Tag

, , , , , , ,

La collana “Segretissimo” n. 1647 presenta questo luglio una nuova avventura del Professionista.

La scheda di Uruk:

1647. Il Professionista: Matrioska (2019) di Stephen Gunn (Stefano Di Marino) [luglio 2019]

La trama:

Ruslan Nicovic: criminale di guerra. Arrestato dal Professionista anni prima, deceduto in circostanze misteriose nel 2019, la sua mortale eredità riemerge come un incubo. Tutti la vogliono. Gli irriducibili del Califfato per scatenare una nuova ondata di terrore, la Regina Nera, dominatrice del crimine balcanico, la DSE e perfino il progetto Loki. Chance deve radunare la vecchia squadra, infiltrarsi a Bengasi, poi a Sofia e infine tra le montagne del Kosovo per portare a termine una missione che richiede grande conoscenza dell’intelligence e delle sue strategie, ma anche una vigorosa capacità di operare in zona di conflitto. Per fortuna Chance può contare su Elisha Young, affascinante avventuriera che per fornirgli informazioni rischia la pelle. Una pelle che, per diverse ragioni, il Professionista vuole mantenere intatta.

L’incipit:

Virnja Vrana, al confine tra Kosovo e Macedonia, 2001
Arrivarono di notte. Un branco di predatori. Erano quasi duecento. Uomini e donne in tuta mimetica, il viso coperto da passamontagna rossi e neri con una cucitura al centro che li trasformava in maschere demoniache. Uniformi tattiche color indaco a strisce di tigre, baschi rossi ed elmetti in kevlar. Armamento moderno ed efficiente, per la maggior parte proveniente dagli arsenali dell’ex Unione Sovietica. Mezzi cingolati, camion, mitragliatrici pesanti, lanciarazzi.
Erano un esercito in fuga ma non in rotta. In cima ai veicoli svettavano vessilli distinguibili alla luce della luna e delle stelle, e che ancora incutevano timore. Bandiere rosse e nere con una testa d’orso ricamata in argento sopra una coppia di Kalashnikov incrociati.
L’esercito del generale Ruslan Nicovic, l’uomo nato in un quartiere degradato di Belgrado, emigrato negli Stati Uniti dove aveva svolto per dieci anni l’attività di sicario per le bande serbe di Brooklyn, tornato nella ex Jugoslavia nel 1991, in tempo per partecipare alla guerra civile che aveva messo gli uni contro gli altri serbi, croati, bosniaci e cento altri gruppi etnici che, dopo la morte del maresciallo Tito, erano diventati incontrollabili.
Nicovic era stato prima killer, poi luogotenente del comandante Arkan, la Tigre dei Balcani. Verso la fine del secondo millennio, aveva già un suo esercito che aveva messo al servizio del presidente Milosevic. Poi erano venute la guerra contro l’UCK albanese, le operazioni NATO in Kosovo, la fine di Milosevic.
Controllando un impero criminale che si occupava di traffico di migranti, droga e prostituzione dal Montenegro a Belgrado sino a Vienna, con diramazioni in Puglia e in alcune città del Mediterraneo, Nicovic era diventato un personaggio scomodo. Il sovrano di un “narco-Stato”, secondo la definizione del tribunale dell’Aia. Sconfitto da una coalizione di truppe ONU, era in fuga.
All’Aia lo aspettavano magistrati pronti a giudicarlo per crimini di guerra. La sua strada era disseminata di fosse comuni e la Corte penale internazionale aveva raccolto un numero impressionante di testimonianze sui feroci atti di pulizia etnica perpetrati dalle sue milizie.

L’autore:

Stephen Gunn è lo pseudonimo di Stefano Di Marino, uno dei più prolifici scrittori di spionaggio e avventura italiani degli ultimi decenni. Nato nel 1961, ha viaggiato in Oriente e ancora vi trascorre parte del suo tempo. Oltre alla scrittura si interessa di arti marziali, pugilato, fotografia e cinema, soprattutto quello orientale al quale ha dedicato numerosi saggi. Ha esordito con il suo vero nome pubblicando Per il sangue versato, Sopravvivere alla notte, Lacrime di Drago (Mondadori). Ha usato per la prima volta lo pseudonimo Stephen Gunn per firmare i romanzi Pista cieca e L’ombra del corvo (Sperling). Poi, venti anni fa, è nata la serie dedicata a Chance Renard, il Professionista. Scrive per siti e riviste di settore. Su Wikipedia, Stefano Di Marino e il Professionista hanno due voci distinte con bibliografia aggiornata e commentata del personaggio. Per saperne di più sull’autore, sul Professionista e sul suo mondo, cercatelo su Facebook, la fan page di Chance Renard-Il Professionista ed ecco il blog.

L.

– Ultimi post simili: