Tag

,

Continua per tutto dicembre l’iniziativa di presentare solo romanzi di Natale!
Ogni genere, ogni autore, ogni nazionalità troverà spazio: non esitate a segnalarmi titoli, che vi ringrazierò nei relativi post.

La scheda di Uruk:

Calda sorpresa di Natale (Hired: The Italian’s Convenient Mistress, 2008) di Carol Marinelli [Harmony Collezione n. 2551, 9 novembre 2010] Traduzione di Sonia Indinimeo

La trama:

L’erede del milionario…
A pochi giorni da Natale, Elia Vanaldi scopre all’improvviso che la sua vita subirà un drastico cambiamento: da quel momento, infatti, dovrà prendersi cura del suo nipotino.
… e la giovane babysitter.
Ainslie Farrell ha appena perso il suo lavoro di ragazza alla pari. Quando Elia, conosciuto per caso nella Tube, le offre il posto di tata e governante, lo prende come un segno del destino. Anche se vivere sotto lo stesso tetto dell’affascinante milionario non può che riservarle più di qualche sorpresa.

L’incipit:

Ma dov’è…?
Schiacciata tra la folla di pendolari, Ainslie si augurò che il suo zaino fosse ancora accanto alla porta, dove lo aveva appoggiato. Non aveva bisogno di aggrapparsi alla maniglia per restare in piedi nella metropolitana di Londra, che la stava conducendo verso una destinazione ancora sconosciuta.
Dove posso andare?
C’era sempre l’
Earls Court… Non era lì che andavano tutti i saccopelisti australiani in visita a Londra?
Solo che lei non era una saccopelista. Era arrivata in Inghilterra con una sistemazione e un buon impiego. Per tre mesi aveva amato il suo lavoro e la sua vita, fino a quella mattina.
I folti capelli biondi erano ancora umidi per la pioggia. Fastidiose goccioline di sudore le imperlarono la fronte, dando il via a un nuovo attacco d’ansia.
Che cosa faccio, adesso?
Aveva delle amiche, certo… O meglio, conosceva altre colleghe, che aveva incontrato durante i pomeriggi al parco con i bambini e con cui aveva passato qualche serata piacevole dopo il lavoro.
Amiche che in quel momento forse sedevano in un bar, commentando tra loro la triste vicenda di Ainslie, accusata di furto e licenziata dai suoi datori di lavoro. Che ci credessero o meno, non aveva importanza. Le famiglie per cui lavoravano si conoscevano e si frequentavano, quindi, se volevano mantenere il lavoro, l’ultima cosa di cui avevano bisogno era prestare aiuto a una presunta ladra senzatetto.
«Scusi» mormorò una voce maschile bassa e profonda, vicinissima al suo orecchio. Il treno aveva accelerato e il bambino che l’uomo teneva in braccio si era trovato contro il suo seno.
«Tutto bene» rispose Ainslie senza nemmeno alzare lo sguardo. Quando il treno si fermò nel tunnel tra due stazioni, cercò di scostarsi un po’, ma non c’era spazio. Inarcò la schiena per non disturbare il sonno del bambino tra le braccia dell’uomo.
Dio mio, è peggio di un forno!

L’autrice:

Carol Marinelli, nata e cresciuta in Inghilterra, ha conosciuto il marito durante una vacanza in Australia.

L.

– Ultimi post simili: