Tag

, , , ,

Caccia alla spia per il re dei detective.

La scheda di Uruk:

91. Sherlock Holmes. La nazione è in pericolo (Upon a Nation’s Honour, 2018) di John Sutton [marzo 2022] Traduzione di Angelo Petrella

La trama:

Al 221B di Baker Street è in corso una partita a scacchi che il buon dottor Watson si illude di poter vincere. Contro un avversario del calibro di Sherlock Holmes, tuttavia, fissarsi su uno schema d’attacco che appare risolutivo è un grave errore. Perché lui nel frattempo ha già escogitato le necessarie contromosse che gli assicureranno lo scacco matto. A non commettere questo stesso errore di valutazione dovrebbero stare attenti i nemici dell’Inghilterra che, sullo scacchiere europeo di un tetro 1906, ordiscono trame foriere di una guerra catastrofica. Per affrontarli e sconfiggerli l’intelligence militare britannica si rivolge infatti al grande investigatore, convocato d’urgenza a Whitehall in seguito al trafugamento di un dispositivo segreto dalla nave Dreadnaught, avanzatissima meraviglia della tecnologia bellica in attesa del varo nel cantiere di Portsmouth. Dal recupero del congegno, di incalcolabile valore strategico, può dipendere il destino della nazione. E Holmes dovrà dispiegare tutto il suo genio per battere un potente antagonista che, da Berlino, muove le pedine di una sfida mortale.

L’incipit:

La nebbia si posò come un grigio sudario sul cantiere navale, schermando l’illuminazione elettrica fino a renderla un insieme di pallidi bagliori nell’oscurità della sera.
La nave riposava all’interno del bacino, massiccia e silenziosa. La sua sovrastruttura brillava nell’abbraccio umido della nebbia, ergendosi a mo’ di piramide fra le torrette corazzate, da cui spuntavano gli enormi cannoni da dodici pollici che con le loro profonde bocche nere promettevano distruzione e vittoria contro chiunque avesse osato sfidarne il potere.
La nave era stata progettata come una micidiale macchina di morte e la sua adozione da parte della Marina britannica aveva in un solo colpo reso obsoleta qualsiasi altra nave da guerra del mondo.
Ritta sulla passerella d’acciaio che sovrastava lo scafo, la sentinella rabbrividì, avvertendo il freddo umido che infestava l’intera struttura. Si chiamava Sidney Shilton e si era arruolato nella Marina militare di Sua Maestà circa tre anni prima. Non era stata una decisione presa a cuor leggero. Sidney era nato in una famiglia di minatori e aveva sperimentato le terribili condizioni delle persone costrette a sopravvivere grazie a quel lavoro infame, rischioso e malpagato. Così, aveva scelto di rompere con le “tradizioni” familiari e di migliorare la propria vita, lontano da casa.

Extra:

All’interno, il racconto Sherlock Holmes: Il mistero di Eilean Mòr di G.P. Rossi.

L.

– Ultimi post simili: