Il Giallo Mondadori n. 3155: Delitto e nobiltà di Rhys Bowen
Tempi duri per lady Georgiana Rannoch, cugina di Sua Maestà. Avere sangue reale nelle vene non basta quando si è al verde, soprattutto in un mondo ancora alle prese con la Grande Depressione. Ma ecco presentarsi un’opportunità per vie davvero impensate. Al facoltoso duca di Eynsford, che pareva destinato a veder estinguere il titolo per mancanza di eredi, si è ricongiunto dalla lontana Australia un nipote di cui ignorava l’esistenza. Ora bisogna che qualcuno trasmetta a questo ragazzo dai modi non coltivati i fondamenti dello stile di vita aristocratico, affinché possa occupare degnamente la sua posizione nell’alta società. E chi potrebbe riuscirci meglio di Georgie, educata ai più elevati standard di comportamento? Peccato che, giunta nella residenza di Kingsdowne Place per insegnare al novizio l’abc delle buone maniere, tipo che la forchetta va a sinistra del piatto e il coltello a destra, si ritroverà a dover scoprire come mai il coltello sia finito invece conficcato nella schiena del duca. Dando la caccia a un assassino intenzionato a non rispettare le regole dell’etichetta.

Sherlock Mondadori n. 33: Sherlock Holmes: la soluzione sette per cento di Nicholas Meyer
Un individuo dallo sguardo spento che parla in modo sconnesso, i nervi tesi fino allo spasimo, in preda a manie di persecuzione… Chi riconoscerebbe in questo ritratto l’impareggiabile detective di Baker Street? Eppure è proprio lui l’uomo che il dottor Watson si vede comparire davanti dopo una lunga assenza in una serata primaverile, ridotto all’ombra di se stesso dall’assunzione ormai incontrollata di cocaina. È dunque forse dettato dagli effetti della droga il resoconto sulle malefatte di un certo professor Moriarty, dal quale Sherlock Holmes pare ossessionato. O forse contiene un fondo di verità; difficile capirlo, se quella mente un tempo così limpida non verrà liberata dalle nebbie dello stupefacente. C’è un medico a Vienna, tale Freud, che dicono si interessi dei cocainomani. Un suo consulto potrà aiutare il paziente ad affrancarsi dalla schiavitù della siringa. E, mentre un viaggio a scopo terapeutico sfocerà nell’indagine su una diabolica cospirazione, verrà fatta luce sul periodo più oscuro nella vita e nella carriera del grande investigatore.

I Classici del Giallo Mondadori n. 1396: Il giardino delle rose di Christianna Brand
Estella Devigne è una diva del palcoscenico. La sua grande popolarità non le deriva tuttavia dal talento, ma dalla figlia Sweetheart, nata da una relazione turbolenta con un gangster che sta scontando una condanna in un carcere americano. La bambina, rimasta sciancata in seguito ai maltrattamenti da lui inflitti alla madre durante la gravidanza, vive nascosta in un angolo segreto del Galles, in una villetta con un giardino di rose. Alle sue sventure si deve la fortuna del Diario, la rubrica giornalistica in cui Estella riporta pensieri e poesie della figlia. Il pubblico divora ogni parola con morbosa avidità, ignaro che a scrivere inventandosi tutto è la segretaria dell’attrice. Una cinica messinscena che rischia improvvisamente di sgretolarsi quando il gangster, scarcerato, pretende di vedere l’ormai famosa Sweetheart. Questa la tragica genesi di un omicidio, di un rompicapo per l’ispettore Chucky, e di un’agghiacciante rivelazione.

Segretissimo EXTRA n. 2: La memoria del leone di Pierfrancesco Prosperi
Stefano Leone, agente israeliano sotto copertura, è tornato. Dopo essere sparito nel nulla all’aeroporto di New York e poi riapparso su un peschereccio al largo dell’Uruguay, nella sua memoria resta un buco di ventiquattro giorni. Un’ipotesi plausibile è che sia stato tenuto prigioniero e sottoposto a trattamenti di riprogrammazione finalizzati a utilizzarlo contro i suoi stessi datori di lavoro. Per questo il Mossad non si fida e monitora ogni sua azione. Intanto le forze di sicurezza sono in allerta a livello planetario: un’organizzazione è in possesso di un ordigno esplosivo avanzatissimo. E sarà proprio lui, Stefano Leone, ad avere un ruolo nell’intrigo mentre segue una pista per ricostruire gli eventi del suo blackout. Una pista che conduce all’arma definitiva, pronta a colpire al cuore il mondo occidentale.

Segretissimo SAS n. 27: Safari a La Paz di Gérard de Villiers
Il miglior agente operativo spedito sulle tracce di un pacifico cittadino boliviano? Niente di strano se l’obiettivo è Klaus Muller alias Klaus Heinkel, ex ufficiale delle SS ricercato per crimini di guerra. Di lui la CIA si è servita finché ha potuto, ma ora che la stampa ha acceso i riflettori sul suo caso, da preziosa risorsa il personaggio potrebbe trasformarsi in una presenza ingombrante. La missione di Malko Linge è all’apparenza fin troppo semplice: consegnare alle autorità locali le impronte digitali di Heinkel, necessarie a dimostrarne la vera identità. Il guaio è che questa primula rossa del Terzo Reich ha un mucchio di conoscenze negli ambienti governativi. E in uno scenario dove ogni alleato può rivelarsi un nemico, la faccenda non tarderà a complicarsi. Ma il Principe delle Spie è abituato a diffidare dei viaggi di piacere offerti dall’Agenzia.

Urania n. 1642: Domani il mondo cambierà di Michael Swanwick
Il mito di Atlantide, i vari Diluvi rappresentati nella Bibbia e al cinema ci hanno insegnato che maree travolgenti possono cambiare il mondo, spazzando la civiltà faticosamente costruita dai suoi colonizzatori. Nel caso di un pianeta esterno al sistema solare, e che subisce periodicamente drammatici mutamenti nel clima, il flagello può essere visto come un’opportunità di rinnovamento, di palingenesi. Ma su Miranda si aggira un ambiguo personaggio – metà filosofo, metà scienziato – che tenta di esportare tecnologia proibita, e che bisogna rintracciare prima delle Maree del giubileo; mentre l’uomo che lo insegue, un cacciatore delle Tecno-esportazioni, non ha più un minuto da perdere. Torna su “Urania” un romanzo famoso e vincitore del premio Nebula, ardita cavalcata oltre la Terra che ha il sapore dell’antico mito di Oceano.

Urania Collezione n. 172: Il Signore della Svastica di Norman Spinrad
Come nell’Uomo nell’alto castello, la serie TV tratta da Philip K. Dick, anche in questo mondo alternativo si fanno la guerra e altre attività normali del XX secolo. Abbandonata la carriera di pittore ed emigrato in America, Adolf Hitler continua a essere un modesto artigiano, pur nutrendo sogni di gloria. Ha pubblicato un romanzo di science fiction, Il signore della svastica, vendendolo sul mercato dei pulp: una storia a base di supermen e missili che conquisteranno l’universo con la forza propulsiva delle V2 tedesche. Ma per quanto inossidabile il sogno, fuori c’è il mondo reale e anche il Signore della svastica dovrà fare i conti con la sua forza e le sue inesorabili catene: l’Uomo in motocicletta avanza su gomme che presto bruceranno…

Annunci