cookie_lawOggi rubo spazio alla consueta programmazione del blog per via dell’evento dell’anno: il Cookie Day!

La guerra è alle porte, la violenza dilaga, la crisi e l’ingordigia dei politici corrotti sta distruggendo il tessuto sociale dei Paesi e l’Europa cosa fa? PENSA AI COOKIE!
Voglio sperare che sia tutta un’operazione sporca per far guadagnare pochi servizi web, perché pensare che non abbiano nulla da fare se non pensare a qualche genio che si è lamentato dei cookie… è davvero disarmante.

Probabilmente l’avrete letto su mille blog, ma le ultime notizie – come ci racconta il blog di Angelo Cerrone – è che per WordPress basta mettere una pagina di Privacy Policy (che ho scopiazzato in giro) ma soprattutto un link alla policy di Automattic, che gestisce i cookie di questi blog.
Perché, com’è ovvio per tutti, io non ho alcun potere sui cookie di questo blog: rivolgetevi a WordPress, se non vi piacciono.

Visto che sono un pezzente che usa il blog gratuitamente, WordPress non mi dà la possibilità di utilizzare il plugin apposito per i cookie. Grazie alle dritte di Ilperdilibri ho creato a mano sia il testo che vedete a destra, nella toolbar, che il bannerino che rimane qui sotto per tutto il blog. Per ora sembra che basti, ma rimaniamo sintonizzati sul garante della privacy, perché potrebbe tirar fuori altre direttive…

L.

Annunci