Tag

, , , ,

Con l’estate arriva la collana stagionale Il Giallo Mondadori EXTRA, che questo agosto con il numero 31 presenta una raccolta di tre romanzi.

La scheda di Uruk:

31. Lo sguardo del diavolo [agosto 2019]
Quasi sempre a ottobre, di Manuela Costantini
Big Ed, di Luca Di Gialleonardo
Il sorriso del diavolo, di Andrea Franco

La trama:

Sola nel suo regno, Milena ricorda con una chiarezza insopportabile. Lucida e dolorosissima. Nella testa ha un vortice di mille pensieri. Se chiude gli occhi forse scomparirà tutto. Uno stratagemma che usava da bambina. Non funzionava allora e non funzionerà neppure adesso. Però ci prova ancora. “Scompare tutto, scompare tutto” ripete come un mantra. Ma no, non si può cancellare quello che è successo… Per Ed invece è diverso. Lui non vuole cancellare proprio niente. Le vittime che ha brutalizzato gli sfilano nella memoria come in un’eccitante galleria degli orrori. Rammenta ogni urlo di terrore, ogni patetico tentativo di fuga, ogni sensazione provata affondando la lama nei loro corpi. E farsi beffe dei medici che si sono illusi di curarlo dà più sapore al piacere sublime di uccidere… Infine c’è Jeff, che non avrebbe voluto fare soffrire altre persone. Non li conta più da tempo i “mi dispiace” che ha mormorato a mezza voce. Ma ogni volta in cui crede di poter ritrovare se stesso, ecco che torna quel dolore sordo, e quella paura che non va via, che rimane lì, appiccicata addosso. Fino all’oscurità successiva. Però gli dispiace. Veramente.

L’incipit del primo romanzo

Ci sono persone che dobbiamo incontrare. Per capire. O almeno per tentare di farlo. Non ho mai incontrato Milena Quaglini, ma quando mi è stata data la possibilità di raccontare la storia di un serial killer, sapevo che dovevo raccontare di lei. Una donna fragile e fortissima, intelligente e folle, rassegnata e piena di rabbia.
Sono entrata nella sua vita in punta di piedi, all’inizio con timore e diffidenza, con una sorta di filtro per proteggermi dall’orrore che Milena aveva provato sulla pelle e nel cuore. Ma non era così che volevo raccontarla. E allora via i filtri, via le protezioni, via le paure e le diffidenze, ed è stato devastante e difficile, ma anche molto emozionante.
Emozionante, perché quella di Milena è una storia vera, reale, colma di botte, violenze e soprusi, di tentativi di riscatto e ribellione e di rassegnazione perché lei ci ha provato con tutte le sue forze, fino alla fine, fino a quando si è resa conto di non farcela più.
Difficile, perché non saprò mai cosa pensava davvero Milena, come si sentiva quando la picchiavano, quando si approfittavano di lei, quando la trattavano come un oggetto. Né cosa la rendeva felice, cosa provava quando dipingeva i suoi paesaggi, o quando si è innamorata sul serio, e credeva di riuscire a volare. Né quando le hanno distrutto anche l’intenzione del volo e allora l’unica salvezza sono diventati l’alcol o le medicine che la stordivano, perché solo quando beveva e si stordiva trovava un po’ di pace.

Gli autori:

Manuela Costantini è nata a Giulianova, sul mare d’Abruzzo, dove vive con la figlia Rebecca. Ha pubblicato racconti su quotidiani e siti letterari. Nel 2014 ha vinto il premio Tedeschi con il romanzo Le immagini rubate con protagonista l’avvocato Filippo Dolci, su cui si incentra anche il successivo Le scelte imperfette (Il Giallo Mondadori n. 3179).

Luca Di Gialleonardo nasce nel 1977 e vive a Roma. Nel 2013 è finalista al premio Urania, mentre nel 2014 arriva finalista al premio Tedeschi. Sulla rivista “Writers Magazine Italia” cura una lubrica su tecnologia e scrittura e per Delos Digital ha pubblicato i manuali Tutti i segreti di Word per chi scrive e Tutti i segreti di Scrivener per chi scrìve.

Andrea Franco nasce a Ostia Lido nel 1977. Ha pubblicato un buon numero di racconti sul Giallo Mondadori. Nel 2013 vince il premio Tedeschi con il romanzo L’odore del peccato incentrato sulle indagini di monsignor Verzi, protagonista anche del successivo L’odore dell’inganno (Il Giallo Mondadori n. 3139). Con lo pseudonimo Rey Molina pubblica per Segretissimo la serie di El Asesino.

L.

– Ultimi post simili: