Tag

, ,

La collana “I Mastini” (Polillo Editore) porta in Italia un celebre inedito di un nome troppo spesso dimenticato: George Harmon Coxe.

La scheda di Uruk:

10. L’occhio indiscreto [Kent Murdock 1] (Murder with Pictures, 1935) di George Harmon Coxe [novembre 2011] Traduzione di Francesca Stignani
* [Da questo romanzo il film “Murder with Pictures” (1936) di Charles Barton, con Lew Ayres]

La trama:

Il più importante processo dell’anno si è appena concluso con l’assoluzione dell’imputato, Nate Girard, dall’accusa di omicidio, e i giornalisti schizzano verso le cabine telefoniche per dettare i loro articoli mentre i fotografi tempestano di flash il sorridente Girard e Mark Redfield, il suo avvocato. Quella sera, per festeggiare la vittoria, Redfield da un ricevimento al quale invita anche Kent Murdock, il fotografo di punta del Boston Courier-Herald, che abita nel suo stesso palazzo. Alla festa Murdock trova alcune sorprese spiacevoli (l’ex moglie con la quale è in cattivi rapporti) e piacevoli (una deliziosa biondina vestita di blu che però non gli dà la benché minima corda), ma dopo un po’, annoiato, decide di tornarsene a casa. Mentre è in bagno per fare una doccia, sente un rumore di passi nell’appartamento e poco dopo gli compare davanti, pallida e spaventata, la stessa biondina conosciuta al party. «Apri l’acqua», gli intima lei e s’infila vestita nella doccia. Le sorprese, in quella strana notte, non sono ancora finite: qualche istante più tardi, infatti, il tenente Bacon della Squadra Omicidi irrompe nel bagno. «Ciao, Kent gli dice. «C’è stato un omicidio nel palazzo. Hai per caso visto una ragazza?».
Pubblicato originariamente nel 1935 e finora inedito in Italia, un romanzo avvincente con un protagonista che conquisterà subito le simpatie dei lettori.

L’incipit:

Foley, il vicesceriffo di stanza nell’atrio, avvicinò il viso paonazzo alle porte dell’aula giudiziaria, sbirciando attraverso gli ovali di vetro incastonati nell’imbottitura di pelle.
«Ehi, la giuria sta per uscire!», disse.
Un intenso e irascibile sospiro alzatosi dal gruppo di reporter in attesa accolse la notizia, seguito da un fermento impalpabile. Qualcuno di mosse, qualcun altro cambiò distrattamente posizione.
Brant, del News, sospirò esausto: «Era ora, accidenti».
Il fumo di tabacco, frutto di quattro ore di un approvvigionamento apparentemente inesauribile di sigarette, impregnava l’aria di uno stantio odore di chiuso, sospeso in aria come un nebbioso velo azzurrino che nascondeva la volta del soffitto. Mozziconi, fiammiferi e confezioni accartocciate di cartine imbrattavano il pavimento cosparso di cenere. Le macchine fotografiche e gli ingombranti contenitori delle lastre erano accatastati contro una parete, in fila.
«Manca poco, ormai», disse Foley, continuando a tenere gli occhi incollati alla finestrella.
Brant sospirò di nuovo.
Coughlin e Weinstock, che da un’ora giocavano a testa e croce, continuarono senza scomporsi.
«Scommetto che lo incastrano», disse Kesler. Poi si guardò attorno, come in attesa di una sfida. «C’è qualcuno pronto a scommettere sull’innocenza di Girard?».
«Stanno per pronunciare la sentenza», annunciò Foley.
«Sei sotto di cinquanta centesimi. Un dollaro o niente», disse Coughlin. Weinstock annuì in silenzio e lanciò la sua moneta. «Al diavolo!», fece Coughlin, e pescò dalle tasche una banconota stropicciata.

L’autore:

Nato a Olean, nello stato di New York, il 23 aprile 1901, George Harmon Coxe frequentò le scuole superiori nella vicina cittadina di Elmira. Dopo aver trascorso un anno alla Purdue University e un anno alla Cornell, abbandonò gli studi e trovò lavoro dapprima come boscaiolo, poi in una fabbrica di automobili. Ben presto, però, il suo amore per la scrittura lo spinse a dedicarsi al giornalismo e tra il 1922 e il 1927 collaborò con il “Santa Monica Outlook”, il “Los Angeles Express”, L'”Utica Observer Dispatch” e L'”Elmira Star-Gazette”. Nel 1927 si trasferì a Cambridge, Massachusetts, dove due anni dopo sposò Elizabeth Fowley dalla quale ebbe due figli, un maschio e una femmina. Lì lavorò in un’agenzia di pubblicità fino al 1932 quando decise di rimettersi a scrivere. Dopo essersi fatto conoscere e apprezzare come autore di racconti per le riviste pulp, nel 1935 diede alle stampe il suo primo romanzo, Murder with Pictures (L’occhio indiscreto), nel quale introdusse il suo personaggio più famoso, il fotoreporter Kent Murdock. Fu per lui l’inizio di una lunga carriera letteraria durante la quale pubblicò 63 opere, 23 con Murdock come protagonista. Altri personaggi creati dalla sua penna sono Jack “Flashgun” Casey, anch’egli fotografo ma molto più “duro” di Murdock, Sam Crombie e Max Hale. Tra il 1936 e il 1938 Coxe venne messo sotto contratto dalla MGM in qualità di sceneggiatore, attività che svolse a lungo e con successo anche per la radio. Stimato dalla critica e dai colleghi («Il più professionista dei professionisti», lo definì il noto critico e scrittore Anthony Boucher), nel 1964 fu insignito del Grand Master Award dai Mystery Writers of America, associazione della quale era stato presidente nel 1952.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci