Tag

, , ,

Continua per tutto dicembre l’iniziativa di presentare solo romanzi di Natale!
Ogni genere, ogni autore, ogni nazionalità troverà spazio: non esitate a segnalarmi titoli, che vi ringrazierò nei relativi post.

La scheda di Uruk:

Magico natale (Saving Christmas, 1999) di Pamela Bauer [Harmony Collezione, 10 gennaio 2014] Traduzione di Anna Vassalli

La trama:

È vero che a Natale bisogna essere più buoni, ma le stanno chiedendo una missione impossibile! Appena tornata nella cittadina d’origine, Sara si vede appioppare l’onere di guidare il comitato che è stato creato per salvare la comunità sull’orlo della bancarotta. Tra le persone più disponibili ad aiutarla c’è Alice Gibson, mamma del suo idolo nonché amore infranto dell’adolescenza. Sara spera che il passato non riemerga, ma è una pretesa senza speranza: il bel Joe decide di arrivare nella cittadina proprio durante le festività natalizie e, galeotta una tempesta di neve, è costretto a rimanere più a lungo del previsto…

L’incipit:

Nikki Gibson, nove anni, si fiondò fuori casa canticchiando Stella, stellina… Si arrestò di botto davanti all’altalena, chiuse gli occhi ed espresse il proprio desiderio.
Quando li riaprì, Shawna e Lindsey, le due cuginette di sette e cinque anni, erano al suo fianco; la seguivano ovunque andasse e a Nikki non dispiaceva: era come avere due sorelle.
Le tre bimbe presero posto sull’altalena e cominciarono a oscillare. «Che desiderio hai espresso, Nikki?» volle sapere Lindsey, la più piccola.
«Non deve dirlo o non si avvererà» dichiarò Shawna.
Nikki sapeva che la cuginetta aveva ragione. Non aveva mai confidato a nessuno il desiderio che esprimeva quando vedeva la prima stella brillare nel cielo, nemmeno alla sua migliore amica, Chelsea.
Non poteva proprio. Soprattutto perché non si limitava a esprimere il desiderio a una semplice stella. Sapeva che al di là della stella c’era il paradiso e che tutti i milioni e milioni di stelle altro non erano che piccole finestre che lasciano filtrare la sua luce. Ogni volta che alzava gli occhi al cielo e vedeva una stella non perdeva l’occasione di mandare un saluto alla mamma.
«Voi due siete fortunate a vivere in collina» sospirò Nikki con un po’ di invidia. «Potete vedere le stelle tutte le notti.»
«Perché, non ti piace abitare vicino alla spiaggia?» chiese Shawna.
«Sì, ma vorrei che non fosse sempre così nuvoloso. Tante volte non riesco a vedere le stelle.» La cosa preoccupava molto Nikki: aveva bisogno di dare un’occhiata al paradiso tutte le sere.
«Verrai da noi nelle vacanze di Natale?» Lindsey si sporse in avanti, gli occhioni spalancati.
Prima che Nikki potesse rispondere, si intromise Shawna. «La mamma te l’ha già spiegato che non può. Deve andare nel Minnesota.»
«Ma non per tutte le vacanze» precisò Nikki.
«Pensavo che tua nonna si fosse rotta un piede…»
«Sì, ma papà vuole portarla qui con noi. Andiamo a prenderla perché sta diventando testarda» spiegò Nikki. «Papà dice che tutti gli abitanti di Christmas sono testardi.»

L.

– Ultimi post simili: