Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Shell_ScottShell Scott, investigatore privato di Los Angeles nato dalla penna di Richard S. Prather e protagonista di una quarantina di romanzi.

Ecco la presentazione del personaggio stilata dalla collana “I Gialli Proibiti” (Longanesi):

«Sono alto un metro e ottantasette, peso novantatrè chili e sono sempre abbronzato», ci dice una voce virile dal tono un po’ sfacciato. «Per quanto riguarda i miei capelli, sapete già tutti che colore hanno. Per il resto, occhi grigi sotto sopracciglia quasi bianche, una impercettibile cicatrice sopra il mio occhio destro, mi manca un pezzettino dell’orecchio sinistro asportatomi da una pallottola. E il naso? Era così bello prima che me lo rompessero!». Conoscete quest’uomo? Il suo nome è Shell Scott, un investigatore privato abitante a Los Angeles. Attirato dalle brune, ha la passione per le bionde, non resiste alle rosse e non disdegna le castane. Ha un appartamento con immensi soffici divani, un letto grande come una piazza d’armi e un bar che non finisce più. Quando è fuori beve bourbon e ne beve una quantità perché è sempre in mezzo a gente che beve una quantità di whisky: canaglie, ruffiani, assassini, ricattatori, informatori, e paga sempre lui perché nessuno gli offre mai da bere. Non è certo popolare neanche con i poliziotti, almeno ufficialmente, giacché sottobanco può contare sulla ferrea amicizia di due nella Squadra Omicidi. Ecco Shell Scott, e si può aggiungere soltanto che è l’unico investigatore privato della moderna letteratura gialla che ha un seguito di quaranta milioni di lettori soltanto in America, quasi quanti siamo noi in Italia, dove più di duecentomila persone seguono regolarmente le sue avventure. Questa comincia all’apparenza innocentemente come tante altre, quando Shell si ritrova in grembo un rubino che serviva a ricoprire l’ombelico di una ragazza egiziana famosa per la danza del ventre, e poco dopo assiste all’esplosione della bara dove era stato riposto il cadavere di un gangster.

Bibliografia italiana

1. Le labbra fredde (The Case of the Vanishing Beauty, 1950), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 40 [1956]; “I Nuovi Gialli Proibiti” n. 1 [1966] Traduzione di Elisa Marpicati

2. La ferita sanguina (Bodies in Bedlam, 1951), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 69 [gennaio 1959] Traduzione di Elisa Marpicati

3. A denti stretti (Everybody Had a Gun, 1951), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 81 [1960] Traduzione di Adriana Pellegrini

4. Trova quella donna (Find This Woman, 1951), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 59 [1957]

5. La spada di carne (Dagger of Flesh, 1952), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 61 [1958]; “Il Miglior Giallo” Longanesi n. 4 [1968] Traduzione di Adriana pellegrini

6. Nuda nella strada (Darling, It’s Death, 1952), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 57 [1957]; “I Nuovi Gialli Proibiti” n. 9 [1966] Traduzione di Sem Schlumper

7. Lei ti ucciderà (Lie Down, Killer, 1952), Gialli Giumar n. 2 [1959] Traduzione di Fluffy Mella Mazzucato

9. Lasciale quando son morte (Always Leave ’em Dying, 1953), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 53 [1957]; “I Nuovi Gialli Proibiti” n. 5 [1967] Traduzione di Elsa Pelitti

10. Sopra noi il panico (Pattern for Panic, 1954), Gialli Giumar n. 7 [anni Cinquanta] Traduzione di Elena Cecchini

11. Questione di prezzo (Over Her Dear Body, 1959), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 83 [1960]

12. Giuoco pericoloso (Ride a High Horse, o Too Many Crooks, 1953), Garzanti “Serie Gialla” n. 68 [1955] Traduzione di Bruno Tasso

13. Strappa e colpisci (Strip for Murder, 1955), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 46 [1956]; “I Nuovi Gialli Proibiti” n. 3 [1966] Traduzione di Adriana Pellegrini

14. Pupe, ditelo a Scott! (The Wailing Frail, 1956), Gialli Giumar n. 14 [1959] Traduzione di Elena Cecchini
– Ristampato come Un uomo, tre donne ne “I Gialli Proibiti” n. 164 [1967] Traduzione di Rita Annoni

19. Domani a te (Take a Murder, Darling, 1958), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 72 [1959]
– Ristampato come Il gemello scomparso per “Mystery” Longanesi n. 11 [1988] Traduzione di Adriana Pellegrini

20. L’inferno doppio (Double in Trouble, 1959), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 93-94 [1961] Traduzione di Sem Schlumper

21. Vieni qui (Dance with the Dead, 1960), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 95 [1961] Traduzione di Sem Schlumper
– Ristampato come Danza con la morte per “Mystery” Longanesi n. 20 [1988] Traduzione di Sem Schlumper

22. La tomba pazza (Dig That Crazy Grave, 1961), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 111 [1962] Traduzione di Giorgio Curelli

24. Un po’ troppo (Kill the Clown, 1962), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 115 [1962]

25. Ti ho preso (Joker in the Deck, 1964), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 141 [1964] Traduzione di Sem Schlumper

26. E poi verrai (The Cockeyed Corpse, 1964), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 150 [1965] Traduzione di Sem Schlumper

27. Due pezzi (Dead Heat, 1963), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 138 [1964] Traduzione di Sem Schlumper

30. Un detective chiamato Shell (Kill Him Twice, 1965), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 161 [1966] Traduzione di Rita Annoni

31. Non passa più (The Meandering Corpse, 1965) “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 170 [settembre 1967] Traduzione di Maria Luisa Cesa Bianchi

32. Gasp! (The Kubla Khan Caper, 1966), “I Gialli Proibiti” Longanesi n. 176 [1968] Traduzione di Ninì Boraschi

33. Shell Scott (Gat Heat, 1967), “I Nuovi Gialli Proibiti” Longanesi n. 10 [1969] Traduzione di Giuliano Mennella

34. Shell Scott e il manoscritto scomparso (The Cheim Manuscript, 1969), “I Nuovi Gialli Proibiti” Longanesi n. 33 [1971] Traduzione di Nuccia Agazzi

35. Shell Scott e la mafia (Kill Me Tomorrow, 1969), “I Gialli” Longanesi n. 22 [1971] Traduzione di Sem Schlumper

38. Lo strano sindaco (The Sweet Ride, 1972), “I Gialli” Longanesi n. 97 [1973] Traduzione di Enrico Sala

Annunci