Tag

, , , , ,

SAS 31aUn miracolo ha fatto sì che trovassi su bancarella, in due diverse occasioni, le due parti di questo SAS inedito dell’estate del 2010: due numeri consecutivi della collana “Segretissimo SAS” (Mondadori).
Visto che già li ho rigirati entrambi ad un collezionista dei romanzi del Principe delle Spie, ne approfitto per schedarli.

Le splendide illustrazioni di copertina sono firmate da Victor Togliani.

Le schede di Uruk:

31. Codice S-300 (parte prima) [SAS 178] (La bataille des S-300, tome 1, 2009) [luglio 2010] Traduzione di Mario Morelli

32. Codice S-300 (parte seconda) [SAS 179] (La bataille des S-300, tome 2, 2009) [agosto 2010] Traduzione di Mario Morelli

Le trame:

C’è del marcio in Iran. E non è solo il regime degli ayatollah. C’è del marcio nucleare: micidiali missili S-300 di fabbricazione russa celati in una base segreta. È quanto Mehdi Ezazi, uomo d’affari iraniano e informatore dei servizi segreti tedeschi, riesce a fotografare in un’azione temeraria. Che si tramuta nella sua ultima azione. E adesso, per recuperare le immagini, la CIA deve scendere in campo. Qualcuno ha violato l’embargo militare e l’Iran potrebbe avere la capacità di lanciare un apocalittico first strike. Un solo uomo per questa missione al limite: Malko Linge, il Principe delle Spie.

C’è del marcio ben oltre l’Iran. Ora che il bubbone dei missili S-300 di fabbricazione russa destinati agli ayatollah è scoppiato, Malko Linge non ha scelta se non fare i conti con la sua letale ricaduta. La partita è ancora tutta da giocare, solo che questa volta il terreno dello scontro è l’alta finanza delle operazioni nere. Dalla borsa di Mosca ai palazzi di Vienna fino alle banche del Liechtenstein, la corsa è contro il tempo, ma anche contro poteri economici in grado di comprare interi governi. Per il Principe delle Spie, un nuovo labirinto popolato da belle donne senza troppe inibizioni e duri killer senza troppi scrupoli.

Gli incipit:

La bataille des S-300 1Mehdi Ezazi rabbrividì mentre scendeva dalla Mercedes del generale Cyrus Khosrodad, uno dei capi del corpo dei Pasdaran. Questi ultimi, vero e proprio stato nello stato, avevano soppiantato l’esercito regolare iraniano, un po’ come le ss avevano fatto con la Wehrmacht sotto il regime nazista. Oltre all’impegno militare, si occupavano del piano nucleare dell’Iran e del “Programma 111” per lo sviluppo di missili intercontinentali. Perciò potevano permettersi tutto, a differenza dei principali ministeri, che viaggiavano in Paykan, un’auto fabbricata in Iran, che sta alla Mercedes come le polpette al foie gras…
Con il passare degli anni, i Pasdaran, i “Guardiani della Rivoluzione” che avevano versato abbondantemente il proprio sangue nella guerra contro l’Iraq, erano diventati la principale forza militare del paese e controllavano gran parte dei settori di attività.

La bataille des S-300 2Oleg Kazenin sentì il polso accelerare vertiginosamente. Pervij Kanal, della rete televisiva ORT, aveva interrotto uno sceneggiato per trasmettere una notizia flash. Dietro il cronista col microfono in mano, si vedevano distintamente due corpi coperti da teli, stesi sul marciapiede.
L’oligarca si precipitò ad alzare il volume per sentire il commento. Captò all’istante l’essenziale: si trattava di un duplice omicidio commesso due ore prima in via Prechistenka, nell’elegante quartiere di Ostozhenka. Un ignoto killer aveva ucciso con una pistola munita di silenziatore due cittadini americani che lavoravano all’ambasciata di Mosca.
Si trattava di una donna e di un uomo con la qualifica di diplomatico ma che, in realtà, era un agente dei Servizi di sicurezza. Quest’ultimo scortava un personaggio importante di cui non veniva fatto il nome, e che non era stato colpito.

L’autore:

Nato a Parigi nel 1929 da una famiglia di militari con ascendenze aristocratiche, Gérard de Villiers inizia la carriera come giornalista, dopo essersi laureato in Scienze politiche. Nel 1965 scrive il primo romanzo con protagonista SAS, Sua Altezza Serenissima Malko Linge: SAS a Istanbul. Seguiranno 200 avventure di SAS, e De Villiers introdurrà nella spy story elementi di sesso e di violenza prima sconosciuti. L’autore è scomparso nel 2013.

SAS 32aL.

– Ultimi post simili:

Annunci