Tag

, ,

Riparte il Natale di Uruk, con schede di romanzi a sfondo natalizio.

La scheda di Uruk:

Iniziò tutto a Natale (It started with Christmas, 2018) di Jenny Hale [novembre 2019] Traduzione di Alice Della Seta

La trama:

Holly McAdams adora trascorrere le vacanze di Natale nel piccolo chalet della sua famiglia tra le colline innevate, con la sua deliziosa porticina rossa e le luci colorate. E quest’anno è pronta per lei una sorpresa molto speciale… Dopo aver affrontato una tempesta di neve per raggiungere il rifugio, Holly e sua nonna trovano ad aspettarle un affascinante sconosciuto. Joseph Barnes aveva affittato la casa la settimana precedente, ma è rimasto intrappolato lassù a causa del maltempo. Determinata a fare del suo meglio per rendere le vacanze speciali per tutti, Holly comincia a decorare le stanze e a preparare deliziosi dolcetti. E così comincia ad affezionarsi al bellissimo sconosciuto, con il quale sente di avere sempre più cose in comune nonostante la diffidenza della sua adorata nonnina. Ma l’arrivo di Rhett Burton in paese, la stella della musica country che un tempo era il miglior amico di Holly o forse qualcosa di più, rischia di rendere la situazione molto complicata… Per fortuna è quasi Natale!

L’incipit:

«Voglio passare il Natale allo chalet». La voce della nonna arrivò dalla scala buia e colse di sorpresa Holly McAdams, facendola trasalire sulla porta d’ingresso, il calore della casetta in netto contrasto con il freddo glaciale fuori.
«Come hai detto, nonna?», chiese Holly dolcemente mentre osservava l’anziana in cima alle scale e si rendeva conto in pieno del peso di quella decisione.
Holly lasciò cadere la borsa pesante accanto al muro con un tonfo, felice di aver concluso la sua ultima serata come cameriera prima delle vacanze. Con l’avvicinarsi del Natale, il ristorante in cui lavorava era pieno dalla mattina alla sera. Era una delle cameriere migliori e aveva chiesto le ferie per passare le vacanze con la nonna, ed era felicissima che gliele avessero concesse. Aveva dovuto fare opera di convincimento sul suo capo, visto che erano in alta stagione, ma lui sapeva quanto Holly lavorasse duro, rimanendo fino a tarda notte, ben oltre il suo orario, quindi gliele aveva date. Le pulsava la testa, i piedi le facevano male e voleva solo rifugiarsi nel suo letto caldo, ma la nonna si stava finalmente aprendo e Holly sperava da tempo che lo facesse.
«Stavo pensando al fatto che le cose non sono più le stesse», disse l’anziana scendendo le scale e superando la nipote, mentre la richiesta che aveva appena fatto aleggiava tra di loro.
«Questo di sicuro», rispose Holly. La sua voce sfumò tra i ricordi. Tutto era cambiato da quando il nonno era morto.
Si girò per studiare il salotto, accese una lampada sul tavolino nel corridoio seguendo la nonna, e poi altre due ai lati del divano, dove l’anziana si sedette sul cuscino centrale e si avvolse nella coperta che tenevano per le serate più fredde. La stanza era immersa in un dolce bagliore. Holly premette il pulsante sotto l’albero di Natale per illuminarlo e quello subito risplendette dal suo angolino, le luci bianche brillavano attraverso i decori che avevano appeso insieme, in uno dei rari momenti di serenità della nonna. Fiocchi di un rosso acceso si snodavano lungo la ghirlanda sulla mensola del camino, mettendo in risalto due calze di lana grossa fatte a maglia, ognuna con le iniziali ricamate in bianco neve.
Holly fissò la nonna, percependo quanto fosse difficile quella decisione.
«Non riuscivo a dormire», spiegò l’altra.
La nipote si girò verso di lei.
«Avevo questa idea che continuava a ronzarmi in testa, insistente, e non riuscivo a scacciarla via come faccio di solito. Per cui credo di essere pronta».

L’autrice:

Jenny Hale ha lavorato in Giappone come scout letteraria e si è innamorata di Tokyo e della cultura nipponica al punto da adottare il metodo Kaizen per superare lo stress e migliorare le proprie abitudini. Attualmente vive a Londra dove continua a occuparsi di libri.

L.

– Ultimi post simili: