Tag

, , , ,

Il trentaseiesimo numero della collana “Il Giallo Mondadori Sherlock”, la prima al mondo a far rivivere ogni mese le gesta del celebre detective, presenta questo luglio Sherlock Holmes. Il mistero dell’altra donna, di Geri Schear.

La scheda di Uruk:

36. Sherlock Holmes. Il mistero dell’altra donna (Sherlock Holmes and the Other Woman, 2015) di Geri Schear [agosto 2017] Traduzione di Giuseppe Settanni

La trama:

Al 221B di Baker Street non si dà credito al soprannaturale. Ma quando la richiesta proviene dal fratello Mycroft, Sherlock Holmes è disposto ad accantonare le regole ferree che si è dato nell’esercizio della professione investigativa. Il caso in questione riguarda Alice Prentiss, una traduttrice che pare risiedere in una casa infestata. Non che l’interessata creda a simili superstizioni, ma c’è chi teme che rumori inspiegabili e oggetti fuori posto dimostrino la presenza di fantasmi. Poco incline ad attribuire episodi concreti a entità così impalpabili, il segugio londinese si presta di buon grado a cercare una spiegazione terrena. Non può tuttavia prevedere che una piccola e bizzarra indagine lo porterà a imbattersi nelle vicissitudini dei cosiddetti Patriarchi Copti, antiche monete che la leggenda vuole dotate di proprietà magiche. Una vicenda densa di risvolti enigmatici che, insieme al coinvolgimento della consorte lady Beatrice nell’affare Dreyfus esploso in Francia, Holmes affida alle pagine più segrete delle sue memorie.

L’incipit:

Tra i molti e rimarchevoli talenti che riconosco al dottor John H. Watson, uno di quelli che giudico più prezioso, e che ai lettori dei suoi romanzati resoconti delle indagini da me svolte potrebbe essere sfuggito, è il silenzio.
Almeno, di solito è così.
Essendo io, per natura, un amante della solitudine, trovo confortante dividere il mio alloggio e una grande porzione della mia vita con un tale individuo.
Almeno, di solito è così.
Ciò non toglie che risulti molto seccante avere voglia di scambiare due parole con la persona con cui si ha più confidenza e scontrarsi invece con un ostinato silenzio.

Extra:

Il volume è impreziosito dal saggio: Indagine attorno a due patriarchi copti, sullo sfondo dell’affare Dreyfus di Luigi Pachì:

«In questa collana abbiamo già incontrato Geri Schear nel ventunesimo volume. Il titolo del romanzo era L’enigma di lady Beatrice e si apriva così: “22 febbraio 1897. Finalmente eccomi a casa, in Baker Street…”. A scrivere queste note non era però il dottor Watson in uno dei suoi famosi resoconti, ma Sherlock Holmes in persona dalle pagine dei diari autografi, scoperti dopo lungo tempo. Un tesoro inestimabile, con i casi raccontati dalla viva voce del protagonista assoluto. È proprio dall’incipit di uno dei quaderni ritrovati che prendeva forma una vicenda straordinaria sotto ogni aspetto. Il re degli investigatori era convalescente, vittima di un tentato omicidio: ferito da un misterioso aggressore, si era salvato grazie all’intervento di un ragazzo, poi svanito nel nulla. Il tutto fra una serie di attentati a monarchi e uomini politici, l’assassinio di una domestica e la banda criminale del professor Moriarty ricostituitasi sotto un nuovo capo.»

L.

– Ultimi post simili:

Annunci