Tag

,

vanzina_donnaLa Newton Compton porta questi giorni in libreria un nuovo thriller firmato da Enrico Vanzina: La donna dagli occhi d’oro.

La scheda di Uruk:

718. La donna dagli occhi d’oro (2016) di Enrico Vanzina [17 novembre 2016]

La trama:

Max Mariani, un detective romano, riceve un giorno la visita di Helmut Moreno, un ragazzetto che si atteggia a grande boss. Sua madre – gli rivela Helmut – avrebbe assoldato un sicario per ucciderlo. In cambio di diecimila dollari, Max deve trovarlo e consegnarglielo. Ma poche ore dopo aver accettato l’incarico, Max riceve la visita di un uomo armato, che gli ruba i soldi avuti e lo minaccia di morte. Eppure sarà proprio lui a morire: appena esce dall’appartamento viene freddato sul pianerottolo, e il denaro che ha con sé sparisce. L’ulteriore complicazione – che scatena le indagini della polizia – arriva quando anche Helmut Moreno viene ucciso. E a questo punto Max Mariani decide di vederci chiaro: parte alla volta di Trieste per incontrare Ursula Koch, la madre di Helmut, donna bellissima e dallo sguardo magnetico. Basta poco perché tra i due esploda la passione. Ma Ursula è una donna ambigua, così come ambigue sono le sue frequentazioni… Chi è in realtà? E cosa nasconde? E soprattutto, cosa sa lei della morte del figlio?

L’incipit:

Era un giovanottino decisamente alto, capelli biondi impomatati con cura, doppiopetto grigio, camicia sintetica e una cravatta pacchiana che avrebbe fatto venire l’orticaria a Coco Chanel. E con un sorriso da malfattore.
Sedendosi alla mia scrivania, mi fissò con apparente simpatia e disse sfoderando uno stridulo accento del Nord:
«Lei, signor Max, coincide in maniera sfacciata con quello che uno immagina debba essere un investigatore privato».
Istriano o triestino. Umorismo enigmatico, dal lessico ricercato.
Gli risposi con una punta di sarcasmo:
«Infatti faccio il detective. Per i più distratti o ho messo perfino una targa fuori dalla porta. Probabilmente l’avrà notata».
Mi suonava strano dare del lei a quel ragazzino che si dava arie da uomo maturo
.

L’autore:

Enrico Vanzina è nato a Roma, tempo fa. Suo padre, Steno, era un regista. Il fratello Carlo, un regista. Lui, invece, fa lo sceneggiatore. Ha firmato circa cento film, alcuni dei quali famosissimi. Fa il giornalista, ha scritto per il teatro ed è autore di dieci libri. Nel 2013 con la Newton Compton ha pubblicato il suo primo romanzo giallo Il gigante sfregiato, acclamato dalla critica, con cui ha vinto il prestigioso premio di letteratura internazionale della Città di Penne, Il mistero del rubino birmano e La donna dagli occhi d’oro.

L.

Annunci