Tag

Torna l’appuntamento settimanale con le uscite Delos Digital, la casa specializzata in tutti i colori della narrativa.


All’ombra di Sherlock Holmes 17. Il mistero di Old Manor, di Giacomo Mezzabarba
Sherlockiana n. 256 (18 giugno 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Giallo – racconto lungo (52 pagine)

Un vecchio commilitone di Watson lo prega di andarlo a trovare con Holmes perché ritiene che un grave pericolo minacci lui e la sua famiglia. I due amici arriveranno troppo tardi, ma l’interpretazione di una frase sibillina del vecchio soldato sarà la chiave per ristabilire la giustizia.

Giacomo Mezzabarba: di un tale che va sotto questo nome (che potrebbe anche essere uno pseudonimo), autore di vari scritti, si sa poco o niente. Le notizie su di lui sono confuse e contraddittorie, a cominciare dal suo luogo di nascita e addirittura riguardo l’epoca della sua venuta al mondo. C’è chi crede che sotto tal nome si celi un prete lombardo, notorio falsario, che assieme a fra Giovanni Pantaleo di Castelvetrano fu al seguito di Garibaldi nell’impresa dei Mille, pur senza essere mai ascritto nei ruoli di quella gloriosa milizia e che a partire dalla fine dell’Ottocento scrisse falsi racconti di Sherlock Holmes, come molti facevano in tutta Europa. Altri invece menzionano un omonimo avvistato negli anni Settanta del secolo scorso in una scuola della Valtellina, e altri ancora credono di riconoscere in lui un insegnante in uno sperduto paesino del Cilento, all’incirca negli stessi anni.


L’invidia del mostro, di Fabio Ancarani
L’ottavo peccato n. 4 (18 giugno 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Thriller – racconto lungo (49 pagine)

Ilario Belviso è un mostro. Lo sa e lo vede negli occhi della donna che si rivolge a lui per scoprire chi ha bruciato il volto del figlio con l’acido. Chi ha reso il giovane Antonio un mostro come lui? Chi ha distrutto la vita del modello? Ilario dovrà muoversi nel mondo della moda per scoprirlo, invidiando la bellezza di quei visi perfetti. Ma l’invidia può corrompere tutto, compresa la bellezza seducente di Nadia che l’ha convinto a giocare una partita a scacchi dove la posta in gioco è più della solita scommessa perversa. Perché questa volta la sfida con Nadia s’intreccia all’indagine e Ilario rischia di perderle entrambe.

Fabio Ancarani è nato a Novi Ligure nel 1968. Laureato in Ingegneria Elettronica e con un dottorato di ricerca in Ingegneria Elettronica, ha sempre lavorato in aziende ad alto contento tecnologico, tra cui l’Istituto Italiano di Tecnologia. Ha iniziato a scrivere narrativa pubblicando racconti di ambito tecnologico sulla rivista MacWorld, e in seguito su diverse riviste e antologie, tra cui la Writers Magazine Italia e la serie 365 di Delos Books, vincendo il premio Writers Magazine Italia. Il racconto giallo storico Il gioco delle streghe è stato selezionato nell’antologia Anno Domini uscita per la Mondadori. Il giallo storico Il tesoro dei Fieschi è stato finalista al Premio Tedeschi 2015. Nel 2015 è uscito il racconto lungo Il volo della lumaca per Delos Digital e il romanzo giallo La certezza del dubbio è stato finalista al Premio Tedeschi 2017.


Fulgide stelle immemori, di Davide Camparsi
Robotica n. 66 (18 giugno 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Fantascienza – racconto lungo (33 pagine)

C’è un modo nuovo per esplorare le stelle che richiede agli esseri umani una delle cose più preziose al mondo: la memoria.
I sessantasei anni di viaggio richiesti ai quattrocento membri dell’equipaggio imbarcati a bordo delle navi Pitea non mettono a repentaglio l’esistenza degli astronauti, né li faranno giungere vecchi al traguardo rappresentato da Nuova Thule.
Anzi, è esattamente il contrario.
Gli uomini credevano di potere aggirare i principi della Relatività, ma se si usano i portali calcolati dai Numeri Fini per imboccare una scorciatoia spaziale e prendersi gioco della velocità della luce, la luce quel tempo sottrattole lo rivuole indietro.
Gli astronauti devono imbarcarsi da vecchi per arrivare giovani al traguardo.
Il vero viaggio è l’attesa della vecchiaia. Ciò che per qualsiasi altro essere umano è l’approssimarsi della morte, per i membri delle navi Pitea rappresenta l’inizio di una nuova giovinezza.
Il prezzo più grande da pagare è la memoria: dimenticarsi dell’esistenza vissuta, dell’esperienze fatte, degli amori che si sgretoleranno nello spazio e nel tempo.

Davide Camparsi vive a Verona, dove lavora come architetto. Esordisce nel racconto nel 2013 col racconto Perché nulla vada perduto che vince la XIX edizione del Trofeo RILL. Successivamente partecipa con successo a vari concorsi e selezioni per narrativa breve, vincendo anche nuovamente il RiLL nel 2015 con Non di solo pane, tradotto in spagnolo per la pubblicazione su Visiones 2016.
Complessivamente, dal 2013 pubblica una trentina fra racconti e novelle in ebook e antologie di genere da Dunwich Edizioni, Edizioni Il Foglio, Nero Press, Hypnos Edizioni, Edizioni Della Vigna, Tabula Fati, dBooks, Edizioni Pendragon, I Doni delle Muse, Esescifi, EF Libri, Letteratura Horror.


Giorni di polvere, di Valentino Eugeni e Pietro Rotelli
Heroic Fantasy Italia n. 4 (18 giugno 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Fantasy – racconti (116 pagine)

Massacratore di eserciti, maestro di fuoco e tempeste, dalle foreste più cupe agli antri più profondi, sfiderà mostruosi incubi e divinità folli, in cerca di un motivo per continuare a vivere.

Valentino Eugeni, classe 1975, è nato in un piccolo e ridente paese adagiato sul collinare entroterra marchigiano. È autodidatta in tutto, curioso in maniera parossistica, eclettico, eccessivo e innamorato della lettura e gattaro impenitente, come, del resto, Edgar Allan Poe, Howard Philips Lovecraft e Terry Pratchett. Eugeni è giocatore di ruolo da quando esisteva solo D&D prima edizione e si é nutrito di tutto l’immaginario che usciva dalla penna di Weis e Hickman da La sfida dei gemelli a tutte le saghe di Dragonlance e compagnia. Tra i suoi amori letterari Isaac Asimov, Lovecraft, Frank Herbert, Robert Ervin Howard. Ama lo stile crudo e immaginifico di Clive Barker, ma anche Gaiman al quale si ispira molto come stile e idee.


Il destino di Nemhea, di Andrea Valeri
Fantasy n. 30 (18 giugno 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Fantasy – romanzo (392 pagine)

La Grande Caligine.
Così la chiamano i sapienti.
Un’epoca oscura in cui, più di tremila anni fa, il mondo come noi lo conosciamo, ebbe termine.
Qualcuno narra di ciclopici cataclismi, altri di guerre devastanti, in realtà nessuno sa bene cosa accadde.
La barbarie e il caos ebbero il sopravvento.
E l’Impero di Nemhea sorse dalla violenza e dalla confusione, sopravvivendo giorno dopo giorno per garantire un futuro all’umanità.
Sette città unite a difendersi contro le minacce che provengono dal Deserto Proibito, dove un popolo misterioso prepara la propria vendetta, utilizzando i resti di una tecnologia ormai dimenticata.
Sette città che sopravvivono in un equilibrio precario che si regge su una ragnatela di inganni, compromessi e intrighi politici.
In un mondo dove il disordine minaccia ogni giorno di travolgere l’equilibrio costruito sul sangue e sulla sofferenza, l’unica speranza di un destino prosperoso è riposta nella gilda dei reliquianti, volenterosi esploratori che tentano di ricostruire il passato dell’Impero per dare un volto nuovo al mondo intero.

Laureato in lettere, Andrea Valeri si occupa di musica, scrittura di racconti, romanzi, poesie, sceneggiature per cortometraggi. Ha collaborato con diverse webzine scrivendo recensioni e interviste nell’ambito della musica dark, rock, metal e cinema (Zeromagazine.it, Negatron.it, N-core). Ha condotto un programma radiofonico, Chaos Party, che trasmetteva musica dark, rock e metal interessandosi di realtà locali e gruppi esordienti. È entrato a far parte dell’antologia I Mondi del Fantasy per la Limana Umanita Edizioni. Ha partecipato al progetto “Serial Writers” sponsorizzato da Mediaset per la creazione di una fiction da proporre su La5. È stato segnalato al premio Algernon Blackwood 2014, finalista al premio Giallolatino 2015 e al premio Segretissimo Mondadori 2017. I suoi thriller erotici sono usciti per i tipi della Delos Digital, nella collana Dream Force. Si è cimentato anche con il western, pubblicando una saga in cinque episodi, Gold Creek, e con il mondo dei pirati ne I Pirati della Black Keel. Recentemente è uscito il suo romanzo Il Sole di Ferro sempre per Delos Digital.


Extinction IV (Il nuovo giorno), di Gianluca D’Aquino
The Tube Exposed n. 36 (18 giugno 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Horror – romanzo breve (97 pagine)

Russia, confine occidentale. Ancora Buran, sempre più intenso, sempre più rigido. Il campo di contenimento non è il porto sicuro che Ksenija e i suoi potessero sperare. Un nuovo tiranno si è imposto nella Russia decapitata, uomini senza scrupoli, oscuri progetti. Distorsione della politica: continuazione dell’infamia con altri mezzi. Ksenija, Oksana e Serhij torneranno a percorrere le strade dell’inferno con un obiettivo incerto, per non far spegnere l’esile fiammella di una nuova speranza che, nel nuovo giorno dell’umanità, chiede di essere protetta e perseguita a costo della vita, senza alcuna certezza. I nemici si sono moltiplicati e non è più solo il morbo a spingere il genere umano verso il baratro. La scienza non può essere l’unica soluzione. Non in un mondo in cui c’è ancora chi è disposto a sacrificare tutto per l’interesse personale. Basterà il coraggio dei singoli a impedire l’oblio? Il quarti capitolo della saga di Extinction, costruita all’interno dello scenario catastrofico di The Tube.

Gianluca D’Aquino, nato ad Alessandria, classe 1978, è autore di romanzi, sceneggiature e racconti, alcuni dei quali apparsi nei Gialli Mondadori (Lettera dall’Eritrea, Il rumore del vento, La casa sul lago, La quintessenza, Il tempo delle risposte, Al di là del tempo) e nelle antologie e collane Delos Books (Quel che non è dato sapere, Torino 1835 e la saga di Extinction: L’alba, Il crepuscolo, La notte e Il nuovo giorno). Vincitore di numerosi premi letterari, è in libreria con Pàrtagas (Eden, 2016), romanzo epico sull’islamizzazione del mondo. Il suo ultimo romanzo, Traiano – il sogno immortale di Roma (Epika, 2018), ripercorre la vita e le imprese, politiche e militari, dell’imperatore che portò l’impero romano alla sua massima estensione, contribuendo alla rinascita economica, sociale e culturale dell’Urbe e delle province, tanto da farne il princeps fra i più amati dal popolo e consentire alla sua immagine, a diciannove secoli dalla sua morte, di continuare a risplendere.


Costruttivismo e teorie dell’apprendimento, di Antonino Fazio
I Coriandoli n. 39 (18 giugno 2019)
Delos Digital ~ Amazon ~ Libreria Etrusca

Saggi – saggio (81 pagine)

Per condensare quanto più possibile gli aspetti speculativi della materia trattata, l’autore ha deciso di limitarsi all’apporto della psicologia, con particolare riferimento alle tesi del Costruttivismo, che sono ampiamente utilizzate in epoca contemporanea. Proprio seguendo i suggerimenti di questa corrente teorica, i vari argomenti sono stati esposti cercando di mettere in luce i nodi concettuali e le loro interrelazioni, sciogliendo anche qualche problema terminologico che potrebbe fuorviare la comprensione.

Antonino Fazio, laureato in filosofia e in psicologia, ha lavorato a lungo come direttore didattico. È autore di saggistica e narrativa di vario genere. In particolare, ha pubblicato un saggio sulla relazione amorosa (Di cosa parliamo quando parliamo d’amore?, Tempesta 2017) e un volume che esplora le connessioni tra comunicazione, psicoterapia e apprendimento (Ipnosi e cambiamento personale, con Mario Bonelli, Delos Digital 2018).


L.

– Ultimi post simili: