Tag

Torna l’appuntamento settimanale con le uscite Delos Digital, la casa specializzata in tutti i colori della narrativa.


All’ombra di Sherlock Holmes 16. Il tempo che fu, di Giacomo Mezzabarba
Sherlockiana n. 248 (30 aprile 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Giallo – romanzo breve (60 pagine)

I versi di una delle più note poesie di Shelley scandiscono i passaggi di questa avventura di Holmes e Watson. Tutto prende inizio da un vecchio trumeau che nasconde uno scomparto segreto, acquistato dal dottor Watson e da sua moglie Mary presso un rigattiere di Spitalfields.

Giacomo Mezzabarba: di un tale che va sotto questo nome (che potrebbe anche essere uno pseudonimo), autore di vari scritti, si sa poco o niente. Le notizie su di lui sono confuse e contraddittorie, a cominciare dal suo luogo di nascita e addirittura riguardo l’epoca della sua venuta al mondo. C’è chi crede che sotto tal nome si celi un prete lombardo, notorio falsario, che assieme a fra Giovanni Pantaleo di Castelvetrano fu al seguito di Garibaldi nell’impresa dei Mille, pur senza essere mai ascritto nei ruoli di quella gloriosa milizia e che a partire dalla fine dell’Ottocento scrisse falsi racconti di Sherlock Holmes, come molti facevano in tutta Europa. Altri invece menzionano un omonimo avvistato negli anni Settanta del secolo scorso in una scuola della Valtellina, e altri ancora credono di riconoscere in lui un insegnante in uno sperduto paesino del Cilento, all’incirca negli stessi anni.


Sherlock Holmes e il mistero della stanza delle mappe, di Cristian Fabbi
Sherlockiana n. 249 (1° maggio 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Giallo – racconto lungo (26 pagine)

Un segreto si nasconde nella misteriosa stanza delle mappe del palazzo della Compagnia delle Indie. Riuscirà Sherlock Holmes a risolvere l’arcano mistero? Un racconto lungo dal vincitore dello Sherlock Magazine Award, edizione 2008.

Cristian Fabbi (1973) ha vinto lo Sherlock Magazine Award 2008 con l’apocrifo La presa del sangue. Finalista al Gran Giallo Città di Cattolica 2009 con La Pallottola Benedetta. Nel 2010 ha vinto il premio letterario nazionale Delitto d’Autore. Il suo racconto, Il carabiniere di Allah, è apparso su Il Giallo Mondadori, numero 3061, giugno 2012.
Nel 2010 ha pubblicato il suo primo romanzo, Ognibene e le tracce del mulo (Forme Libere Edizioni) seguito, nel 2015 dal secondo della serie albanese, Petroia! (Antipodes editore).


Angelo vendicatore, di Simone Pavanelli
Nero Italiano n. 100 (30 aprile 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Thriller – romanzo (157 pagine)

Angelo non è solo un operaio, è anche un assiduo frequentatore di night club e di donne di dubbia moralità. Non certo un eroe, di sicuro non un cuore puro. No, Angelo è diverso, mantiene un basso profilo per non dare a vedere cos’è capace di fare. Ma è pur sempre un uomo che rimane ammaliato dalla bellezza di Dalila, una prostituta di cui si invaghisce, una donna che soffre per la scomparsa di una collega.
Angelo la troverà dentro un’auto in fondo a un canale, e quello sarà l’inizio della fine.

Simone Pavanelli nasce a Torino nel 1976. Operaio nella vita, si divide tra le sue grandi passioni: la musica e la scrittura. Fa il suo esordio editoriale nel 2012 con Verità oscura. Nel 2014 arriva tra i primi dieci finalisti alla IV edizione del concorso Scriviamo insieme con Sette di denari – Una moderna lotta d’altri tempi.
Nel 2016 esce con La maledizione delle Pecore nere, che si aggiudica il premio speciale della giuria come miglior thriller alla VI edizione del concorso Scriviamo insieme.
Nel 2018 pubblica Il mistero delle cinque croci. Tutti i romanzi sono targati Edizioni DrawUp.


Il giorno del buio, di Marco Pensante
Odissea Digitale Fantascienza n. 68 (30 aprile 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Fantascienza – romanzo (387 pagine)

La potente Compagnia per lo Sviluppo dei Mercati Planetari governa l’intera estensione conosciuta della Spirale, monopolizzando la tecnologia del volo spaziale e tutti i rapporti socioeconomici. Per David Tschander, ex Funzionario di medio rango della Compagnia, la sensazione di avere sprecato la vita senza avere mai conosciuto veramente se stesso è gravosa. La sua destinazione è il pianeta Kendall, che da miliardi di anni non ruota più ed è diviso fra un cocente deserto, dal lato esposto al suo sole, e un oceano artico immerso in una notte interminabile, dal lato opposto. Ma quando per la prima volta da ottomila anni si annuncia su Kendall il Giorno del Buio, la grande eclissi che sprofonderà nella tenebra l’intero pianeta, David verrà coinvolto suo malgrado in una congiura che trasformerà l’intero assetto della Galassia. Nella disperata lotta per la sopravvivenza, David conoscerà il vero volto dei poteri occulti che guidano il destino del suo mondo, e scoprirà il senso dell’amore, dell’amicizia e della comunità.

Marco Pensante è nato a Brescia nel 1966. Ha pubblicato i romanzi Il sole non tramonta (Editrice Nord 1986, vincitore del Premio Italia 1987, qui ripubblicato in edizione riveduta con il titolo originale Il Giorno del Buio), e Ponte di Mezzo (Interno Giallo 1992). Nell’estate 1986 il quotidiano Bresciaoggi ha pubblicato a puntate il racconto lungo Il piano. Su Urania Millemondiestate 1987 è comparso il racconto lungo La Terra d’inverno. Per Stampa Alternativa ha scritto i racconti Mexican Radio (in Fantasia, 1995) e Il mistero del sashimi a orologeria (in Cyberpunk, 1996). Ha collaborato alla rivista Pulp intervistando James Ellroy e Joyce Carol Oates. Ha lavorato come traduttore per Urania, Interno Giallo, Longanesi, Einaudi, Marco Tropea Editore, Il Saggiatore. Ha tradotto opere di Robert Silverberg, James Ellroy, Andrew Vachss, Don De Lillo, Douglas Coupland, Dennis Cooper, Salman Rushdie, Joyce Carol Oates, David Peace. Sta lavorando a un nuovo romanzo di fantascienza avventurosa.


Disconnessi, di Carolina Gervasio
Odissea Wonderland n. 14 (30 aprile 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Narrativa – romanzo (263 pagine)

Il mondo, un insieme di terre spezzate per sempre. Persone divise tra Vincitori e Vinti. Qualcuno aveva cercato di invertire la rotta, ma era stato fermato.
Adesso tocca a Riley Whyedow, una Vinta, provare a cambiare le sorti del suo Paese e vendicarsi per tutto il male che le hanno fatto senza nemmeno accorgersene. Suo fratello è stato infettato, i suoi genitori sono spariti. Un incubo che la perseguita fin da quando aveva sette anni sembra avere dentro di sé le risposte che cerca.
Toney, il capo dell’Esercito Libero, l’ha trovata e non se la lascerà scappare.
La sua buona stella le ha fatto un dono speciale e Riley lo userà senza pietà.
Per una volta, forse, smetterà di essere sola.

Carolina Gervasio, nata nel 2002, vive e studia a Torino. Scrive fin da piccola, per lo più racconti brevi in ambientazioni fantastiche. La sua passione è narrare le avventure che prendono vita nella sua mente in seguito a sogni notturni. Disconnessi, ideato e scritto dopo un viaggio a Londra, è il suo romanzo d’esordio.


Odiabili resti, di Luca Mazza
Imperium Horror n. 11 (30 aprile 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Horror – racconto lungo (32 pagine)

“Sono nato nell’era del Crollo e ho tritato infanzia e gioventù nel napalm di conflitti, pogrom e checkpoint in cui è rovinato il mondo.
Ho guerreggiato per le forze dell’Atollo dall’età di sedici anni, barando col reclutatore il giorno dell’arruolamento.
Ho conseguito ben dodici Bonus Cittadinanza in altrettante missioni ufficiali, il che equivale ad aver giocato dodici volte alla roulette corsa con cinque bossoli nel tamburo.
Poi, durante la mia tredicesima, sono morto e sono risorto come Gesù e il mio sergente prima di me.”

Luca Mazza è nato a Bologna nel 1980. Maturità classica, laurea in Scienze Motorie, come autore è stato selezionato in diverse antologie: Zappa&Spada, Acheron Books 2017, con il racconto Il monco il lurco la laidaThanatolia, Watson 2018, con il racconto L’Inferno non ha mappeL’orrore di Lovecraft, Esecranda 2018, con il racconto Eggregora. Ha curato l’antologia N di meNare, Lethal Books 2018; ha fondato il sito www.ignoranzaeroica.it e cura la pagina Ignoranza Eroica su Facebook. Collabora con Heroic Fantasy Italia e Italian Sword&Sorcery con racconti e approfondimenti.


Anne Perry, una vita con Pitt, di Dina Lentini
I Coriandoli n. 37 (30 aprile 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Saggi – saggio (286 pagine)

L’Inghilterra vittoriana è la culla del giallo classico. La si collega spesso a Sherlock Holmes, ma altri detective e investigatori hanno vissuto in quel periodo le loro avventure: in particolare Thomas Pitt e William Monk, creati dalla penna di Anne Perry. Da un tranquillo villaggio nelle Highland scozzeri la Perry è diventata negli anni Novanta la regina del crimine vittoriano, e solo allora la stampa scoprì che il suo vero nome era Juliet Hulme, e che in gioventù era stata lei stessa protagonista di una storia sconvolgente: complice di un omicidio e condannata a cinque anni di carcere. Un caso che sarà poi portato sullo schrmo dal regista Peter Jackson.
In questo libro si analizza l’autrice, la sua incredibile vita e i suoi crime novel, in particolare riguardo alle tematiche di carattere etico che ricorrono in tutte le sue numerose opere.

Dina Lentini è nata a Siracusa, vive e lavora a Cagliari. Docente di storia e filosofia nei Licei, dopo il pensionamento si è dedicata alla scrittura e alla critica letteraria specializzandosi nel campo della narrativa gialla contemporanea. Insieme al marito ha fondato nel 2011 il sito La Natura delle Cose in cui pubblica molti dei suoi lavori.
Ha pubblicato tre romanzi: Dietro l’hotel, 2013, Il signor T, 2013, Il signor T e la fonte Aretusa, 2015. Tutti disponibili negli store online. I romanzi sono reperibili anche in formato digitale.
Sul sito La Natura delle Cose l’autrice edita anche una propria pagina personale.
Con Delos Digital ha pubblicato il saggio Il romanzo poliziesco contemporaneo tra tensione morale e impegno sociale


L.

– Ultimi post simili: