Tag

, , , , ,

La collana “Il Giallo Mondadori” di settembre (n. 3171) presenta la settima indagine del detective Murdoch.

La scheda di Uruk:

3171. Dopo il dolore verrà la vendetta [Murdoch Mysteries 7] (A Journeyman to Grief, 2007) di Maureen Jennings [settembre 2018] Traduzione di Marilena Caselli

La trama:

Appeso per i polsi a una cinghia fissata a un gancio nel soffitto della stalla. Il cadavere, con le palpebre spalancate, è nudo dalla vita in su. La schiena segnata da strisce scure di sangue raggrumato. Mosche sulle ferite, l’aria impregnata di un odore acre. Al detective William Murdoch della polizia di Toronto, chiamato sulla scena del delitto, appare subito evidente che la vittima, il proprietario della scuderia, è stata frustata con ferocia inaudita. Ma la cosa ancora più impressionante è quello sguardo stravolto, con gli occhi fuori dalle orbite, come se l’uomo fosse morto di paura. E le sofferenze che gli sono state inflitte sembrano via via, con il progredire dell’indagine, innestarsi in una catena di orrori che si allunga nel passato, fino alla scomparsa di una ragazza avvenuta trentotto anni prima. Questo omicidio ne costituisce solo un anello, destinato a non rimanere l’ultimo. Toccherà a Murdoch unirli uno dopo l’altro, a suo rischio e pericolo, per fare luce su un’atroce realtà. Calandosi nell’abisso in cui si annida il fantasma dello schiavismo.

L’incipit:

Luglio 1858

Si girò a guardare al di sopra della spalla per vedere se arrivava. Cosa stava combinando? Era via da più di mezz’ora, e l’unica cosa che aveva da fare era prendere la borsa del tabacco che aveva dimenticato nella loro camera d’albergo e tornare indietro. Avevano deciso di prendere il vaporetto, ma lo avrebbero perso di sicuro se non si fosse sbrigato. Si schermò gli occhi dal sole, ma la strada era deserta, a parte una carrozza che si stava avvicinando lentamente. Consultò l’orologio da taschino in oro che le aveva regalato il padre per il matrimonio. Era stato un regalo bello e stravagante, ma a rovinarlo ci aveva pensato il suo stesso genitore, alzando talmente il gomito da non riuscire quasi a felicitarsi con lei per le nozze. Perciò, ogni volta che controllava l’orologio, l’orgoglio per tutto quello splendore scemava al pensiero di quanto lui l’avesse delusa.
Si mosse di nuovo sulla panchina. Alla sua sinistra, si era formato un arcobaleno sopra gli alti spruzzi della cascata. Aveva gioito all’idea di trascorrere lì la sua luna di miele, ma, almeno fino a quel momento, la settimana non era stata poi così felice. Dal primo istante si era resa conto che gli altri ospiti le lanciavano occhiate di disapprovazione. Quando ne aveva parlato col marito, lui aveva liquidato frettolosamente la cosa invece di mostrarsi gentile, ma lei aveva voluto credere alle sue parole: “Sei la donna più bella di tutta la sala. Gli uomini ti mangiano con gli occhi e le donne sono gelose. Nessuno sa. Credono tutti quanti che tu sia una contessa spagnola”.
Avrebbe voluto che lui aggiungesse qualcos’altro, ma in quei pochi giorni di matrimonio aveva imparato a non insistere più di tanto sugli argomenti di cui il marito non voleva discutere. Durante il corteggiamento era stato tenero e sollecito, ma niente, neppure gli avvertimenti della zia Hattie riguardo alla “natura dell’uomo” l’avevano preparata alla ruvidezza del loro rapporto matrimoniale. Non riusciva a nascondere il suo sconforto, e lui non ci metteva molto a spazientirsi con la moglie. “Non mi sarei mai aspettato una tale freddezza da parte tua.” Quel rimprovero l’aveva fatta piangere così tanto, la prima notte, che alla fine lui aveva assunto un atteggiamento meno duro, l’aveva presa in giro ed era persino riuscito a farla sorridere. Quella mattina si era svegliata e l’aveva trovato seduto sul bordo del letto, a guardarla. L’aveva baciata con passione. “Oggi devi metterti il vestito di seta azzurro, la crinolina più grande che hai e quel cappello a falde larghe con le piume di pavone. Sarai la meraviglia della passeggiata a mare.”

L’autrice:

Nata a Birmingham nel 1939, Maureen Jennings è emigrata con la madre in Canada a diciassette anni. Il romanzo Dopo il dolore verrà la vendetta fa parte di un ciclo ambientato alla fine dell’Ottocento e incentrato sull’investigatore della polizia di Toronto William Murdoch, poi protagonista di una fortunata serie televisiva.

L.

– Ultimi post simili: