Tag

,

max-allan-collins-csiIl prolifico Max Allan Collins ha amato scrivere storie negli universi narrativi dei telefilm americani di successo: ho trovato questa chicca targata Sperling & Kupfer.

La scheda di Uruk:

CSI: Scena del crimine – Corpo del reato (CSI: Crime Scene Investigation 4 – Body of Evidence, 2003) di Max Allan Collins [marzo 2004] Traduzione di Gian Paolo Gasperi

La trama:

La squadra della Polizia Scientifica di Las Vegas è una delle migliori al mondo nel decifrare la scena del crimine. L’imperturbabilità e il distacco diventano parte integrante della professione, eppure talvolta qualche delitto si rivela talmente orrendo da sconvolgere perfino i criminologi. Così, nello studiare le dinamiche psicologiche delle persone coinvolte, può capitare che s’insinui l’elemento soggettivo. Per esempio, Catherine Willows ha una figlia piccola e Nick Stokes ha subìto abusi nell’infanzia: come potrebbero rimanere obiettivi davanti alle fotografie pornografiche di bambini scoperte in una famosa agenzia pubblicitaria? Sara Sidle, invece, deve occuparsi del corpo di una sua coetanea straziato da un necrofilo… Con la consapevolezza che menti diaboliche sono ancora al lavoro, i CSI ingaggiano una lotta contro il tempo per salvare altre inconsapevoli vittime…
Una nuova sfida per la squadra di scienziati del crimine che ha battuto i record d’ascolto di E.R., catturando il pubblico con quella che è stata definita «la versione hi-tech di Sherlock Holmes», casi degni della migliore Patricia Cornwell.

L’incipit:

Era raro che la frustrazione venisse registrata sul radar personale di Catherine Willows. Le situazioni frustranti erano ormai così parte integrante della sua vita che sarebbe diventata pazza da un sacco di tempo se se ne fosse lasciata condizionare. Eppure in quel momento provava proprio quella sensazione. Per la precisione, si sentiva ribollire il sangue sempre di più.
Il suo turno stava per finire quando lei e il suo collega della Polizia Scientifica di Las Vegas, Nick Stokes, erano stati inviati a rispondere a un 404 – problema sconosciuto – in un’azienda a sud della Strip. «Problema sconosciuto» poteva significare qualsiasi cosa, dal furtarello al pluriomicidio.
Ma quel lunedì mattina voleva certamente dire che sarebbe stata la signora Goodwin, la baby-sitter, a svegliare Lindsey e ad accompagnarla a scuola. Anche Catherine aveva trascorso buona parte dell’infanzia ad aspettare che sua madre rincasasse, e aveva sperato che ciò non accadesse a sua figlia. Ma era una donna carica di responsabilità, e per l’ennesima volta avrebbe dovuto limitarsi a stringere i denti. E a sentirsi ribollire il sangue.

L’autore:

Max Allan Collins ha al suo attivo cinque pluripremiate serie di romanzi gialli, critiche cinematografiche, racconti, testi di canzoni e vari romanzi tratti da film – come Air Force One e Salvate il soldato Ryan – e serie televisive. Autore di fumetti – dal 1977 al 1993 ha scritto i testi del celeberrimo Dick Tracy -, collaboratore di Mickey Spillane, regista e sceneggiatore, dalla sua graphic novel Road to Perdition è stato tratto il film Era mio padre. Vive nell’Iowa con la moglie Barbara e il figlio Nathan.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci