Tag

Torna l’appuntamento settimanale con le uscite Delos Digital, la casa specializzata in tutti i colori della narrativa.


All’ombra di Sherlock Holmes 15. La valigetta nera, di Giacomo Mezzabarba
Sherlockiana n. 243 (18 marzo 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Giallo – racconto lungo (51 pagine)

Come in alcuni vecchi gialli in cui il passeggero di un treno assiste a un assassinio mentre viaggia, Holmes e Watson si trovano a incrociare una carrozza mentre un uomo viene pugnalato. Da qui partirà un’indagine dagli esiti inattesi.

Giacomo Mezzabarba: di un tale che va sotto questo nome (che potrebbe anche essere uno pseudonimo), autore di vari scritti, si sa poco o niente. Le notizie su di lui sono confuse e contraddittorie, a cominciare dal suo luogo di nascita e addirittura riguardo l’epoca della sua venuta al mondo. C’è chi crede che sotto tal nome si celi un prete lombardo, notorio falsario, che assieme a fra Giovanni Pantaleo di Castelvetrano fu al seguito di Garibaldi nell’impresa dei Mille, pur senza essere mai ascritto nei ruoli di quella gloriosa milizia e che a partire dalla fine dell’Ottocento scrisse falsi racconti di Sherlock Holmes, come molti facevano in tutta Europa. Altri invece menzionano un omonimo avvistato negli anni Settanta del secolo scorso in una scuola della Valtellina, e altri ancora credono di riconoscere in lui un insegnante in uno sperduto paesino del Cilento, all’incirca negli stessi anni.


Immondizia disumana (Unhuman Garbage, 2015) di Kristine Kathryn Rusch (traduzione di Marco Riva)
Biblioteca di un Sole Lontano n. 50 (18 marzo 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Fantascienza – romanzo breve (82 pagine)

Ambientato nel commonwealth galattico denominato “Alleanza Terrestre”, dove trattati interplanetari regolano la convivenza tra le razze, e gli umani, che cercano di espandersi sul suolo di altri pianeti e sistemi solari, devono sottostare alle bizzarre usanze extraterrestri, questo romanzo breve, autonomo nello svolgimento e nella lettura, si svolge nella cupola lunare di Armstrong e ci propone la detective Noelle de Ricci alle prese con un mistero legato a un cadavere ritrovato in un cassonetto usato per i “compost” delle immondizie. L’investigazione, cui partecipa anche il coroner Ethan Broduer, si rivela subito assai complicata, sia per l’identificazione del corpo, sia perché nella vicenda risulta implicato un potentissimo boss della mafia lunare. Ma Noelle non desisterà, e porterà avanti l’indagine, nonostante pericoli e cospirazioni, anche a costo di mettere in palio la sua futura carriera, e forse la sua stessa vita.

Nata il 4 giugno del 1960 a Oneonta (New York, USA), Kristine Kathryn Rusch ha raggiunto il successo come editor di Magazine of Fantasy & Science Fiction, che ha guidato per sei anni, dal 1991 al 1997, vincendo anche un premio Hugo come miglior editor professionale. In seguito ha abbandonato l’editing per concentrarsi sulla produzione narrativa, diventando in breve una delle scrittrici di punta del mercato americano. Dotata di grandi doti narrative, la Rusch si è dimostrata autrice competente e prolifica in numerosi campi, passando con disinvoltura dalla fantascienza hard al romance, fino ai romanzi gialli. Nel campo prettamente fantascientifico si è fatta notare per i suoi magnifici racconti e romanzi brevi, come Millennium Babies (premio Hugo 2001 come miglior novelette), Recovering Apollo 8 (Il recupero dell’Apollo 8, Odissea Delos Books), The Retrieval Artist (2002, vincitore del premio Endeavour; questo romanzo breve sarà presto pubblicato in questa collana), e Echea, del 1999, finalista a tutti i maggiori premi del settore, dallo Hugo al Nebula, allo Sturgeon e al Locus. Del ciclo delle Immersioni e della Tecnologia dell’Occultamento (Stealth) abbiamo pubblicato Un tuffo nel relitto (Diving into the Wreck), Stealth, La stanza delle anime perdute, e Base di settore Venice, mentre di quello dell’Artista dei Recuperi, che inizia con The Retrieval Artist (2001, finalista al premio Hugo come miglior novella) e di cui fa parte questo Inhuman Garbage (vincitore nel 2015 del premio assegnato alla migliore novella uscita su Asimov’s SF Magazine), abbiamo proposto anche Il cercatore di tesori, Paavo Deshin e Cause impossibili.


Le due porte gemelle, di Alexandra Fischer
Odissea Wonderland n. 12 (18 marzo 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Narrativa – romanzo (429 pagine)

Una pioggia insistente risveglia Jopee Dork, capitano della nave che ha scoperto un’isola comparsa all’improvviso sulle rotte dell’Arcipelago delle Spezie.
La sua voglia di scendere a visitarla è mortificata dal risveglio nella Casa dalla Porta Grigia, lascito inatteso del mercante-marinaio detto il Ramato: insieme all’abitazione, l’uomo gli ha lasciato una somma di denaro tale da fare di lui un uomo talmente agiato da indurre la Compagnia di Navigazione di Bruma a cancellarlo dal ruolino. I sogni notturni, agitati da ricordi legati all’isola misteriosa, forse già visitata in un passato remoto, e l’apparizione del pugnale perso quando era mozzo, unitamente a quella di lucertole troppo scaltre, lo portano a bussare alla porta della casa di fronte, gemella di quella che ha appena ereditato, la Casa dalla Porta Verde. La abita la figlia dell’ex-capitano di lungo corso detto il Biondo, deceduto in mare. La donna si dimostra disposta a rispondere alle sue domande, ma lo mette in guardia: è meglio che si rassegni a stare lontano dal mare.

Alexandra Fischer è nata il 12 novembre 1971 a Stoccarda, ma si è trasferita in Italia a partire dai tre anni di età; suo padre è tedesco, sua madre italiana, ed ambedue conoscono bene lingue straniere come inglese e francese. Lei stessa lavora per una ditta di Alba come traduttrice oltre che addetta alla gestione di ordini. Nel novembre 2018 si è classificata al primo posto come Migliore Lettrice nel Torneo IoScrittore della Gems (pseudonimo: Underduinken). Nel luglio 2018 ha pubblicato il romanzo urban fantasy L’alamaro color cenere con la casa editrice Nulla Die. Nel luglio 2014 ha tradotto dall’inglese alcuni capitoli della biografia di Joe Strummer di Chris Salewicz per il regista di cortometraggi Simone Lajolo. E nell’aprile 2011 ha tradotto per lui dal francese il libro Non ho mai fatto nulla da solo di Isabelle Daniel sul regista marsigliese Robert Guédiguian.


L’amante di Eolo, di Imma D’Aniello
Romantica n. 32 (18 marzo 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Romance – romanzo (162 pagine)

Chiara Valdi cresce con sua nonna in una bellissima villa situata sulla costiera amalfitana, in compagnia anche di don Carmine e suo figlio Pasquale, che le aiutano nella gestione della fattoria. Rosa è la fattucchiera del paese e, facendo i tarocchi, prevede l’arrivo dell’uomo che sua nipote dovrà sposare. Il vento cambia e porta con sé Roberto, un uomo tenebroso e affascinante, che occuperà il posto di lavoro di Pasquale, il quale dopo avere inutilmente sperato in un matrimonio con Chiara, illuso da Rosa, decide di andare via.
Tra Roberto e Chiara subito esplode un grande amore, ma Chiara non vuole accettare ciò che sente e si rifiuta di vivere una passione travolgente. Nel momento in cui sta per cedere alle sue avances, arriva però Sara, la giovane moglie di Roberto. Inizia per Chiara un periodo cupo che la porta a isolarsi da tutti e a continuare a scrivere sul suo diario i suoi pensieri, fino a quando un giorno riceve un messaggio da un mittente anonimo.
“Amante di Eolo sono io”. Termina così la prima parte del racconto nella quale si alternano le vicende amorose della protagonista e da cui nasce Amante di Eolo, una pagina di aforismi realmente esistita su Facebook dal 2009 al 2011 e di cui esiste la raccolta Parole nel vento di Amante di Eolo

Imma D’Aniello è nata e vive a Napoli. Ha pubblicato racconti, poesie e aforismi in numerose antologie. Ama spaziare tra vari generi ma predilige il romance. Tra gli e-book ricordiamo Sotto il cielo di Parigi, Non ti dimentico, Levigo il vento e ti vengo a cercare (Delos digital). Ha pubblicato il suo primo romanzo storico Il tesoro delle meraviglie (Les Flaneurs edizioni).


La scure e i sepolcri: Ciclo: Crypt Marauders Chronicles, di Alessandro Forlani e Pietro Rotelli
Heroic Fantasy Italia n. 1 (18 marzo 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Fantasy – romanzo breve (69 pagine)

Tanatolia: il continente-necropoli dove la negromanzia è legge e i cui sepolcri custodiscono favolosi tesori. Malqvist, valoroso guerriero ridotto a tombarolo, leale, sfortunato, diffidente di qualsiasi forma di magia, si trova a misurarsi con entità aliene, demoni, mostri antropofagi e subdoli stregoni. Attorno a lui una folla di personaggi, mercanti senza scrupoli, cinici avventurieri, fanciulle in pericolo ma soprattutto pericolose, combattenti abbrutiti e prostitute generose, che Alessandro Forlani ritrae, vividi e indimenticabili, con la sua prosa fantasiosa e inventiva.
La Scure e i Sepolcri fa parte delle Crypt Marauders Chronicles: un progetto di narrativa sword & sorcery ideato da Alessandro Forlani e Lorenzo Davia cui hanno aderito molti autori italiani.

Alessandro Forlani insegna sceneggiatura all’Accademia di Belle Arti di Macerata e Scuola Comics Pescara. Premio Urania 2011 con il romanzo I senza tempo, vincitore e finalista di altri premi di narrativa di genere (Circo Massimo 2011, Kipple 2012, Robot e Stella Doppia 2013) pubblica racconti e romanzi fantasy, dell’orrore e di fantascienza (Tristano; Qui si va a vapore o si muore; All’Inferno, Savoia!) e partecipa a diverse antologie (Orco Nero; Cerchio Capovolto; Ucronie Impure; Deinos; Kataris; Idropunk; L’Ennesimo Libro di Fantascienza; 50 Sfumature di Sci-fi). Vincitore del Premio Stella Doppia Urania/Fantascienza.com 2013.


Il Milan di Ancelotti, di Marco Riccardi
I Coriandoli n. 33 (18 marzo 2019)
Delos Digita

Dal 5 novembre del 2001 al 31 maggio 2009 Carlo Ancelotti è stato per oltre 400 partite alla guida del Milan, periodo nel quale il mister ha ottenuto la consacrazione come allenatore vincente e bravo a offrire un ottimo calcio.

Partita dopo partita, in questo “almanacco” del Milan targato Ancelotti viene descritto tutto il periodo ancelottiano, non solo con i tabellini e i risultati di tutti gli incontri disputati, ma anche per descrivere l’intuizione del modulo ad “albero di Natale” che ha regalato tante vittorie e l’arrivo di moltissimi campioni, che con le loro giocate hanno deliziato per anni i tifosi del Milan.


Writers Magazine Italia 53, a cura di Franco Forte
(18 marzo 2019)
Delos Digital

Inchiesta: I nuovi modi di fare editoria

Uova divorziate, racconto di Milena Contini

Un intenso viola, racconto di Angelo Frascella

Intervista: Biagio Proietti

Intervista: Franco Forte e Guido Anselmi

Approfondimenti: Gli alieni di John Wyndham

Ultima fermata, racconto di Luigi Brasili

Uccidere fa male, racconto di Paolo C. Leonelli

Le interviste fantastiche: Paolo Ninzatti

Premi Letterari: Insolito Forese

Sarcofago, racconto vincitore premio Inedito Forese di Maurizio Baruffaldi

Pillole di consapevolezza, racconto di Guido Anselmi

A mala corda, racconto di Giorgio Lupo Vincitore 43° Premio WMI

Buja, 1944, racconto di Silvia Ganzitti 2° class. 43° Premio WMI

Il mio amico Leo, racconto di Massimo Avanzini 3° class. 43° Premio WMI

Tecnica: la “d” eufonica


L.

– Ultimi post simili: