Tag

, , ,

Il quarantatreesimo numero della collana “Il Giallo Mondadori Sherlock”, la prima al mondo a far rivivere ogni mese le gesta del celebre detective, presenta questo marzo L’enigma Reichenbach.

La scheda di Uruk:

43. Sherlock Holmes. L’enigma Reichenbach (Return to Reichenbach, 2016) di Geri Schear [marzo 2018] Traduzione di Marco Bertoli

La trama:

Impareggiabile Holmes. Soltanto lui, ricevendo un criptico telegramma su un uomo trovato in camicia da notte nella brughiera, sarebbe capace di elaborare sull’accaduto non una ma sette teorie. Ed è proprio ciò che fa, mentre in compagnia dell’amico Watson raggiunge in treno Exeter, nel Devonshire. Difficile tuttavia, da elementi tanto esigui, desumere cosa sia successo a questo misterioso individuo, che urla come un pazzo e sembra terrorizzato dai serpenti. Quando però, seguendo a ritroso le sue tracce, il segugio londinese scopre due cadaveri in una fattoria isolata, con scuderie attrezzate a camera delle torture, una vicenda nata sotto una luce grottesca si trasforma in un caso dei più oscuri. Sarà dunque benvenuta la preziosa collaborazione di lady Beatrice nel dipanare i fili di una trama su cui incombe minacciosa l’ombra di Moriarty, scomparso anni prima nelle acque di una cascata in Svizzera dopo una violenta colluttazione con Holmes. La chiave è in un nome: Reichenbach, teatro di quell’epico scontro. Dove tutto pareva finito e invece, forse, era appena cominciato.

L’incipit:

Venerdì 21 ottobre 1898
Il telegramma diceva solo: “Uomo in camicia da notte trovato in brughiera. Richiesta sua presenza”.
Sul treno, Watson mi ha domandato: — Come può saltare in testa a qualcuno di andare a spasso nella brughiera così combinato, Holmes? Sarà un matto?
— Watson, lei conosce il mio sistema: formulare teorie prima di conoscere i fatti è un errore capitale. Nemmeno io sarei in grado di sviluppare un’ipotesi ragionevole sulla sola base di otto parole.
Lui ha taciuto, ma sapevo che stava semplicemente formulando la domanda successiva. Era pronta quando il treno è entrato nella stazione di Clapham Junction. — Avrà escogitato una teoria, Holmes — ha detto.
Il mio cipiglio non lo ha scoraggiato. Ormai mi conosce troppo bene, credo, per lasciarsi imbrogliare dalle mie ostentazioni di alterigia. Gli ho risposto: — Ne ho escogitate sette, che su per giù coprono il poco che sappiamo. Ma senza sapere i fatti, non posso dire quale sia la più plausibile.
— Per esempio?
A volte mi sembra di avere a che fare con un bambino, tanto grande e tanto puerile è questo suo bisogno di venire costantemente intrattenuto.
La gente è scesa dal treno e si è dispersa per la stazione, sostituita da altra gente che si è messa a salutare dal finestrino e poi a percorrere affannata la carrozza in cerca del proprio scompartimento. Non avevo mai visto un gruppo di viaggiatori così ottusi. Se anziché un detective fossi un criminale, nessun mezzo di trasporto pubblico sarebbe più sicuro: non c’è posto migliore per rubare portafogli e vite.

Extra:

Il volume è impreziosito dal saggio: Dalle brughiere del Dartmoor alla cascata del Reichenbach di Luigi Pachì:

«Nel Giallo Mondadori Sherlock torniamo a presentare in queste pagine un’autrice piuttosto apprezzata a livello internazionale. Si tratta di Geri Schear, irlandese di Kells, cittadina medievale che si trova in una piccola contea di nome Meath. Nata a Dublino, molta della sua infanzia l’ha passata a Londra. Ha poi vissuto anche a Gerusalemme e in Ohio.
Il suo primo romanzo,
A Biased Judgement. The Sherlock Holmes Diaries: 1897 [L’enigma di lady Beatrice, “Il Giallo Mondadori Sherlock” n. 21, maggio 2016], dopo la pubblicazione nel 2014 si è posizionato su Amazon per alcuni mesi come bestseller tra i libri dedicati a Sherlock Holmes. Questo testo d’esordio ha ottenuto la certificazione dell’Arthur Conan Doyle Estate, ed è anche stato prodotto in versione audiolibro in lingua inglese. Il secondo romanzo, Sherlock Holmes and the Other Woman [Il mistero dell’altra donna, “Il Giallo Mondadori Sherlock” n. 36, agosto 2017], è stato venduto in vari paesi e la versione in audiolibro verrà pubblicata al più presto. Si tratta di una storia holmesiana raccontata sullo sfondo dell’affaire Dreyfus, lo scontro politico e sociale che ha diviso la Francia tra il 1894 e il 1906.»

L.

– Ultimi post simili: