Tag

, , , , , , , ,

Quarta parte di una spettacolare antologia.

La scheda di Uruk:

200. Terra e spazio. Volume 4 (The Collected Stories, 2000) di Sir Arthur C. Clarke [settembre 2019]
Problemi di tempo (Trouble With Time, 1960) – Traduzione di Beata della Frattina
Seguendo la cometa (Into the Comet, da “The Magazine of Fantasy and Science Fiction”, ottobre 1960) – Traduzione di Beata della Frattina
Estate su Icaro (Summertime on Icarus, 1960) – Traduzione di Beata della Frattina
Gli anelli di Saturno (Saturn Rising, da “The Magazine of Fantasy and Science Fiction”, marzo 1961) – Traduzione di Beata della Frattina
La morte e il senatore (Death and the Senator, da “Analog”, maggio 1961) – Traduzione di Guido Zurlino
Prima dell’eden (Before Eden, da “Amazing Stories”, giugno 1961) – Traduzione di Guido Zurlino
Alla fine dell’orbita (Hate, 1961) – Traduzione di Beata della Frattina
Ama quell’universo (Love That Universe, 1961) – Traduzione di Abramo Luraschi
Il cane lunare (Dog Star, 1962) – Traduzione di Ugo Malaguti
Maelstrom II (Maelstrom II, da “Playboy”, aprile 1965) – Traduzione di Abramo Luraschi
La scimmia di casa (An Ape About the House, da “The Dude”, maggio 1962) – Traduzione di Ugo Malaguti
La creatura degli abissi (The Shining Ones, da “Playboy”, agosto 1964) – Traduzione di Abramo Luraschi
Il segreto (The Secret, 1963) – Traduzione di Abramo Luraschi
Chiamata per l’Homo sapiens (Dial F for Frankenstein, da “Playboy”, gennaio 1965) – Traduzione di Abramo Luraschi
Vento solare (The Wind from the Sun, 1964) – Traduzione di Abramo Luraschi
Il cibo degli dei (The Food of the Gods, da “Playboy”, maggio 1964) – Traduzione di Abramo Luraschi
L’ultimo ordine (The Last Command, da “Bizarre Mystery Magazine”, novembre 1965) – Traduzione di Abramo Luraschi
La luce delle tenebre (The Light of Darkness, da “Playboy”, giugno 1966) – Traduzione di Abramo Luraschi
Il più lungo racconto di fantascienza mai scritto (The Longest Science-Fiction Story Ever Told, 1966) – Traduzione di Abramo Luraschi
Playback (Playback, da “Playboy”, dicembre 1966) – Traduzione di Abramo Luraschi
Cielo crudele (The Cruel Sky, da “Boys’ Life”, luglio-agosto 1967) – Traduzione di Abramo Luraschi
Herbert George Morley Roberts Wells [editoriale] (Herbert George Morley Roberts Wells, Esq., da “If”, dicembre 1967) – Traduzione di Abramo Luraschi
Crociata (Crusade, 1968) – Traduzione di Abramo Luraschi
Marea neutronica (Neutron Tide, da “Galaxy Science Fiction”, maggio 1970) – Traduzione di Abramo Luraschi
Riunione (Reunion, 1971) – Traduzione di Fabio Feminò
Transito della Terra (Transit of Earth, da “Playboy”, gennaio 1971) – Traduzione di Abramo Luraschi
Incontro con Medusa (A Meeting with Medusa, da “Playboy”, dicembre 1971) – Traduzione di Riccardo Valla
Postcard Story (Quarantine, da “Isaac Asimov’s Science Fiction Magazine”, primavera 1977) – Traduzione di Enzo Verrengia
siseneG (siseneG, da “Analog”, maggio 1984) – Traduzione di Enzo Verrengia
Il Word Processor a vapore (The Steam-Powered Word Processor, da “Analog”, settembre 1986) – Traduzione di Enzo Verrengia
Sui mari dorati (On Golden Seas, da “The Newsletter of the Pentagon’s Defense Science Board”, agosto 1986) – Traduzione di Pietro Ferrari
Il martello di Dio (The Hammer of God, da “Time”, 28 settembre 1992) – Traduzione di Enzo Verrengia
Il continuum del filo (The Wire Continuum, 1997), scritto con Stephen Baxter – Traduzione di Enzo Verrengia
Migliorare l’ambiente (Improving the Neighbourhood, da “Nature”, 4 novembre 1999) – Traduzione di Enzo Verrengia

La trama:

“Qualunque tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia.” E certo Clarke ce ne ha dato prova in tutta la sua opera, di cui presentiamo qui una vastissima carrellata con i suoi racconti brevi. 104, per la precisione, che coprono quasi completamente la vita di uno dei più prolifici, e sicuramente tra i più celebri, autori di sf. In questo ultimo volume vi presentiamo 34 racconti, di cui 5 ancora inediti in Italia, da “Gli anelli di Saturano” a “Incontro con Medusa”, per concludere The Collected Stories, la monumentale antologia di Arthur C. Clarke. Da non perdere!

L’incipit dell’Introduzione di Franco Forte:

The Collected Stories (questo il titolo originale) è un volume che ha fatto storia in terra anglosassone, e che abbiamo deciso di proporre in “Urania” suddiviso in quattro fascicoli, da giugno a settembre. Si compone di quasi mille pagine che nella traduzione italiana superano le 1500 cartelle dattiloscritte, e raccoglie la maggior parte della produzione breve di questo maestro della science fiction (restano fuori, per problemi di diritti insolubili, solo sedici racconti). Parliamo di 104 opere brevi che ci mostrano l’evoluzione di Clarke, capace di porre autentiche pietre miliari lungo la strada maestra della narrativa di fantascienza, che abbraccia un arco temporale vastissimo, dal 1937, con il racconto “Travel by Wire!” (“Viaggiate via cavo”) pubblicato in prima edizione nel numero di dicembre della rivista «Amateur Science Fiction Stories», fino al 1999, con il brevissimo racconto intitolato “Improving the Neighbourhood” (fino a oggi ancora inedito in Italia, e che troverete nel quarto volume), che è stato il primo racconto di fantascienza a uscire sulla prestigiosa rivista «Nature». Questa raccolta offre ai lettori italiani diciannove opere mai tradotte nel nostro Paese, che finalmente potranno essere gustate dagli appassionati (ne trovate otto nel primo volume, quattro secondo, due nel terzo e cinque in quest’ultimo).

L’autore:

Arthur C. Clarke Nato in Inghilterra nel 1917 e scomparso nel 2008, il suo racconto più celebre è La sentinella (1953), da cui Stanley Kubrick ha tratto il film 2001: Odissea nello spazio. Tra i molti suoi romanzi ricordiamo: Le guide del tramonto (Childhood’s End, 1953, “Urania Collezione” n. 162), Incontro con Rama (Rendez-vous with Rama, 1973, n. 112), Il segreto di Rama (Rama Revealed, 1993, “Urania Jumbo” n. 43) e Le fontane del Paradiso (The Fountains of Paradise, 1979, “Urania Collezione” n. 123).

L.

– Ultimi post simili: