Annunci