Tag

, ,

Numero d’annata della collana “Segretissimo” (Mondadori), all’epoca della conduzione di Gian Franco Orsi.

L’illustrazione di copertina è firmata da Gaetano Pignatelli.

La scheda di Uruk:

1164. Il dente del serpente (Serpent’s Tooth, 1989) di Denis Kilcommons [9 dicembre 1990] Traduzione di Piero Cavallari

La trama:

Liam Devlin lavora per l’IRA, Ashley Ballantyne per il Servizio Segreto Britannico. Sono nemici e combattono su fronti opposti. Ma quando Liam scopre, per caso, un complotto di gruppi terroristici europei decisi ad assassinare il Presidente degli Stati Uniti, non può far altro che unirsi in missione a Ballantyne. Insieme dovranno sventare un piano terroristico che prevede, il rapimento della figlia trentenne del Presidente degli USA, sottoporla al lavaggio del cervello e usarla per ammazzare il padre. Un capolavoro di tensione, di ritmo, di suspense ambientato nel mutevole e pericoloso mondo del terrorismo internazionale.

L’incipit:

St. Jean de Luz.
Le due ragazze erano distese sui materassini che galleggiavano immobili nella piscina. I loro corpi erano dorati dal sole.
— Dicono che l’abbronzatura sia volgare — disse la ragazza mora con i capelli corti.
La sua amica bionda si mise a ridere. — Lo dice chi è bianco come il latte. — Dopo una pausa aggiunse: — Stai per compiere trent’anni. Inizia il declino.
— Lo so. Come se n’è andato il tempo?
— In divertimenti?
Risero insieme. La bionda disse: — Che ne diresti di una… botta?
La pausa durò abbastanza a lungo da diventare allusiva, ed entrambe scoppiarono a ridere.
— A pagamento?
— John non si fa pagare. Ma se insisti, c’è sempre Manuel…
— Mamma mia! — La ragazza fremette in modo teatrale. — È così grasso. A volte mi chiedo come possa riuscirci.
— I cuochi sono grassi per antonomasia. E se vuoi scoprire come riesce a farlo, posso organizzare una dimostrazione.
— Non essere disgustosa. Mi terrò John.
— Davvero?
— Be’… vedremo. Mancano ancora dieci giorni. Può succedere di tutto.
— Ancora dieci giorni e avrai trent’anni. Dio mio, io mi ucciderei — disse la bionda.
— Ci arriverai anche tu, un giorno. A ogni modo, la vita comincia a trent’anni.

L’autore:

Denis Kilcommons è nato nel West Yorkshire. Fino al 1958 ha svolto attività giornalistica nel nord Inghilterra e anche in Africa. È sposato e ha due figlie. Il romanzo con cui ha esordito nella narrativa poliziesca è The Dark Apostole, col quale ha vinto il John Creasy Award per la migliore opera prima del 1987. Denis Kilcommons è stato salutato dalla critica inglese come uno dei più promettenti autori di spionaggio, degno di sedere accanto a Forsyth, Ludlum, Deighton e Le Carré. «Un modo di narrare che afferra alla golaW, ha scritto il “Sunday Times”, «superbo», ha aggiunto lo “Yorkshire Post”, «paragonabile alle opere dei grandi maestri…»

L.

– Ultimi post simili: