Tag

, , ,

La collana “Il Giallo Mondadori” porta in Italia un altro grande romanzo di George Harmon Coxe.
L’illustrazione di copertina è firmata da Carlo Jacono.

La scheda di Uruk:

1251. La donna con la pistola (Woman with a Gun, 1972) di George Harmon Coxe [21 gennaio 1973] Traduzione di Gino Dall’Armi
Inoltre contiene il racconto:
Mai fidarsi di un socio (Never Trust a Partner, “EQMM“, marzo 1972) di Robert Edward Eckels

L’incipit:

L’alba era ancora lontana, quando la tartana Annabel era salpata da St. George a Grenada, mantenendo la rotta a nord lungo le coste sottovento delle Grenadines. Il favore dei venti aveva permesso di navigare con il motore a basso regime, e ora, poco più che sull’abbrivo, percorreva il canale protetto fra la costa meridionale di St. Vincent e la Young’s Island, avvicinandosi all’ormeggio, a un centinaio di metri dal circolo nautico, all’estremità del molo. Da un punto di vista puramente estetico, l’Annabel, con la sua linea antiquata, i suoi quindici metri e l’ampio bordo libero, non avrebbe retto al confronto con un’imbarcazione moderna. Le sue caratteristiche generali, tuttavia – lo scafo costruito trentacinque anni addietro sulla locale spiaggia di Bequia, e l’armamento, con il motore nuovo, importato dall’Inghilterra in sostituzione del vecchio diesel – ne facevano unottimo panfilo da crociera, particolarmente adatto alla navigazione in acque perennemente mosse, tranne che a ridosso delle coste sottovento.
Ritto accanto al motore che andava al minimo, Alan Maxwell osservava i movimenti di Oscar Jones, il suo aiutante, che si protendeva dal bompresso, la gaffa in una mano, aggrappato con l’altra a un paranco, pronto ad agganciare la boa. Alan mise il motore in folle e si sporse oltre il bordo, una mano sulla ruota del timone, l’occhio al segnale di via. Alto, slanciato, armonico nella forte muscolatura, Oscar pareva un fiocinatore intento a studiare l’angolo di approccio. Con rapida, abile mossa, tuffò la gaffa e agganciò il cavo traendolo a sé con destrezza, saldo ora e ben bilanciato sui piedi nudi.

L’autore:

Nato a Olean, nello stato di New York, il 23 aprile 1901, George Harmon Coxe frequentò le scuole superiori nella vicina cittadina di Elmira. Dopo aver trascorso un anno alla Purdue University e un anno alla Cornell, abbandonò gli studi e trovò lavoro dapprima come boscaiolo, poi in una fabbrica di automobili. Ben presto, però, il suo amore per la scrittura lo spinse a dedicarsi al giornalismo e tra il 1922 e il 1927 collaborò con il “Santa Monica Outlook”, il “Los Angeles Express”, L'”Utica Observer Dispatch” e L'”Elmira Star-Gazette”. Nel 1927 si trasferì a Cambridge, Massachusetts, dove due anni dopo sposò Elizabeth Fowley dalla quale ebbe due figli, un maschio e una femmina. Lì lavorò in un’agenzia di pubblicità fino al 1932 quando decise di rimettersi a scrivere. Dopo essersi fatto conoscere e apprezzare come autore di racconti per le riviste pulp, nel 1935 diede alle stampe il suo primo romanzo, Murder with Pictures (L’occhio indiscreto), nel quale introdusse il suo personaggio più famoso, il fotoreporter Kent Murdock. Fu per lui l’inizio di una lunga carriera letteraria durante la quale pubblicò 63 opere, 23 con Murdock come protagonista. Altri personaggi creati dalla sua penna sono Jack “Flashgun” Casey, anch’egli fotografo ma molto più “duro” di Murdock, Sam Crombie e Max Hale. Tra il 1936 e il 1938 Coxe venne messo sotto contratto dalla MGM in qualità di sceneggiatore, attività che svolse a lungo e con successo anche per la radio. Stimato dalla critica e dai colleghi («Il più professionista dei professionisti», lo definì il noto critico e scrittore Anthony Boucher), nel 1964 fu insignito del Grand Master Award dai Mystery Writers of America, associazione della quale era stato presidente nel 1952.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci