Tag

, , , , ,

Undicesimo numero per la neonata collana “Segretissimo EXTRA” (Mondadori), che questo giugno presenta Agente Nemesis: La resa dei conti.

La scheda di Uruk:

11. Agente Nemesis: La resa dei conti (Le Démon Rouge, 2019) di Jo Lancaster Reno (Gianfranco Nerozzi) [giugno 2018] Traduzione di Gianfranco Nerozzi

La trama:

Tre killer imbottiti di esplosivo inviati nel covo segreto di Rebecca Bannister, nome in codice agente Nemesis. Una presa di ostaggi che minaccia negli affetti più cari il suo uomo, il capitano Travis. Episodi collegati messi in scena dal fantomatico Phoenix, cavaliere dell’Apocalisse risorto da un cumulo di ceneri. Qualcuno ha deciso che Nemesis ha iniziato un percorso di sofferenza e dovrà completarlo, una lacrima dopo l’altra. Ma sottovalutarla è l’errore fatale che ogni suo nemico non dovrebbe mai commettere. Sullo sfondo della lotta senza fine contro l’Hydra dalle tante teste, un’organizzazione criminale dal potere quasi illimitato, Beka, l’assassina in nero, è capace di portare a termine l’impensabile. Letale come una furia, mossa da un implacabile istinto di vendetta. Con al fianco, per lo showdown finale, una squadra d’assalto composta da elementi molto speciali. Davvero molto speciali. Pronti a scatenare l’inferno insieme a lei. Alla faccia della morte che se ne sta in attesa da qualche parte, nascosta nell’oscurità.

L’incipit:

Sembra un pesce.
Il feto, imbrattato di liquido ematico, che apre e chiude la bocca per cercare di respirare. Una creatura marina color del sangue.
Il ventre aperto. Il cordone ombelicale reciso dal chirurgo.
Il neonato che continua a boccheggiare. Gli occhi chiusi e rigonfi. Una scena così toccante da far male.

1
Rachel Bannister mette il fermo immagine. E rimane a guardarlo in primo piano, al centro dello schermo.
Il frutto del ventre suo…
Dopo il parto cesareo a cui l’hanno sottoposta, per tranquillizzarla le hanno concesso di visionare quel filmato.
Una lacrima scende sul suo volto deturpato. Una striscia lucida sulla pelle marchiata dalle cicatrici.
In basso a destra, in sovrimpressione, la scritta X-FETUS.
Con uno scatto della testa, si distoglie da quella visione e si rivolge all’uomo impalato di fianco a lei: alto e allampanato, spalle larghe, naso adunco simile al becco di un’aquila. Capitano John Prescott, il Mossiere degli esseri perduti.
— Adesso dove si trova? — chiede lei. Un lieve tremore nel tono della voce. Sulla sua fronte: una garza adesiva con una macchia di sangue al centro. La cicatrice arrossata di una ferita guarita di recente su un lato della tempia sinistra.
Prescott non le risponde subito, prima deglutisce. — Non è un tuo problema dove si trova quella creatura.
Negli occhi celesti di Rachel passa un fugace lampo di malinconia. — È cresciuta dentro di me, ho diritto di sapere…
— Sei stata solo un guscio. — Il capitano spegne lo schermo. — Tu non hai diritti. Non ne hai mai avuti — aggiunge, con tono monocorde. Poi le si pone di fronte. — È guarita bene la lussazione? — chiede. — Sei in grado di sparare con precisione?
Lei annuisce. — Il polso è tornato come nuovo — assicura.
— Mi auguro che la tua abilità nel tiro non sia stata compromessa. — Il Mossiere posa sul letto la valigetta nera che si è portato dietro.
— Cosa sarebbe? — chiede Rachel.
Prescott allunga una mano per accarezzarle il volto reso mostruoso dalle ustioni, poi cambia idea e stringe il pugno, ritirando la mano in fretta come per paura di contagiarsi.
— Qui ci sono i gadget per la tua nuova missione, agente Gomorrah — spiega, con una certa enfasi. — Ti contatterà al più presto colui che ti affiancherà durante lo svolgimento dell’azione. — Girando le spalle, si avvia verso la porta della cella. Prima di uscire, si volge un attimo. — Bentornata fra noi, Rachel — dice.

L’autore:

Jo Lancaster Reno è lo pseudonimo di Gianfranco Nerozzi ma la Mondadori fa finta che non lo sappiamo, dopo un outing fatto anni fa. Ecco la “bio ufficiale”:

La sua figura è avvolta nel mistero e di lui non si sa quasi niente. Pare che si divida fra Parigi e Roma e che sia collezionista di auto sportive e di armi. Esperto di arti marziali, c’è chi sostiene che abbia alle spalle un passato particolarmente avventuroso. La stampa ha definito le sue storie cruente, sensuali, adrenaliniche, con trame complesse e atmosfere glamour che fanno da contrappunto a un’esoticità tipica delle spy story di classe. Per la serie Hydra Crisis, con Marc Ange protagonista, ha pubblicato in “Segretissimo”: L’occhio della tenebra (n. 1480), La coda dello scorpione (n. 1495), Lo spettro corre nell’acqua (n. 1523), Nel cuore del diavolo (n. 1599). Con Agente Nemesis: Furia letale (n. 1612) ha introdotto una nouvelle héroïne, Rebecca Bannister, affascinante e fatale. Per saperne di più, consultate i siti: http://hydranemesis.blogspot.it e http://gianfranconerozzihydra.blogspot.it.

L.

– Ultimi post simili: